Caro attore (o artista), ciò che fai è inestimabile

Mark O'Connell, LCSW-R
Fonte: Mark O'Connell, LCSW-R

Caro attore,

Quello che fai è inestimabile. Ricordatelo.

Scrivo questo come attore che ora è un terapeuta, e lo adora, e che lavora con molti attori, ognuno dei quali è unico ma anche molto simile a te: sanno come usare se stessi in modo creativo, efficace e significativo ogni area della loro vita.

Ora con "cosa fai" intendo il mestiere di recitare, non il business. Il mestiere espande le nostre capacità creative, mentre il business ci costringe a pensare solo in due: in versus out, unione contro nonunion, ecc. In breve, ci viene mostrata una linea dura tra essere un attore e non essere uno.

Fortunatamente la parte artigianale di voi non pensa in due, ma in molteplicità e possibilità. Il tuo mestiere precede la tua consapevolezza del business, e inizia con un sincero interesse per ciò che rende tick ognuno di noi. Osservi come ci differenziamo e scopriamo le discussioni comuni che ci collegano insieme. Conoscerai te stesso come sei, e poi esplori chi potresti diventare, sperimentando il modo in cui parli e cammini, e immaginando dilemmi inimmaginabili, e invocando umorismo, desiderio, carisma, paura, autorità, rabbia, dolore, disperazione, coraggio, e varie altre risorse naturali dal profondo di te stesso che potrebbero non essere state prontamente disponibili nella tua vita come tu lo hai conosciuto. E li usi tutti per raccontare storie evocative, sia su di te che su persone che sembrano molto diverse da te in superficie.

La tua missione infinita quindi – indipendentemente da come ti guadagni da vivere – è sviluppare la tua stessa voce e allo stesso tempo respirare la vita nelle molteplici voci di altre persone.

E in questo senso, essere un attore non è diverso dall'essere un terapeuta, uno scrittore o un amico o una serie di altri ruoli nella vita che richiedono empatia, versatilità e apertura.

Ma poi c'è quella parola difficile: la carriera.

Hai bisogno di fare tutto il tuo soggiorno ogni anno da incontri sindacali a pagamento per chiamare ciò che fai una carriera? Hai bisogno di qualificarti per il piano pensionistico SAG o essere un nome familiare per chiamare ciò che fai una carriera?

Che mi dici dei miei amici che scrivono opere teatrali e le eseguono in parchi e magazzini, e affinano le loro capacità facendo letture e serie web? Non hanno una carriera sostitutiva perché lavorano da 9 a 5 per avere un'assicurazione sanitaria? Che dire di mia zia, l'infermiera psichiatrica, che si è sempre esibita come attore a New York e nelle piccole città, sui palchi Equity e nei teatri della comunità, in industriali per i quali è stata pagata e per i film studenteschi per i quali non era … e chi la usa? capacità di prestazione per un grande effetto empatico con i suoi pazienti? Non ha una carriera da attrice perché fa la maggior parte della sua vita da infermiera e non fa audizioni per la stagione pilota?

È tempo di reclamare cosa significa essere un attore. Quello che abbiamo imparato sul commettere emozioni ed espandere l'empatia, e usare le nostre voci per diventare molte cose grandiose, è troppo prezioso per essere preso da noi da un'industria riduttiva che sfrutta gli stereotipi alla moda.

Ora, ogni volta che arte e industria si scontrano (anche se raramente), dovremmo sicuramente applaudire. E naturalmente dovremmo festeggiare qualsiasi opportunità di lavoro che possiamo guadagnare come artisti.

Ma dobbiamo anche usare parole come la carriera per descrivere la miriade di modi in cui pratichiamo l'arte che amiamo, viviamo e respiriamo. E non solo quando siamo abbastanza fortunati da recitare in uno spettacolo di cui la madre di tutti sentirà parlare, ma ogni volta che diventiamo ascoltatori, guaritori, amanti, leader, attivisti, creatori e cantastorie in ogni aspetto della nostra vita.

Quando rifletto sul disparato viaggio della mia vita – dall'essere un attore, alla produzione di teatro, all'attivismo sociale, a diventare terapeuta, scrittore e oratore pubblico – sembra una carriera, radicata nell'arte della recitazione.

Dopotutto una delle nostre più grandi capacità è quella di dare un significato a delle vite che non si svolgono esattamente come ci aspettiamo. Non importa le circostanze delle nostre sceneggiature, cerchiamo in profondità per rendere sensate le vite dei nostri personaggi. Possiamo fare lo stesso per conto nostro.

Quindi, per quanto ti eserciti, ricordati che sei un attore.

Copyright, Mark O'Connell, LCSW-R

* Questo articolo è apparso per la prima volta in Backstage.

Solutions Collecting From Web of "Caro attore (o artista), ciò che fai è inestimabile"