Carisma in psicoterapia

Quanto carisma vogliamo nei nostri psicoterapeuti? Abbastanza poco, ho sempre pensato. Ma poi, il mio stesso analista, "Max", era noioso e sdolcinato, quasi invisibile e enormemente competente. Pensa a George Smiley, interpretato da Alec Guinness. Ho scritto di Max verso l'inizio e la fine del mio primo libro, Moments of Engagement: Intimate Psychotherapy in a Technological Age. Implicitamente, stavo contrastando il suo stile schivo con il modo più imponente di certi leader nella psichiatria americana.

Tre settimane fa, ho promesso che quello che ho promesso sarebbe stato il primo di un post in due parti su Elvin Semrad, un insegnante di psichiatria quasi dimenticato ma ai suoi tempi straordinariamente influente. Semrad, un leader nel sistema di Harvard dagli anni '50 agli anni '70, sosteneva che ora la schizofrenia nasce dalle pulsioni sessuali freudiane distorte da un ambiente familiare imperfetto. Come sottolinea Joel Paris nel suo studio di debunking, The Fall of an Icon: Psicoanalisi e Psichiatria accademica, anche se la maggior parte del lavoro clinico di Semrad era con candidati analitici e pazienti facoltosi con condizioni più miti, ha lasciato il segno attraverso "interviste dimostrative" con pazienti psicotici. Queste sessioni diagnostiche dovevano anche essere terapeutiche, anche se erano condotte davanti a un pubblico di staff e tirocinanti.

In Moments, ho elencato Semrad come terapeuta che ha trasceso il genere. È vero che, nonostante le sue trappole freudiane, Semrad potrebbe essere immediatamente presente con un paziente. In un'intervista con Paris, Leston Havens (il mio mentore, e lo studente di Semrad) chiamò il suo insegnante "un esistenzialista dietro una facciata analitica". Comunque, dubitavo di quelle esibizioni. Per me Semrad sembrava troppo a suo agio nel ruolo del guru. Sebbene non avessi dato il nome a Semrad, chiunque conoscesse il suo lavoro avrebbe preso il seguente passaggio, dal sesto capitolo di Momenti, come una critica alla chiave:

Il tipico tour de force intervistato nella mia scuola di medicina freudiana è stato un incontro con. . . un paziente schizofrenico. . . Il paziente entrava in una muta o chiacchierona insalata di parole, e l'intervistatore comprensivo si sedeva vicino a lui – questo sarebbe di fronte a un gruppo di venti studenti affettuosi in varie fasi della formazione – e rimbombare dolci nozioni empatiche.

Lo strumento terapeutico era l'analista ben analizzato, un uomo né spaventato né disgustato dagli impulsi inconsci del paziente espressi attraverso la malattia. L'intervistatore nella sua anima non voleva né dominio né soccorso, il suo petto era un cuscino neutro sul quale il paziente tormentato poteva posare la testa.

E presto la conversazione si sarebbe trasformata nell'infanzia del paziente, nei ricordi di una nonna, forse, che aveva mostrato occasionali bontà in mezzo al continuo abuso commesso sul figlio da genitori e fratelli. Il pubblico ha mantenuto il suo respiro collettivo mentre il paziente, con coerenza ora e con più sentimento di chiunque altro nel reparto lo avesse mai sentito radunare, riversato il suo senso di desiderio e di perdita.

L'effetto di queste interviste era strano, perché spesso, come no, nessuno in reparto poteva mai ottenere di nuovo un momento di lucidità dal paziente. Il maestro intervistatore aveva dimostrato che si poteva fare e il suo successo servì a convincere il personale che la malattia del paziente si adattava a un modello psicologico di resistenza e formazione dei sintomi attraverso il compromesso di fronte al conflitto interiore. Ma spostarsi ulteriormente era di solito un lavoro ingrato, con il risultato che il messaggio efficace ai giovani terapeuti era che avevano bisogno di maggiore grandezza interiore – la libertà dal loro conflitto – se dovessero fare il lavoro. Era a questa pace e armonia che aspiravo, sebbene fossi consapevole anche da studente di medicina che aveva un lato noioso e noioso.

Devo aggiungere che diffidavo del potere di Semrad, in questi forum pubblici, in parte perché ne possedevo un po 'io stesso. Dato il palcoscenico e il pubblico, non è così difficile, infine, convincere i pazienti a rivelarsi. Ma dovrebbero? E dobbiamo fidarci delle intuizioni che emergono? Sono contento che il colloquio di dimostrazione sia, per la maggior parte, una cosa del passato.

Per essere ancora più franco, penso che Semrad abbia dovuto parte del suo status alla sua etnia. A differenza dei leader delle generazioni precedenti, non era un ebreo ebreo, accentuato, angosciato, continentale, urbano. Come Harry Stack Sullivan, come Murray Bowen, come Carl Whitaker, come Carl Rogers, Semrad, che proveniva da Abie, Nebraska, prometteva una psicoterapia più autenticamente americana. Era Will Rogers, pieno di aforismi e capacità di apprezzare qualcosa in tutti.

Gli studenti hanno raccolto i suoi detti in un libro a volte affascinante, a volte stucchevole, Semrad: Heart of a Therapist. Cosa facciamo di questi aperçus:

"Non c'è una ragazza in questa stanza che non abbia incrociato le spade con sua madre."

"Non ho mai visto nessuno arrabbiarsi con nessuno, a meno che non sia importante per lei."

"L'unica cosa che scuote gli uomini sono le loro donne".

"Le donne americane non sembrano inclini ad essere amanti, lo vogliono per conservare. Va bene essere un'esca, ma quando va a pescare, vuole il pesce. "

"La casa è un posto dove non puoi tornare: non c'è più".

"Sai, a nessuno piace lavorare. È un'attività sostitutiva per amare. "

Ricordano un'era più semplice. Ma in retrospettiva (e, onestamente, lo stesso era vero anche in quel momento), le osservazioni sono legate alla cultura, anti-intellettuali, condiscendenti alle donne e un po 'soddisfatte di sé. Sebbene abbiano la forma della saggezza, molte delle osservazioni mi sembrano semplicemente sbagliate. Alla gente piace lavorare per se stesso, per le sfide che pone e la competenza che suscita.

Mi piacerebbe vedere di nuovo la psicoterapia rifiorire, come avvenne a metà del secolo, ma con questa differenza. Nessun guru Il mio ideale di rinascita psicoterapeutica è un movimento i cui leader sono ammirati ma non idolatrati.

Solutions Collecting From Web of "Carisma in psicoterapia"