Cappelli di Gerusalemme

Secondo un rapporto pubblicato la scorsa settimana dal Forum del Pew Research Center su Religione e Vita pubblica, quasi un terzo della popolazione mondiale vive in paesi dove è sempre più difficile praticare liberamente la religione. In alcuni paesi, come Cina, Nigeria, Tailandia e Gran Bretagna, l'ostilità pubblica verso la religione è il problema. In altri paesi, come l'Egitto e la Francia, aumentano le restrizioni governative. Per entrambe queste ragioni, la libera e aperta pratica della religione – in particolare per le minoranze religiose – sta diventando sempre più limitata in vaste parti del mondo.

In drammatico contrasto, qui a Gerusalemme, in Israele, dove vado in vacanza, la religione è fiorente. La vecchia città di Gerusalemme è una cornucopia di espressione religiosa. Ci penso (e non intendo mancare di rispetto), come il parco tematico della religione. Piccole e affollate, le antiche strade di Gerusalemme sono piene di moda in tutte le sfumature del monoteismo. Ecco una suora con un abito bordeaux, c'è un uomo con un cappello di pelliccia rotondo. Ecco un grande papalino bianco che si riempie di un jalabiyah che scorre, c'è uno yarmulke in maglia sopra jeans e maglietta. Una giovane madre che indossa un fazzoletto di velluto spinge un passeggino lungo i gradini di pietra. Teste femminili con foulard multicolore e turbanti dall'aspetto elegante spiccano come fiori graziosi in un campo che presenta una grande quantità di classico bianco e nero. Un chierico cristiano copto ha un'espressione cupa sotto la sua mitra; un pastore greco-ortodosso ha i capelli lunghi legati sotto il cappello del camino. Ciò che accomuna questa infinita varietà di cappelli è una caratteristica importante. Ognuno è indossato per motivi religiosi. Si potrebbe osservare che i cappelli di Gerusalemme dimostrano unità nella diversità.

Ma che dire delle personalità sotto i cappelli? Le personalità religiose hanno qualcosa in comune?

I ricercatori psicologici hanno esaminato questa domanda, molti dei quali utilizzano il modello di personalità Five Factor molto apprezzato. La religiosità è coerentemente correlata con due dei principali fattori, gradevolezza e coscienziosità.

La coscienziosità, in questo modello di personalità, è legata all'ordine, al controllo degli impulsi, alla moderazione, alla conformità sociale e alla scarsa flessibilità. La piacevolezza implica altruismo, cura e supporto emotivo.

L'introversione-estroversione non distingue i religiosi da quelli non religiosi. Tuttavia, la stabilità emotiva si correla positivamente con la religiosità, principalmente perché è correlata negativamente con l'impulsività.

Gli studi di personalità e religiosità rappresentano di solito un momento nella vita dei loro soggetti. Quindi, mentre noi possiamo sapere che la religiosità è associata alla stabilità, all'ordine e al controllo degli impulsi, non sappiamo se le persone con queste caratteristiche sono attratte dalla religione o se la religione le fornisce per loro.

Le personalità religiose condividono alcune caratteristiche, ma per loro c'è molto di più. Che dire dei fondamentalisti religiosi, quali personalità esprimono la loro religione in questi termini? E che dire dei cercatori religiosi o di quelli che si definiscono "spirituali" piuttosto che "religiosi"? Gerusalemme li ha tutti, e noi esploreremo le loro personalità, i valori e le azioni nei futuri blogposts.

La cosa più affascinante è cosa si nasconde sotto il tuo cappello.

Solutions Collecting From Web of "Cappelli di Gerusalemme"