Capodanno lunare, Tet e Bat Mitzvah: cosa non si ama?

È interessante per me che la gente dice che la nostra figlia più giovane, con i suoi occhi grigio-blu assomiglia a me – dichiara che deve aver ottenuto i miei geni! – e che la nostra figlia maggiore assomiglia più al lato della famiglia di mio marito, che con i suoi adorabili occhi color cioccolato. In realtà, la nostra piccola famiglia sfiderà per sempre questo tipo di organizzazione (o è il tipo di casting?), Come fanno molte famiglie che sono arrivate attraverso l'adozione.

Sono ebrei? La gente chiederebbe. Sei russo? Alcuni si sono chiesti. E mi resi conto che il gioiello della corona della cultura-diversità americana era improvvisamente un enigma perplesso, portato alla luce questa volta da un paio di genitori e bambini.

Dopo le nostre ragazze, venute dalla Russia alle 10 e alle 13, alcuni parenti volevano sapere – dal momento che siamo ebrei – se le ragazze avessero avuto bat mitzvah, essere innalzate in altre parole ebraiche. Li portiamo al tempio, ma impariamo l'ebraico (leggi da destra a sinistra, non meno) prima che capissero l'inglese per tutto il tempo che si adattava ad una nuova famiglia e casa? No, non avrebbero avuto bat mitzvah.

"Ma tu sei i loro genitori, li porti semplicemente alle lezioni di ebraico", disse un parente molto distante mentre sistemava un enorme Chai sul suo petto villoso. "Nessun bambino ama andare", ha detto. Loro imparano.

Ok, quindi non avevo mai avuto un bat mitzvah, mio ​​marito aveva un bar mitzvah, ma non era quello il suo punto. Il suo punto di vista era, credo, quello di rendere le ragazze, nella sua mente, uguali a noi – o a ciò che pensava dovremmo essere – come lui. Detto questo, credo che ogni genitore senta una punta di questo impulso, che lo ammettano o no.

Christina Frank , una scrittrice a Brooklyn, mi ha raccontato un'altra storia di tradizione e patrimonio. La vigilia di Natale, lei e le sue due figlie andarono a casa di sua madre per una tradizionale vigilia polacca, un pasto ritualizzato che fa parte dell'educazione polacco-cattolica di sua madre. Mangiarono pierogi e zuppa di funghi e passarono intorno a un oplatek (wafer) dal quale tutti assaggiarono un boccone, spiegò.

"Scommetto che è sicuro dire che siamo stati uno dei pochi gruppi di celebranti di Vigilia che includevano due bambini vietnamiti", tra cui la figlia minore, Lucy di 8 anni, e la figlia di suo cugino, di 7 anni.

"Per complicare ulteriormente le cose, mia figlia maggiore, la sorella di Olivia-Lucy, è la mia figlia biologica, la nipote biologica di mia madre, e quindi tecnicamente ha radici polacche in un modo che Lucy non ha".

Christina dice che sua madre le ha chiesto come avrebbe potuto fare un salto di grazia nel fatto che questo patrimonio appartiene a una delle ragazze di Christina, ma non l'altra. "È il tipo di domanda che far parte di una famiglia bio-adottiva mi dà la possibilità di meditare regolarmente.

La verità è, dice Christina, che "Olivia non è più intrinsecamente polacca di quanto Lucy sia intrinsecamente vietnamita. Condividono i geni con e assomigliano a persone che provengono da questi due paesi, rispettivamente, ma la loro esposizione ai rituali culturali è stata identica. Lucy ha festeggiato il Natale e Hanukkah e mangiato cibo in stile occidentale con noi da quando è tornata a casa a 6 mesi. "Olivia, che aveva 5 anni quando la famiglia andò in Vietnam per adottare Lucy, ha in realtà più ricordi di quel paese di sua sorella , dice Christina.

Ma "Lucy sente una fedeltà al Vietnam che è sua e che nutriamo e rispettiamo. Questo mese, dice, "ci sentiremo tutti un po 'vietnamiti quando ci sediamo alla nostra cena annuale di pho ga (zuppa di noodle) e thit neo huong (sottili braciole di maiale) per festeggiare Tet, il capodanno vietnamita." Lei aggiunge, "Proprio come ci sentivamo un po 'polacchi alla vigilia di Natale."

Jeri Okamoto Floyd, uno scrittore ed ex avvocato e attivista di comunità nella West Los Angeles – che è stato riconosciuto da OCA-GLA, la Japanese American Citizens League e Asian Pacific American Legal Center per il suo servizio di comunità – è un americano giapponese di terza generazione il cui nonni immigrati dal Giappone. Entrambi i suoi genitori sono cresciuti nel Wyoming e anche Jeri ha trascorso parte della sua infanzia lì, spesso come uno dei pochi americani asiatici. Lei e suo marito, Dan, "un 6'2" biondo californiano nativo dagli occhi azzurri, "dice Jeri, hanno due figlie nate in Cina e ciascuna adottata a 10 mesi. Le loro ragazze ora hanno 10 e 14 anni.

Parte della famiglia allargata di Jeri è buddista, parte è cristiana, ed è cresciuta come metodista unito. Dan è stato cresciuto come cristiano da una madre che tendeva verso l'evangelico. Oggi la famiglia Floyd frequenta una Chiesa metodista a West Los Angeles fondata dagli americani giapponesi quasi 80 anni fa e ha una grande congregazione panasiatica

"Secondo me – condiviso da mio marito, ma non da tutti i genitori – i nostri figli hanno costantemente bisogno di vedere che ci sono molti modi diversi di essere americani, in generale, e americani di origine cinese / asiatica, in particolare.

Indipendentemente dal fatto che le famiglie siano della stessa razza o siano transraciali, i figli parentali di colore in una famiglia adottiva ci impongono di essere deliberatamente intenzionati a creare delle opportunità educative, ma allo stesso tempo empowering per ciascuna delle nostre figlie a sviluppare un'identità positiva come adottati, che include un'identità razziale positiva. La razza è spesso l '"elefante nella stanza" per le famiglie adottive transraciali. È molto più facile concentrarsi sul tema più delicato della "cultura".

Per molte famiglie, afferma Jeri, "il primo grande richiamo comunitario all'eredità dei loro figli passa attraverso la celebrazione del nuovo anno lunare con altre famiglie adottive. È una serata meravigliosa e un'istantanea carina – la famiglia felice con i loro bambini cinesi vestiti in pigiama di seta – ma è congelata nel tempo. C'è molto di più che non viene catturato in quella foto di famiglia. "

Per alcuni bambini adottivi, dice, questa festa è la loro unica percezione e connessione alle cose "cinesi" e anche questo riconoscimento annuale viene nascosto nella parte posteriore dell'armadio insieme ai loro vestiti fino al prossimo anno.

"Essere in una stanza con centinaia di altri adottati e famiglie transraciali che assomigliano al loro possono essere eccitanti e responsabilizzanti per un bambino, ma quella celebrazione annuale non è sufficiente. Sono gli altri 364 giorni dell'anno che contano di più. Un bambino non può indossare e togliersi la corsa come un vestito cinese. "

Quindi qui ci sono solo tre dei puzzle-mosaici che a volte l'adozione crea. Ma c'è meraviglia in quasi ogni enigma e bellezza in quasi tutti i mosaici che abbia mai visto. I mosaici sono fatti di singoli pezzi che sembrano non appartenere insieme. Scopriamo, lo fanno.

Credito fotografico: Linda Vaden-Martin

Solutions Collecting From Web of "Capodanno lunare, Tet e Bat Mitzvah: cosa non si ama?"