Capitalismo ipocrita

shuttercock
Fonte: otturatore

Molti in Occidente difendono i "liberi mercati", affermando che la concorrenza libera produce beni e servizi in modo più efficiente. Ma quanto è vero che i nostri mercati sono gratuiti? E quanto è efficiente?

Quando il capitalismo prende la sua propria immagine, inevitabilmente liscia le imperfezioni, come il resto di noi, e nasconde il maggior numero possibile di cicatrici. Come ha affermato Joseph Stiglitz, l'economista vincitore del premio Nobel di recente: i nostri "banchieri", tra i più forti sostenitori dell'economia del laissez-faire, erano fin troppo disposti ad accettare centinaia di miliardi di dollari dal governo nei salvataggi che sono stati una caratteristica ricorrente dell'economia globale dall'inizio dell'era Thatcher-Reagan dei mercati "liberi" e della deregolamentazione ".

E, quindi, la nostra politica, invasa il mio denaro, aggrava il problema. Fornisce questi esempi: "Il Congresso mantiene sussidi per i ricchi agricoltori mentre riduciamo il supporto nutrizionale per i bisognosi. Le società farmaceutiche hanno ricevuto centinaia di miliardi di dollari poiché limitiamo i benefici Medicaid. Le banche che hanno provocato la crisi finanziaria globale sono diventate miliardi, mentre una miseria andava ai proprietari di case e alle vittime delle pratiche di prestito predatorie delle stesse banche ".

"La disuguaglianza economica si traduce in disuguaglianza politica e la disuguaglianza politica produce crescenti disuguaglianze economiche".

Questo non è un parlare radicale o un socialista, anche se può sembrare così. Un economista mainstream e rispettato, Stiglitz, sta parlando di fatti che sono tutti nella documentazione pubblica.

Se alziamo gli occhi al di sopra del nostro orizzonte e prendiamo in considerazione la Cina e la Grecia, possiamo vedere i nostri errori passati rianimati. Innamorato delle dinamiche del capitalismo e del suo potere, la Cina si è convertita in un'economia di mercato. E, proprio come il capitalismo ha fornito un'immensa ondata di produttività e ricchezza per l'Occidente nel diciannovesimo secolo, anche la Cina ha beneficiato della crescita e dell'aumento della prosperità. Ma ora i cinesi sono scioccati nello scoprire che non possono avere il rialzo senza il rovescio della medaglia. E i greci stanno scoprendo le conseguenze della corruzione e della disattenzione in cui i ricchi sono riusciti a piegare il sistema a proprio vantaggio.

Chiaramente, il sistema richiede una forte regolamentazione e un monitoraggio vigile al lavoro, restrizioni che il nostro sistema finanziario combatte e mina in ogni momento. La Cina e la Grecia ricordano quanto siamo vulnerabili. Ma anche con una supervisione forte e affidabile, rimangono due problemi inerenti al sistema, a parte la sua intrinseca instabilità.

Il primo è che produce disuguaglianza, che è una costante minaccia per la democrazia. La distribuzione della ricchezza non solo è distorta in maniera massiccia e, di conseguenza, la corruzione è incoraggiata, ma anche molti lavoratori soffrono di insicurezza e delle nostre fragili e sfilacciate reti di sicurezza.

Il secondo è lo sfruttamento spericolato del pianeta. Per un po ', ipnotizzato dai beni più economici forniti dalla nostra economia super carica, non abbiamo notato l'esaurimento delle risorse del pianeta, l'inquinamento, le condizioni degradate in cui siamo costretti a vivere, le vite rachitiche e le malattie. I benefici del capitalismo ci distrassero e sembrava un prezzo che valesse la pena pagare.

Ci dimentichiamo troppo facilmente dei costi e dei rischi mentre celebriamo la prosperità. E guardiamo dall'altra parte

Forse il problema è che ci vuole troppo sforzo per ricordare a noi stessi i rischi, e ci sintonizziamo. Per essere sicuri, quelli che traggono maggiori benefici dal sistema ci incoraggiano a guardare dall'altra parte. Ma dobbiamo anche tenere a mente i fatti che preferiremmo emettere un'aerea dalla nostra mente.

Solutions Collecting From Web of "Capitalismo ipocrita"