Capire le tue emozioni

Emozione

Lo studio delle emozioni è uno sforzo multidisciplinare di vecchia data che solo recentemente è stato organizzato con l'unificazione di professionisti della ricerca in diverse discipline accademiche, inclusa la psicologia, esplorando quella che chiamano "scienza affettiva" (Gross & Barrett, 2013). Questo termine ampio tenta di incapsulare stati d'animo, emozioni e altri stati motivati ​​come domini di interesse che trascendono i confini tradizionali di specifiche discipline. Ma perché tutto il trambusto per l'emozione? Oltre un secolo fa, Wilhelm Wundt descriveva l'emozione come "l'ingrediente fondamentale della mente umana". I ricercatori contemporanei definiscono l'emozione come sequenze di risposta flessibili che vengono messe in atto ogni volta che un individuo valuta una situazione che offre sfide o opportunità (Tooby & Cosmides, 1990) . In breve, le emozioni si verificano quando vengono valutate le situazioni.

Bessi/Pixabay
Fonte: Bessi / Pixabay

Diverse teorie sulla funzione che le emozioni servono sono state proposte. Molti temi convergenti della funzione dell'emozione comprendono aspetti cognitivi come la facilitazione del processo decisionale , aspetti evolutivi come la preparazione per i movimenti motori rapidi , e aspetti generali come il modo in cui l'individuo corrisponde alla sua circostanza ambientale in un dato momento (Oatley & Johnson-Laird, 1987; Frijda, 1986; Schwarz & Clore, 1983; Fridlund, 1994). Emozioni sono state identificate anche per servire funzioni sociali come informare l'intenzione comportamentale di un altro, suggerire la "bontà" o "cattiveria" o qualcosa del genere, e lavorare per scrivere comportamenti sociali (Keltner & Buswell, 1997; Walden, 1991).

Questa valutazione della situazione attuale, che porta a sperimentare un'emozione specifica, avvia una sequenza di cambiamenti nei sistemi esperienziale, comportamentale, autonomo e neuroendocrino (Lang, 1995). A seconda della valutazione, questi cambiamenti a livello di sistema possono essere necessari per la sopravvivenza e l'adattamento. Al contrario, se una situazione viene valutata in modo errato, può portare a un cambiamento a livello di sistema che non è solo inutile, ma in realtà dannoso per l'individuo. Per esempio, un individuo con attacchi di panico cronici può cominciare a temere che lui o lei stia "impazzendo" e questa persistente preoccupazione porta ad un aumento dell'ansia, che a sua volta può portare ad eccitazione autonomica attraverso accelerata frequenza cardiaca e livelli elevati di cortisolo che sono stati collegati a esiti negativi a lungo termine per la salute e a disturbi clinici associati a stress concomitanti.

Regolazione dell'emozione

Una premessa fondamentale nello studio delle emozioni è che gli individui sani hanno il potere di modulare le proprie risposte emotive seguendo uno spunto emotivo, producendo una risposta emotiva diversa o più funzionale. Nel suo precedente lavoro seminale, lo scienziato affettivo James Gross (1998a) definiva la regolazione delle emozioni come "i processi attraverso i quali gli individui influenzano le emozioni che hanno, quando li hanno e come vivono ed esprimono queste emozioni." Simile a come le emozioni coinvolgono più i processi che si svolgono in momenti diversi (spunto emotivo iniziale, valutazione successiva, cambiamenti successivi nei sistemi esperienziale, comportamentale, autonomo, neuroendocrino, identificazione finale delle emozioni) possono anche verificarsi in diversi punti del processo emotivo-generativo. I tentativi di gestire o modificare questo processo emotivo-generativo sono chiamati strategie di regolazione delle emozioni.

Valutare le emozioni in tempo reale

È stato spesso affermato da professionisti della salute mentale e sostenuto nel crescente corpo della letteratura sulle emozioni che non ci sono emozioni intrinsecamente "cattive" da provare, ma ci sono cattivi modi per affrontarle (Aldao, Sheppes e Gross, 2015) . Una migliore comprensione delle proprie esperienze è legata all'autoconsapevolezza di quando (antecedente o focalizzato sulla risposta) e su quale tipo di strategie di regolazione delle emozioni vengono impiegate. Le strategie di regolazione antecedenti (af) si verificano prima che le risposte emotive siano state pienamente attivate e non abbiano ancora influenzato i sistemi fisiologici periferici o le risposte comportamentali accompagnatorie, mentre le strategie di regolazione focalizzate sulla risposta (rf) si verificano dopo che un evento si è già verificato e un l'emozione specifica è stata sperimentata e sta interessando i sistemi fisiologici periferici e le risposte comportamentali (Gross, 1998b). La maggior parte delle ricerche contemporanee ha scoperto che le strategie di regolazione delle emozioni basate sull'antecedente (le prime quattro voci sotto) sono correlate a migliori risultati di salute e benessere mentale rispetto alle strategie di regolazione delle emozioni focalizzate sulla risposta.

Unsplash/Pixbay
Fonte: Unsplash / Pixbay

5 tipi di strategie di regolazione delle emozioni:

Il gruppo di lavoro annuale è stato utilizzato per illustrare le possibili opportunità di regolazione delle emozioni.

1. Selezione della situazione (per la tendenza ad evitare l'avvicinamento)

  • Esempio: immagina di scegliere di partecipare alla festa aziendale dell'azienda dei tuoi datori di lavoro.

2. Modifica della situazione (nella misura in cui una situazione è adattata per modificare il suo impatto emotivo)

  • Esempio: sai che il tuo collega con il quale ti sei recentemente impegnato in un conflitto sui valori lavorativi sarà presente alla festa, quindi scegli di frequentare i festeggiamenti in seguito perché sai che di solito arriva presto e se ne va presto.

3. Implementazione attenta (af- si riferisce a specifici aspetti della situazione che diventano l'attenzione)

  • Esempio: Nonostante arrivi un'ora in ritardo, ti rendi conto che è ancora presente e chiacchiera felicemente con il tuo capo, con cui vuoi parlare. Decidi di avvicinarti al tuo capo ma parla esclusivamente a lui, sperando che il tuo collega si inchini rispettosamente fuori dalla conversazione.

4. Cambiamento cognitivo (descrive il processo di scelta e costruzione di un significato di diversi significati possibili)

  • Esempio: il tuo collega sembra essere ugualmente investito nella conversazione sul lavoro con il tuo capo, a quel punto ti ricordi che lei è anche il suo dipendente, probabilmente vuole fare una buona impressione su di lui, e non è solo indugiare per infastidirti .

5. Modulazione della risposta (rf- tenta di ridurre le risposte emotive una volta che sono state suscitate)

  • Esempio: Inaspettatamente, il tuo collega si rivolge a te ed esprime confusione sul tuo precedente argomento di lavoro la scorsa settimana, di fronte al tuo capo. Ti senti stringere la mascella e tendere i muscoli perché la tua peggiore paura di far esplodere il conflitto in pubblico è stata innescata. Invece di diventare visibilmente irato di fronte al tuo datore di lavoro, devi semplicemente scrollare le spalle e dire cordialmente "oh, ricordo a malapena di cosa si trattasse."

Due delle più comuni strategie di regolazione delle emozioni avvengono agli stadi 4 e 5, cambiamento cognitivo e modulazione della risposta. In particolare, la rivalutazione cognitiva è un tipo di cambiamento cognitivo in cui si interpreta una circostanza potenzialmente suscitatrice di emozioni in un modo che ne modifica l'impatto emotivo e si è sempre dimostrato un modo efficace ed efficace per ridurre l'affetto negativo in una varietà di sani e come popolazioni cliniche, attraverso età e sesso. La soppressione emotiva è un tipo di modulazione della risposta in cui l'espressione di emozioni e comportamenti associati sono inibiti intenzionalmente nonostante la fisiologia già destata. È interessante notare che sia gli studi di osservazione sperimentale sia quelli di osservazione naturalistica hanno dimostrato che le persone che riferiscono esperienze positive più elevate, un miglior funzionamento esecutivo, comportamenti più pro-sociali e un maggiore benessere utilizzano la rivalutazione cognitiva della soppressione emotiva come strategia di regolazione delle emozioni. Al contrario, gli studi hanno indicato che gli individui più frequentemente usano la soppressione emotiva come una strategia di regolazione delle emozioni hanno una frequenza cardiaca più elevata, un cortisolo più salivare libero e concentrazioni marcatamente basse di ossitocina al plasma che è associata a fiducia, sicurezza dell'attaccamento, interazioni sociali positive e riduzione ansia e aggressività.

Poiché le emozioni sono processi interni, possono essere difficili da misurare e monitorare, anche se i professionisti della salute mentale possono essere di aiuto in questo processo, così come l'uso coerente dei tracker nelle applicazioni per smartphone specificamente sviluppate per la salute e il benessere. le funzioni che servono, come valutarle e come modificarle se lo si desidera, le persone possono essere meglio attrezzate per agire in modo proattivo per la propria salute e il proprio benessere piuttosto che aspettare che si verifichi un disturbo fisiologico o mentale.

Solutions Collecting From Web of "Capire le tue emozioni"