Capire il cervello bilingue

Post scritto da François Grosjean.

Il professore dell'Università di Houston, Arturo Hernandez, lavora sulle basi dell'elaborazione bilingue del linguaggio e sull'acquisizione della seconda lingua in bambini e adulti. È cresciuto parlando inglese e spagnolo e ha acquisito altre due lingue da adulto. Un anno fa, ha pubblicato un libro importante, The Bilingual Brain , e ha gentilmente accettato di rispondere ad alcune domande sulla sua opera e sul suo libro.

Ci sono molte pubblicazioni sul cervello bilingue, ma i risultati sono spesso opachi per i laici. Quali sono le ultime scoperte importanti nel tuo campo?

Penso che ci siano alcuni risultati interessanti riguardo alle differenze neuroanatomiche e al bilinguismo. Per me l'idea che le differenze nell'esperienza linguistica possano portare a chiare differenze neuroanatomiche è la scoperta più eccitante che emerge negli ultimi anni.

Proponi nel tuo libro che le lingue bilingue coesistono pacificamente nel cervello e condividono le risorse, ma possono anche competere per queste risorse. Puoi dirci di più su questo?

Lascia che ti dia due esempi. Non ho mai avuto problemi a distinguere tra le parole "effetto" e "affetto", ma ho notato che i parlanti monolingua inglesi possono confondere queste due parole. Attribuisco questo al fatto che ognuna di quelle parole ha degli affini spagnoli con pronunce molto distinte. In questo modo, lo spagnolo aiuta il mio inglese. Ma le lingue possono anche competere. Molti anni fa, un mio amico di lingua spagnola ha detto alla cameriera di un ristorante di fare attenzione perché era cattivo. La cameriera era spaventata. Dovevo ricordare al mio amico che "vicioso" significa essere dipendente o avere una personalità che crea dipendenza e che "vizioso" significa qualcos'altro in inglese. Entrambe le parole provengono dal "vizio" ma hanno un significato molto diverso in ciascuna lingua. Questa è la parte in competizione.

Secondo te, lo stress può portare alla perdita apparente di una lingua (in termini di dimenticanza), ma non dell'altro. Cosa puoi dirci di questo?

Nella mia scrittura non creo un forte legame tra memoria e linguaggio, ma mentre penso sempre di più su questo, diventa chiaro che esiste. La nostra memoria è impostata per ricordare ciò di cui abbiamo bisogno quando ne abbiamo bisogno. In questo senso, le nostre lingue sono impostate per essere ricordate quando ne abbiamo bisogno. Potremmo anche pensare al dominio della lingua in questa prospettiva. Se una lingua è più dominante, potrebbe essere meno suscettibile allo stress. Semplicemente ha più forti interconnessioni con la nostra conoscenza. Quindi ci vuole un pugno molto più grande per farlo fuori. Una lingua meno dominante avrà interconnessioni più deboli e quindi richiede molto meno per mostrare una perdita.

Perché alcune lingue sono privilegiate nel cervello bilingue e non in altre?

Penso che due fattori svolgano un ruolo. Quando lo impari e quanto bene parli sono i due fattori principali che sono anche conosciuti come età di acquisizione e competenza.

In che modo le teorie neurali moderne spiegano che un bilingue può parlare una sola lingua in un momento e parlare due lingue insieme in forma di "discorso misto" a un'altra?

Il mix linguistico è un fenomeno interessante. Una metafora è che esiste un "cambio di lingua" che esiste da qualche parte. Gli studi suggeriscono che sono coinvolte aree nella corteccia prefrontale, nel lobo parietale e / o nei gangli della base. Il problema è che le persone possono impegnarsi in discorsi misti con pochi costi apparenti in alcune situazioni. Per me il problema principale riguarda i segnali esterni che potrebbero servire per attivare ciascuna lingua. Mi ricorda molti dei tuoi studi monolingue e bilingue di molti anni fa. La mia ipotesi è che il cervello possa facilmente adattarsi a questi diversi segnali e quindi caricare le risposte appropriate. Ciò potrebbe richiedere la corteccia prefrontale coinvolta nella flessibilità. Ma potrebbe anche essere abbastanza automatico e quindi fare affidamento anche sui gangli della base.

Sembrerebbe che la neuropsiculinguistica si sia spostata da dove le lingue sono immagazzinate nel cervello (richiama i dibattiti di localizzazione emisferica) su come vengono elaborate? Questo è in parte dovuto al recente sviluppo delle tecniche di imaging?

Penso che l'intero campo della neuroscienza cognitiva abbia iniziato ad adottare un approccio molto più orientato ai sistemi (cioè come interagiscono il cervello, la mente e altri aspetti del corpo umano). I giorni di riflessione su un'area del cervello come contenente una rappresentazione sono finiti da tempo.

Sei un forte difensore nel fondere le "vecchie" scienze della mente e le "nuove" scienze del cervello. Come possono i due contribuire su un piano di parità alla nostra comprensione dell'acquisizione linguistica e dell'elaborazione del linguaggio?

Per me sono davvero la stessa cosa. Penso che studiare il cervello abbia trasformato il modo in cui penso al linguaggio. Le scienze della mente sono tradizionalmente basate sul pensiero della mente come un computer. L'approccio di elaborazione delle informazioni ha prodotto un ricco set di dati. Ma il problema è che non siamo computer. Liz Bates dell'Università della California a San Diego diceva che le reti di connessione non sono umane. Hanno bisogno di ottenere una vita. Non siamo solo menti o cervelli che operano nel mondo. Il nostro cervello è connesso al corpo e in quanto tale funziona come un organismo. Credo davvero che pensare alla mente come emergente dal cervello e dal corpo abbia più senso.

Dove vedi le scienze del cervello bilingue nei prossimi anni?

Penso che le scienze del cervello bilingue debbano tornare al punto di partenza e iniziare a rispondere alle domande fondamentali che sono state poste alla fine del XIX secolo e all'inizio del XX secolo. In che modo l'età dell'acquisizione, l'abilità linguistica e il controllo linguistico aiutano a modellare il cervello bilingue. Piuttosto che pensare alle aree del cervello, potremmo iniziare a pensare alla cognizione come a una serie di stati cerebrali che vanno e vengono come onde vicino alla riva.

Foto del profilo di una testa di Shutterstock.

Riferimento

Hernandez, Arturo E. (2013). Il cervello bilingue . New York: Oxford University Press.

Post di "vita come bilingue" per area di contenuti.

Il sito di François Grosjean.

Solutions Collecting From Web of "Capire il cervello bilingue"