Capire gli avventurieri

Secondo l'ultima versione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5), il disordine accaparramento è descritto come un modello di comportamento compulsivo che comporta l'accumulo di numerosi beni che spesso hanno poco valore per chiunque altro. Mentre tutti noi possediamo beni che non abbiamo davvero bisogno (quindi la popolarità delle vendite di garage), gli ossequi compulsivi portano il problema a estremi che possono persino mettere in pericolo le loro vite. Antichi accaparratori, che possono anche avere problemi con la demenza, possono sviluppare una forma più grave di comportamento accaparramento, nota come sindrome di Diogene, nota anche come disturbo del squilore senile, e questi casi possono includere l'accumulo compulsivo di spazzatura, insieme a grave negligenza personale, condizioni di vita non sicure, ritiro sociale, apatia e mancanza di autocontrollo che portano a serie conseguenze per gli accaparratori e le loro famiglie.

Le storie dei media di ossessioni compulsive i cui corpi sono stati trovati nella loro casa, praticamente sepolti sotto tonnellate di giornali, spazzatura, ecc. Non sono infrequenti e alcuni accaparratori sono persino diventati celebrità dei media. La maggior parte delle persone diagnosticate con un disturbo accaparramento hanno anche problemi di salute mentale correlati, tra cui depressione cronica, ansia generalizzata, disturbo psico-compulsivo (DOC) e ansia sociale. Gli incantatori spesso segnalano seri problemi con la famiglia, gli amici e le autorità locali che possono aggravare i loro sintomi. Persino i figli degli accaparratori possono sviluppare problemi emotivi a lungo termine che persistono bene dopo che hanno lasciato la casa di famiglia.

I sintomi del disordine accaparramento possono includere:

  • Difficoltà persistenti scartare o separarsi dalle loro proprietà, indipendentemente dal loro valore effettivo
  • Afflizione emotiva per la separazione dai beni
  • Consentendo ai possedimenti di accumularsi fino al punto di congestionare lo spazio vitale, spesso richiedono l'intervento di altri
  • Consentendo l'accaparramento di interferire con la vita di tutti i giorni, incluso il lavoro o le relazioni con amici o familiari
  • L'accaparramento non può essere spiegato meglio da un altro disturbo mentale come una lesione cerebrale, un disturbo ossessivo-compulsivo o una grave malattia mentale

Gli oggetti che possono essere accumulati includono posta indesiderata, vecchi vestiti, giornali, oggetti rotti o altri ricordi. Anche gli animali possono essere accumulati, il che può portare a seri problemi di salute, sia per gli accaparratori che per gli animali tenuti in condizioni non sicure. Accaparramento può iniziare presto nella vita, con comportamenti accaparramento visto in bambini di ventidue mesi, anche se l'accumulo tende a peggiorare nel tempo e può persistere fino alla vecchiaia. In base ai sondaggi condotti nelle comunità negli Stati Uniti e in Europa, si ritiene che l'incitamento compulsivo influisca su circa il due-sei per cento della popolazione sia nei maschi che nelle femmine (anche se più frequente nei maschi). Anche se a lungo si crede di essere una forma di disturbo ossessivo-compulsivo, il disordine da accaparramento è spesso più difficile da trattare ed è molto più probabile che causi problemi di disabilità sociale e di lavoro.

Anche la vera causa del tardivo disordine è controversa. Mentre Freud suggeriva che il comportamento accaparramento derivava dalla ritenzione anale e dall'insolitamente duro addestramento del bagno, le teorie più moderne si concentrano sui fattori cognitivo-comportamentali come i deficit di elaborazione delle informazioni, l'evitamento comportamentale e le convinzioni distorte su oggetti derivanti da traumi e altri problemi della prima infanzia. Ci sono stati anche numerosi studi che hanno esaminato diversi fattori biologici legati all'accaparramento umano. Ciò include la prova neuropsicologica che mostra maggiori problemi cognitivi negli accaparratori, vale a dire funzionamento alterato dell'esecutivo, attenzione selettiva e processo decisionale. Studi di imaging cerebrale hanno rilevato differenze significative nell'attivazione cerebrale per specifiche regioni del cervello tra accaparratori, persone con DOC e controlli umani. Le cortecce prefrontali e cingolate ventromediali anteriori sono state identificate come importanti in diversi tipi di comportamento accaparramento anche se non sembra essere coinvolto un meccanismo cerebrale specifico.

Poiché spesso l'accaparramento compulsivo è visto insieme ad altre condizioni mentali come l'OCD e la depressione, i ricercatori che esaminano i fattori biochimici legati all'accaparramento hanno avuto difficoltà a trovare farmaci che possano offrire un trattamento efficace. Mentre gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina non hanno alcun effetto sul comportamento accaparramento, alcune ricerche suggeriscono che stimolanti e potenziatori cognitivi come Aricept possono aiutare a frenare alcuni dei sintomi. Per quanto riguarda i fattori genetici, sembra esserci evidenza che l'accaparramento può verificarsi in persone strettamente correlate (incluso il caso ben noto dei fratelli Collyer) anche se non è ancora chiaro se ciò sia dovuto all'eredità o all'ambiente. Sembra inoltre che vi siano prove che colleghino l'accaparramento compulsivo al cromosone 14, che è stato anche collegato a disturbi come il morbo di Alzheimer e alcuni tipi di menomazioni mentali.

Negli ultimi anni, molti ricercatori hanno sottolineato la somiglianza tra il comportamento accaparramento negli esseri umani con il tipo di accaparramento spesso visto in diverse specie animali. Questi includono diverse specie di primati, carnivori, roditori, uccelli e insetti anche se il tipo di accaparramento visto negli animali può sembrare molto diverso dall'accaparramento compulsivo negli umani. Tuttavia, lo sviluppo di un modello animale di comportamento accaparramento può fornire informazioni sulle diverse regioni del cervello associate all'accumulo compulsivo e possibili nuovi metodi di trattamento.

Ma quanto è valido il modello animale dell'accaparramento? Una panoramica completa pubblicata nella Review of General Psychology fornisce uno sguardo completo alle prove e fornisce alcuni suggerimenti su come i modelli animali potrebbero essere utilizzati per studiare il comportamento accaparramento negli esseri umani. Scritto da Jennifer Andrews-McClymont dello Stephens College e Scott Lilienfeld e Marshall P. Duke della Emory University, la revisione copre i diversi studi genetici, biochimici e neurologici che confrontano il comportamento di accaparramento umano e animale. Sebbene gli autori riconoscano la difficoltà nel confrontare i comportamenti tra diverse specie, ci sono abbastanza somiglianze per essere in grado di trarre alcune conclusioni sul perché il comportamento accaparramento si verifica sia negli umani che negli animali.

Almeno alcune specie di uccelli come corvidi (compresi corvi e corvi) e parassiti (compresi i polpetti) sono stati visti accaparrare oggetti non alimentari nello stesso modo in cui normalmente conservano il cibo. Ciò suggerisce che gli uccelli possono sviluppare comportamenti anomali di accaparramento che assomigliano all'osservazione compulsiva nell'uomo in molti modi. Il comportamento accaparramento nei roditori, compresi gerbilli, ratti e topi, può anche apparire patologico poiché possono accumulare oggetti non commestibili (e spesso lucidi) piuttosto che cibo. I ratti sono anche più inclini ad accrescere il comportamento di accaparramento come risultato di essere esposti a situazioni che provocano paura o di essere privati ​​del cibo come bambini, possibilmente come un modo per sentirsi più sicuri. Gli studi sul cervello nei ratti suggeriscono che le aree del cervello legate alla ricompensa possono influenzare il comportamento accaparramento. Danni a parti dell'ipotalamo e ad altre regioni del cervello possono portare ad un accaparramento accresciuto nei ratti e cambiamenti nella dopamina e in altri neurotrasmettitori. Nonostante il comportamento simile, tuttavia, le differenze tra cervello umano e ratto rendono estremamente difficile il confronto diretto.

La ricerca sul comportamento accaparramento in diverse specie di primati è molto più scarsa. Mentre i primati sono i parenti genetici più stretti degli umani, l'accaparramento visto in diverse specie di scimmie assomiglia poco all'osservazione compulsiva vista negli umani. Tuttavia, studi sul cervello suggeriscono che il danno alle stesse regioni cerebrali associate all'accaparramento negli esseri umani può portare a menomazioni nel normale comportamento di accaparramento dei primati. A questo punto, sembra che il consenso sia che l'abbinamento dell'accumulo di primati non umani con l'accumulo compulsivo umano richiederà molte più ricerche prima che si compiano progressi concreti.

Per quanto riguarda la questione se i modelli animali possano aiutare a spiegare l'accumulo compulsivo nell'uomo, non esiste una risposta semplice. Anche se il comportamento accaparramento si verifica attraverso numerose specie animali, dagli insetti ai primati, il collegamento di accaparramento animale per l'accaparramento spesso bizzarro visto in molti esseri umani potrebbe non essere possibile. Mentre la corrispondenza più vicina sembra essere con il comportamento accaparramento nei ratti, le molte differenze tra cervello umano e topo significa che il confronto diretto non può che andare così lontano. I molti diversi tipi di accaparramento visti negli animali e i diversi fattori che possono modellare il comportamento di accaparramento nel tempo richiederà probabilmente molte più ricerche prima di poter sviluppare un modello combinato reale.

Se un vero modello evolutivo del comportamento accaparramento viene accettato, potrebbe significare un approccio radicalmente nuovo per il trattamento del comportamento compulsivo e riconoscere come viene causato. Per ora, occuparsi di molestatori compulsivi continuerà a porre un problema che sembra sfidare semplicemente le soluzioni.

Solutions Collecting From Web of "Capire gli avventurieri"