Cani e la pena di morte

Ho notato un fenomeno curioso nelle coppie passate di mesi: una grande percentuale di articoli di notizie sui cani traccia un'analogia con la pena di morte. Ecco un esempio tipico:

"Liberati i cani del braccio della morte, $ 11.000 raccolti per la famiglia"

COLORADO SPRINGS, Colo. (5 giugno 2015) – Dopo aver passato mesi a combattere per salvare i suoi due cani dalla pena di morte, la battaglia di Caitlin McAdam è finalmente finita. L'incubo di McAdam è iniziato tutto quattro mesi fa, quando i suoi cani furono catturati dal controllo degli animali dopo essere stati accusati di aver ucciso il gatto di un vicino. . . Anche se non c'erano prove che li collegassero alla morte, più testimoni dissero che erano innocenti e che i cani non avevano mai mostrato alcun comportamento aggressivo prima, la McAdam fu immediatamente colpita da accuse di "cane pericoloso". Le fu detto che Jake e Lucy sarebbero stati soppressi con l'eutanasia se fossero stati riconosciuti colpevoli, o anche prima, se non fosse riuscita a trovare i soldi per pagare il loro sequestro mentre aspettavano il loro giorno in tribunale.

E alcuni altri titoli recenti:

"Cane della seconda possibilità salvato dal braccio della morte"

"Cane condannato a morte dopo aver morso qualcuno – È chi e dove ha il proprietario che piange l'ingiustizia"

"Bulldog Chunk salvato dal braccio della morte dopo aver morso la gamba di una donna"

"Cane poliziotto Nero nel braccio della morte – perché i boss della forza non pagheranno l'operazione dei dischi scivolosi"

(L'analogia con il braccio della morte non è limitata ai cani, anche se i riferimenti a gatti o altri animali da compagnia nel braccio della morte sono molto meno comuni. Un titolo sorprendente diceva: "Il gabbiano reale va dal bagno al braccio della morte" ).

Alcuni giorni, ogni singolo articolo richiamato da un avviso google per "pet death" contiene alcuni riferimenti al braccio della morte o alla pena di morte o alla condanna a morte. La ricerca di "death dog dog" porta oltre 8 milioni di hit su google. L'analogia con il braccio della morte è prevalente non solo nei rapporti dei media, ma anche nel mondo del salvataggio e del ricovero. Diverse organizzazioni di soccorso hanno il loro codice di morte, come Salvataggio dei cani della morte, Cani nel braccio della morte, Salvataggio dei cani della fila della morte e Animali domestici urgenti nel braccio della morte. Oltre al braccio della morte, la condanna a morte e l'iniezione letale, vedrete anche riferimenti al perdono, come in una recente raccolta di fondi intitolata "Pardon a Pup" che ha raccolto fondi per "perdonare" 4 cani "nel braccio della morte" nella Contea di Clayton Controllo degli animali in Georgia.

Non penso che questo fenomeno del "cane della morte" sia nuovo, almeno non negli ultimi mesi. Penso di aver appena iniziato a notare, forse perché la pena di morte umana ha avuto un profilo insolitamente alto, con la recente decisione della Corte Suprema e una significativa copertura mediatica. Trovo fastidiosa l'analogia del braccio della morte, ma ho avuto difficoltà a puntare il dito sul perché. Sembra proprio fuori, come se non inviasse il messaggio giusto su ciò che sta accadendo a questi animali.

Consideriamo due dei casi più comuni in cui viene usato il linguaggio del braccio della morte: per descrivere il destino degli animali nel nostro sistema di rifugio e per descrivere la risposta ai cani pericolosi.

In un certo senso, gli animali nei rifugi della nostra nazione sono molto simili ai prigionieri umani nel braccio della morte. Aspettano, in uno spazio appositamente designato ("il braccio della morte" / una libbra o un rifugio), spesso per lunghi lancinanti, a morire. C'è spesso una sottile speranza di ottenere una tregua, ma alla fine gli appelli sono negati e il loro tempo si esaurisce. La loro morte dovrebbe essere rapida e indolore, anche se le cose possono andare male, anche con un'iniezione letale, e la morte può essere tirata fuori e dolorosa. In altri modi, ovviamente, i cani nei rifugi non sono come i prigionieri nel braccio della morte. Soprattutto, i cani sono innocenti. Non hanno fatto altro che essere il castoff di proprietari irresponsabili o il "surplus" di allevatori e negozi di animali. Esistono al di fuori della nostra struttura legale e non hanno alcuna protezione. Invece di una manciata di prigionieri in attesa di morte, ci sono milioni di cani e altri animali che aspettano solo il loro tempo. "I cani nel braccio della morte" è diventato un cliché, e questa è la radice della sua insidiosità: il cliché diventa così radicato e comune che non si nota più il suo ruolo di analogia o metafora. Permette a noi – il pubblico che consuma i media (e consuma i cani) – di rimanere distanti dalla realtà di ciò che sta accadendo a questi animali. E suggerisce, anche se inconsciamente, che queste creature non sono innocenti e che il loro destino è giusto e giusto. Mi chiedo se il linguaggio Death Row non sia controproducente, a lungo termine, per l'obiettivo di salvare animali e incoraggiare un comportamento più responsabile nei confronti degli animali da compagnia.

Un altro uso comune del linguaggio della pena di morte è nei resoconti dei media su cani che hanno attaccato persone o altri animali. I cani in queste situazioni sono "condannati a morire" a causa di un atto di violenza. Tuttavia, anche questi casi non sono analoghi alla situazione umana, perché i cani non sono (ancora) cittadini dello stato e non possono essere ritenuti legalmente responsabili delle loro azioni. Né è appropriato tenere un cane moralmente responsabile per mordere o addirittura uccidere un essere umano o un altro animale. I codici morali umani non si applicano agli animali (il che non vuol dire che gli animali non abbiano codici morali del loro. Marc Bekoff e io abbiamo scritto del comportamento morale negli animali nel nostro libro Wild Justice .) È orribile come questi attacchi (e come spaventosamente comune), non riteniamo che un cane sia responsabile nello stesso modo in cui faremmo un essere umano.

La motivazione dei tribunali e delle forze dell'ordine è la protezione, non la punizione. Ciò si riflette nel tipo di linguaggio utilizzato, sia nei documenti giudiziari sia nei rapporti sui media. I titoli dicono raramente "assassini di cani piccoli" ma piuttosto "mamme di cani piccoli", perché tutti ci rendiamo conto che "l'omicidio" è una scelta inappropriata di parole. Mettere a morte tali cani può, in alcune situazioni, essere la risposta appropriata. Ma la ragione della morte non è punire il cane; piuttosto, è impedire al cane di ferire qualcun altro. È interessante notare che la parola "esecuzione" è usata raramente, anche in quei casi in cui l'analogia del braccio della morte è in piena vista. Perchè no? Ma se questi animali sono nel braccio della morte, il loro destino finale non è il loro destino finale e non è più coerente con questa lingua che passare all'eufemistico "mettere a dormire" o "eutanasia"?

(Domanda: Una persona può uccidere un cane? Il linguaggio dell'omicidio è molto raro, anche in situazioni in cui un essere umano ha malignamente e con malizia l'autodidatta uccide un cane (noi lo chiamiamo "crudeltà verso gli animali".) Tuttavia, quando Jagger, l'irlandese setter che ha vinto la mostra canina di Crufts è stato avvelenato, molti dei titoli hanno letto "Cane Crufts assassinato". Perché l'improvviso cambiamento? Era perché Jagger aveva un valore di migliaia di dollari?) A questo punto viene data seria attenzione alla pena di morte umana- sia la sua costituzionalità e moralità generale, sia i metodi particolari con cui viene condotta.

Questa è una buona opportunità per riesaminare l'uso del linguaggio della pena di morte in relazione agli animali da compagnia e valutare se aiuta o danneggia.

Nell'affascinante storia di mettere gli animali sotto processo per presunti crimini e poi eseguirli, vedi questa storia su Wired. Vedi anche il classico lavoro di EP Evans, The Criminal Prosecution e Capital Punishment of Animals , 1906.

Solutions Collecting From Web of "Cani e la pena di morte"