Cani e bambini fanno gli stessi errori

Quanto sono simili i processi mentali nei cani e negli umani? Questa è stata una domanda in corso, non solo per gli psicologi e altri ricercatori comportamentali, ma per i proprietari di cani in generale (clicca qui per un esempio). Negli ultimi anni la strategia è stata quella di cercare di trovare test che possiamo dare ai bambini piccoli e che possiamo anche adattare in modo che possano essere dati ai cani. La presunzione è che se il cane risolve un compito che è solitamente risolto da un bambino di una particolare età, allora possiamo presumere che i processi mentali nel cane siano molto probabilmente equivalenti e possiamo assegnare a un cane un "periodo mentale" (click qui per un esempio). Quindi, se un cane può capire lo stesso numero di parole che un bambino di due anni comprende, allora una prima ipotesi sarebbe che i cani abbiano un'età mentale almeno equivalente a quella di un bimbo di due anni. Se ripenso alla letteratura scientifica, noto che vi è un'enfasi su ciò che i giovani bambini e cani umani possono fare e quali test riescono a superare. Tuttavia, recentemente alcuni ricercatori hanno iniziato a esaminare gli errori che cani e bambini fanno per vedere se sono uguali. Permettetemi di darvi un esempio di come questo tende a funzionare.

Lo psicologo dello sviluppo Jean Piaget ha creato una serie di test per esplorare le menti dei bambini. Notò che ai bambini piccoli mancava la "permanenza dell'oggetto", che è la capacità di riconoscere che un oggetto esiste ancora anche se non lo si può vedere al momento. L'esempio classico è un test in cui si prende un oggetto e quindi lo si sposta in un luogo che è fuori dalla vista. Quando questo è fatto per i bambini molto piccoli rispondono come se l'oggetto non esista più come puoi vedere in questo piccolo video.

Da qualche parte tra i 8 e 18 mesi il bambino inizia a capire che anche se un oggetto è ora fuori dalla vista, esiste ancora. Lo puoi vedere nel seguente video.

Dopo un po 'le abilità e la comprensione del bambino cominciano a svilupparsi in modo che ora un oggetto possa essere nascosto sotto più di un nascondiglio, diciamo una sorta di contenitore. Successivamente possiamo spostare i contenitori. Ricorda che in queste circostanze il bambino vede solo i contenitori che vengono spostati e deve presumere che l'oggetto nascosto non solo esista ancora, ma capisca anche che, sebbene non visto, si muove insieme al contenitore. Questo è un secondo livello di comprensione che è più complicato, ma i bambini lo padroneggiano come puoi vedere qui.

I cani possono raggiungere lo stesso livello di permanenza dell'oggetto, e poiché ciò viene raggiunto solo in alcuni bambini all'età di un anno e mezzo, ciò suggerisce che i cani devono avere un'età mentale di almeno quel livello. Puoi vedere un cane che fa questo test qui.

Tuttavia la permanenza dell'oggetto non è completamente sviluppata da questa età, e alcuni dei più alti livelli di successo non appaiono fino a quando un bambino non ha quasi 3 anni. La prova di ciò è che i bambini fanno ancora determinati errori prevedibili per ragioni che non sono completamente chiare agli psicologi. Uno di questi errori è chiamato "A not B error". È tecnicamente definito come un "errore di perseveranza", il che significa che dopo aver effettuato una scelta corretta in un test, nella prova successiva l'individuo sceglierà la stessa scelta che era corretta in precedenza. Ciò accadrà anche se sembra ovvio per un osservatore razionale che quella scelta è ora sbagliata. Lo puoi vedere qui in questa clip.

Un recente studio di ricerca che è stato accettato per la pubblicazione su The Quarterly Journal of Experimental Psychology * ha modificato questo compito per testare i cani. András Pétera è stato a capo di una squadra di ricercatori dell'Università Eötvös Loránd di Budapest, in Ungheria, che ha cercato di capire se anche i cani erano suscettibili all'errore A not B. La risposta breve è che anche i cani hanno lo stesso problema. Puoi dimostrarlo da solo se hai un cane disponibile. Tutto ciò di cui hai bisogno sono tre chicche. Metti una chicca nella mano destra tenendo entrambi i palmi delle mani in alto in modo che il cane possa vedere dove si trova, quindi chiudi le mani e dì qualcosa per attirare il cane come un felice "Lo vuoi? Prendilo! "Quando il cane si avvicina alla tua mano ed è chiaro quale è stato scelto, apri entrambe le mani e dagli il premio. È molto probabile che il cane abbia scelto la mano corretta. Ripeti il ​​processo di nuovo mettendo il trattamento nella mano destra. Ricordati di lasciare che il cane veda entrambe le mani palmo in alto in modo che il cane possa vedere che è la mano destra che trattiene di nuovo la sorpresa e quella di sinistra è vuota. Ora chiudi le mani e ancora una volta incoraggia il cane a selezionarne uno. È molto probabile che sarà di nuovo corretto. Ora per il terzo test posiziona il trattamento nella mano sinistra e inizia con i palmi delle mani in modo che il cane possa vedere che la tua mano destra è vuota. Ancora una volta chiudi le mani e incoraggia il cane a sceglierne una. Ora la predizione basata sui dati presi da bambini piccoli è che, sebbene il cane abbia visto che il regalo era ora nella mano sinistra, commetterà l'errore A non B e sceglierà di nuovo la mano destra. Questo è stato un risultato che ho ottenuto in otto dei 10 cani che ho testato in modo informale e che sembra confermare questa nuova ricerca proveniente dall'Ungheria su livelli più elevati di permanenza dell'oggetto nei cani.

Perché sia ​​i più piccoli che i cani fanno questo errore non è chiaro per me ed è un punto di speculazione per molti psicologi. (Se hai un'idea sul perché questo accade sentiti libero di farmelo sapere.) Tuttavia, il fatto che sia i bambini che i piccoli fanno lo stesso errore illogico è ancora un altro esempio di come il funzionamento della mente canina matura sia simile a quello di una giovane mente umana.

Stanley Coren è l'autore di molti libri tra cui: The Wisdom of Dogs; Do Dogs Dream? Nato per Bark; The Modern Dog; Perché i cani hanno i nasi bagnati? The Pawprints of History; Come pensano i cani; How To Speak Dog; Perché amiamo i cani che facciamo; Cosa sanno i cani? L'intelligenza dei cani; Perché il mio cane agisce in questo modo? Capire i cani per i manichini; Ladri del sonno; La sindrome di sinistra

Copyright SC Psychological Enterprises Ltd. Non può essere ristampata o ripubblicata senza autorizzazione

* Dati da : András Péter, Anna Gergely, József Topál, Ádám Miklósi e Péter Pongrácz (2014): un semplice ma potente test di ricerca perseverante in cani e bambini, The Quarterly Journal of Experimental Psychology, DOI: 10.1080 / 17470218.2014.970206

Solutions Collecting From Web of "Cani e bambini fanno gli stessi errori"