Cancro e cellulari nelle notizie: è complicato

Ogni giorno ci sono risme di notizie ambientali che non riescono a fare notizia nella stampa ufficiale. I media in generale sono contrari alla natura altamente tecnica delle relazioni scientifiche, ma gli americani condividono la responsabilità per la mancanza di attenzione alla scienza. Mentre la maggior parte di noi si preoccupa che il pianeta si surriscaldi e si preoccupi del nostro contributo, sembriamo non interessati alle spiegazioni causali di questo fenomeno. Se uno studio afferma che il riscaldamento della Terra nuoce alla capacità di un fiore di produrre il suo odore dolce, non ci interessa necessariamente il meccanismo della "produzione di profumo floreale a base di fenilpropanoidi" (la base chimica del profumo della pianta) o il suo impatto su "Mutualismo impollinatore di piante" (api confuse). Vogliamo solo sentire una semplice risposta "sì o no" al problema che questo ci pone: il riscaldamento globale elimina la fragranza di un fiore?

Molte organizzazioni di notizie che cercano di sopravvivere nell'economia digitale ridurranno i rapporti ambientali alle domande si / no perché questi tendono a spingere i lettori a fare clic sull'articolo e ad aggiungere il numero di annunci visualizzati quel giorno. Il giornalismo è diventato un'operazione di "click-baiting" per le organizzazioni di notizie che cercano modi per competere con l'annessione dei social media alla curiosità del pubblico e alle capacità e ai lavori giornalistici (chiunque per Facebook come fonte di notizie?). E le reti di trasmissione virano tra drastiche riduzioni di copertura e spaccio di sciocchezze.

Questa situazione è particolarmente dannosa per la qualità del giornalismo ambientale, perché la scienza pertinente non è mai incapsulata in risposte facili. Gli studi sull'ambiente sono complicati, in corso, e non sono dati a dichiarazioni di assoluta certezza. Ciò ha reso il giornalismo ambientale vulnerabile a interpretazioni errate, quando, ad esempio, un reporter impiega un modello di indagine che lascia la gente a chiedersi dove si trova la verità, che si tratti di fiori o tempeste anomale. I giornalisti non vanno bene con l'incertezza scientifica, e possono peggiorare le cose cercando "equilibrio". Ancora oggi, dopo che gli scienziati hanno raggiunto il consenso sulle cause umane del riscaldamento globale, le pratiche giornalistiche danno licenza agli oppositori e il dubbio persistente che spacciano nel nome dell'oggettività.

In questo mondo fatto dai media di notizie ambientali incentrate sull'ansia e sul lampeggiare arriva un recente annuncio del National Toxicology Program (NTP) statunitense relativo a risultati parziali di uno studio biennale finanziato pubblicamente sull'esposizione cronica alle radiazioni a radiofrequenza (RFR) . Lo studio intende dimostrare che il tipo di RFR associato ai telefoni cellulari è collegato a un rischio più elevato per due tipi di tumori nei ratti maschi.

Non sorprende che la stampa abbia ripreso gli aspetti chiave della storia, espressi nel primo round di titoli: "Lo studio delle radiazioni dei cellulari suscita preoccupazioni nonostante il basso rischio" (The Associated Press e The New York Times ), "'Game- Cambiando 'Studio Links Radiation Cellphone to Cancer "( Mother Jones )," Stati Uniti Cellphone Study Fans Cancer Preoccupazioni "( The Wall Street Journal )," I telefoni causano il cancro? Do not Believe the Hype "( The Washington Post ), e dal nuovo arrivato digitale, Vox , il più cliccabile di tutti," Seriamente, basta con i report irresponsabili su cellulari e cancro. "

Nonostante queste diverse esibizioni di hype e anti-hype, tutti gli articoli condividevano un sorprendente grado di interesse per la scienza e il processo professionale di peer-review e peer-scetticismo veicolato dal rapporto (eccetto The New York Times , la cui giornalista scientifica Gina Kolata narrato un video che dice alla gente che è assolutamente bene usare i cellulari). Tale interesse giornalistico è un aspetto importante della storia; il fatto che gli autori abbiano rilasciato risultati parziali è un altro. Lo studio completo non sarà pubblicato fino al prossimo anno, dopo aver revisionato, riesaminato i metodi, rianalizzato i risultati e sottoposto a una più ampia revisione da parte di esperti del settore. Ma gli autori dello studio ritenevano che i risultati iniziali, e molto parziali, fossero troppo importanti per essere esclusi dal controllo aperto.

Ciò che rende questa anteprime così coinvolgente è la sua pubblica dimostrazione di un processo continuo di dibattito scientifico che porta a un risultato finale ancora sconosciuto. Il rapporto è di oltre 70 pagine, metà delle quali sono dedicate all'analisi da valutatori esterni che commentano il progetto di ricerca, l'analisi statistica e i risultati. Fondamentalmente, questi revisori esperti non hanno approvato universalmente l'analisi degli autori. Forse in previsione dei resoconti della stampa sull'agenda, gli autori dell'NTP si sono assicurati di impostare un tono di dibattito scientifico, invitando le sfide a cui erano in grado di rispondere nella relazione con chiarimenti e controargomentazioni scientifiche e metodologiche. La loro apertura è lì per tutti da vedere, cosa che sembrava persa sui giornalisti che avevano riportato la versione parziale dello studio, anche se si erano ingozzati dai suoi contenuti scettici.

Quindi quali sono le scoperte chiave che hanno il mondo giornalistico così agitato e il mondo scientifico così eccitato? Gli autori non hanno detto che i cellulari causano il cancro negli esseri umani, sebbene abbiano citato lo studio dell'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro che ha concluso che la radiazione cellulare è un "possibile cancerogeno per l'uomo". E hanno notato l'uso diffuso della tecnologia mobile e l'intensificazione di Esposizione RFR: "Dato il numero estremamente elevato di persone che utilizzano dispositivi di comunicazione wireless, anche un aumento molto piccolo dell'incidenza della malattia derivante dall'esposizione alla RFR generata da tali dispositivi potrebbe avere ampie implicazioni per la salute pubblica".

Ciò che hanno scoperto i ricercatori è stato l'aumento di due tipi di tumori nei ratti maschi, uno che colpisce il cervello, l'altro il cuore: quest'ultimo, chiamato schwannoma cardiaco, è un tumore molto raro, il che rende la scoperta più significativa. Ci sono, naturalmente, avvertimenti riconosciuti dagli autori e dai loro esperti valutatori, e un sacco di risultati confusi da elaborare. Ma il punto principale è che questo studio, l'esperimento più grande e più lungo da controllare per tutto tranne i dati generati dall'esposizione alla RFR, mostrava evidenti legami causali tra RFR e cancro e che i dati sono stati messi a disposizione della comunità scientifica per rivederli e analisi. Non è affatto l'ultima parola in merito. Il rapporto completo e controllato potrebbe chiarire gran parte della perplessità associata ai risultati rilasciati di recente.

Per i non specialisti, il linguaggio tecnico in questo rapporto è difficile da comprendere, ma non impossibile, e più facile delle relazioni dell'Intergovernmental Panel on Climate Change, che rendono la lettura di Einstein facile come guardare Ozzie Smith nel suo apice. Indirizziamo il nostro scetticismo ai giornalisti ambientali che sono troppo spesso tentati di minimizzare qualcosa che non è immediatamente comprensibile per loro. L'American Cancer Society (ACS) ha detto che lo studio "segna un cambio di paradigma nella nostra comprensione del rischio di radiazioni e cancro". Questo è certamente un invito a saperne di più. Quindi, invece di cercare risposte sì o no a domande scientifiche difficili, provate a informarvi … cliccando qui. E se sei preoccupato o convinto, contatta i giornalisti che hanno raggiunto un resoconto facile di ciò che leggono e chiedono un reportage più serio.

Solutions Collecting From Web of "Cancro e cellulari nelle notizie: è complicato"