Camminando sulla sottile linea di dipendenza da esercizio

Il mio coinquilino e io abbiamo avuto una discussione lo scorso fine settimana sulla dipendenza da esercizio fisico. Stava ammirando la foto di un bodybuilder femminile online. Ha venerato la sua dedizione all'esercizio fisico e alla dieta che deve aver seguito per raggiungere il livello di muscolosità e magrezza che aveva raggiunto per la sua gara di fitness. Ho commentato che il suo livello di grasso corporeo era troppo basso e che probabilmente avrebbe perso periodi e sarebbe a rischio di osteoporosi a causa della chiusura dei suoi ormoni riproduttivi. Ha risposto che dovrebbe essere la sua scelta e forse non voleva figli comunque.

Questo ha aperto una lattina di worm per me per due motivi:

  1. Ho lottato con la dipendenza da esercizio per 23 anni. Ho iniziato a esercitare come un modo per far fronte alla separazione dei miei genitori al liceo. L'esercizio mi ha fornito un livello così naturale che avrei trascorso più di due ore in palestra. E sì, ci sono stati momenti in cui ho perso periodi e mi sono occupato della perdita di massa ossea a causa della mia dipendenza da esercizio e disturbo alimentare. Questo schema è continuato avanti e indietro fino a quando mi sono rotto il tallone per la seconda volta in un anno lo scorso autunno.
  2. La gente spesso mi ha elogiato per la mia "dedizione" alla mia dieta e al mio regime di esercizio. Quindi, la mia dipendenza è stata rinforzata per oltre 20 anni.

Quindi a che punto una sana relazione con il movimento si trasforma in dipendenza da esercizio? Sebbene clinicamente conosciamo la dipendenza da esercizio principalmente in combinazione con i disturbi alimentari e alimentari, non tutti coloro che hanno una dipendenza da esercizio fisico rispondono ai criteri per un'alimentazione e un disturbo alimentare.

Di certo non lo feci, non all'inizio.

Ho scoperto la palestra il mio ultimo anno al liceo. Un mangiatore emotivo, avevo messo da 10 a 15 chili nei precedenti 2 anni perché mangiare era il mio modo di affrontare la fine del matrimonio dei miei genitori. Fino a quando ho trovato una struttura di allenamento tutta al femminile. Senza dovermi preoccupare del mio peso aggiunto per gli uomini, ero libero di prendere tutti i corsi di ginnastica che volevo, sollevare pesi ed esplorare tutto ciò che la palestra aveva da offrire. E 'stata la mia fuga e non ho potuto battere l'esercitazione di endorfina che mi ha dato. Per quelle due ore che ho trascorso in palestra ogni giorno, ero libero. Contento.

E poi la lode ha iniziato a venire. Ho perso peso, sembrava migliore, mi sentivo benissimo. Più tempo passavo in palestra, meglio mi sentivo. Nei miei anni dell'adolescenza, il cibo era il mio meccanismo di coping; nei miei venti e trenta anni, era esercizio.

E ho incontrato una serie di criteri per la dipendenza da esercizio:

  • Mi sono esercitato per evitare di sentirmi irritabile: non volevi essere vicino a me se non avessi avuto il mio allenamento mattutino.
  • Mi sono esercitato nonostante i ricorrenti problemi fisici – mi sono rotto il tallone due volte in un anno perché non mi concedevo riposo e recupero
  • Ho aumentato continuamente la mia intensità di esercizio per ottenere gli effetti / i benefici desiderati – a un certo punto, ho lavorato con un personal trainer e ho iniziato l'allenamento per le gare di bodybuilding come un modo per negare la mia dipendenza da esercizio. Ho convinto me stesso e coloro che mi circondavano che dovevo allenarmi tre o quattro ore al giorno, il mio allenatore lo richiedeva.

  • Non ero in grado di ridurre quanto a lungo ho esercitato – perdere la mia seconda sessione cardio della giornata? Non c'è modo! Ne avevo bisogno, o almeno così mi ero convinto.
  • Avrei preferito esercitare più che passare il tempo con la famiglia / gli amici: il mio ex-marito e io ci siamo battuti sempre per questo. Quindi mi sono esercitato ancora di più per far fronte al mio fallimento del matrimonio (hey – ha funzionato per me quando il matrimonio dei miei genitori è fallito!)
  • Ho passato molto tempo ad allenarmi, penso che chiunque sia d'accordo sul fatto che tre o quattro ore al giorno è eccessivo.
  • Mi sono esercitato più a lungo di quanto avevo programmato per … solo un altro rappresentante, un altro giro, un altro set, un altro …
  • Mi sono esercitato per evitare di sentirmi ansioso o teso, perché sapevo quanto mi sarei sentito male se non l'avessi fatto
  • Mi sono esercitato quando sono stato ferito: il primo tallone rotto è stato preceduto da una torsione della caviglia due volte in pochi mesi.
  • Ho aumentato continuamente la frequenza degli esercizi per raggiungere gli effetti desiderati / giorno di ferie? Cos'è quello? Non c'è riposo per chi è stanco.
  • Non ero in grado di ridurre la frequenza con cui mi esercitavo, naturalmente, e ho assunto un allenatore per dare la colpa a lui e razionalizzarlo ai miei amici e alla mia famiglia.
  • Ho pensato all'esercizio quando avrei dovuto concentrarmi sul lavoro: l'esercizio fisico era la mia fuga … dal lavoro, da casa, dalle relazioni fallimentari. Ho atteso con ansia ogni giorno.
  • Ho passato la maggior parte del mio tempo libero a esercitarsi: era la cosa che preferivo fare.
  • Ho scelto di esercitarmi per poter passare il tempo con la famiglia e gli amici, perché mi impediva di pensare al mio matrimonio fallito.

Quindi, come ho battuto la mia dipendenza da esercizio? Il secondo tacco rotto lo ha fatto. Immobile per cinque mesi e mezzo, non ho potuto esercitare. Così ho limitato la mia assunzione di cibo per compensare. E non ho guarito. Il mio povero corpo non poteva – non aveva abbastanza nutrienti per guarire. E poi un mio amico mi ha affrontato sul mio disturbo alimentare – lo stesso amico, ironicamente, che ha iniziato la discussione a cui ho fatto riferimento in precedenza in questo post del blog. E sapevo che aveva ragione. Ma era più che un disturbo alimentare. Era un disturbo alimentare che era stato preceduto e dominato da una dipendenza da esercizio.

Sapevo di aver bisogno di aiuto. Quindi, tra il mio amico e i miei terapeuti, ho superato la mia dipendenza da esercizio. Continuo a pensare di esercitare più di quanto dovrei? Sì. Immagino che i pensieri saranno gli ultimi ad andare. Ma non faccio più esercizio per evitare le mie emozioni. Non metto più l'esercizio prima del tempo con gli amici. Non vivo più una vita che ruota intorno all'esercizio.

Allora, qual è la linea sottile della dipendenza da esercizio? Per me, è tutto sulle mie motivazioni. Sì, ho sicuramente interrotto il mio tempo di esercizi. Ma ora mi alleno perché mi diverto e ho un tempo limite, non più di mezz'ora quasi tutti i giorni, quindi non ricado alla mia dipendenza. In realtà mi prendo un giorno di riposo almeno una volta alla settimana per riposare e ricaricare. Sono completamente guarito? No. Ma sto andando bene.

Solutions Collecting From Web of "Camminando sulla sottile linea di dipendenza da esercizio"