Cambiare le impostazioni di fabbrica del tuo cervello

Quando accendi un'applicazione software per la prima volta, ad esempio Word, noterai che Microsoft ha già inserito impostazioni predefinite come il tipo di carattere, la dimensione del carattere e la spaziatura dei margini. Queste impostazioni di fabbrica sono appropriate, se, come la maggior parte degli utenti, tutto ciò che si vuole fare è scrivere una lettera commerciale, un termine tecnico o un rapporto sui progressi. Tuttavia, se si desidera pubblicare una newsletter a due colonne o comporre un biglietto d'auguri personalizzato, è necessario trovare un menu a discesa (o più menu) e modificare le impostazioni in base alle proprie esigenze.

Si scopre che il tuo cervello ha anche impostazioni di fabbrica progettate per gestire le situazioni più comuni. Gli psicologi evoluzionisti Leda Cosmides e John Tooby dell'Università di Santa Barbara, chiamano queste impostazioni di fabbrica "Algoritmi darwiniani" o programmi neurali che specificano una vasta gamma di comportamenti if-then: se siete affamati mangiate. Se hai paura, corri. Se solo cerchi compagnia … e così via. Cosmidi e Tooby chiamano questi algoritmi (metodi di risoluzione dei problemi) darwiniani perché questi programmi neurali aiutavano i nostri antenati a sopravvivere in situazioni difficili e, in ultima analisi, a riprodursi.

Sebbene le impostazioni di fabbrica del tuo cervello siano come le impostazioni predefinite di Word in quanto "algoritmi darwiniani" verranno eseguiti automaticamente a meno che tu non li cambi, il tuo cervello e Microsoft Word si differenziano in molti aspetti cruciali.

La differenza più importante è che Microsoft in realtà fa un lavoro migliore, in molti casi, di scegliere le impostazioni predefinite corrette per Word di quelle del cervello per definire le eventualità if-then. Ad esempio, Microsoft sa che i caratteri a 12 punti e i margini da 1 "sono corretti per la maggior parte dei documenti. Ma il tuo cervello spesso indovina su quali regole if-then produrranno i risultati migliori. Considera cosa succede quando entri in un incontro di lavoro e vedi due tipi di cibo disposti per i partecipanti: verdure appena tagliate su un piatto e ciambelle sull'altro. Il programma predefinito del tuo cervello è "se viene presentata una scelta tra due alimenti, scegli quella con il maggior numero di calorie". L'evoluzione incide questo "algoritmo darwiniano" nel profondo del nostro cervello in un momento in cui i nostri antenati cacciatori-raccoglitori combatterono una battaglia senza fine con fame. Quindi, a meno che tu non abbia lavorato duramente per disattivare questi desideri predefiniti per il cibo ricco di calorie, andrai sempre per le ciambelle.

Anche le impostazioni di fabbrica del tuo cervello sono nascoste molto meglio di quelle di Microsoft. Con Word o Power Point, tutto ciò che devi fare è cliccare su un menu a tendina, trovare la nuova impostazione desiderata, posizionare il cursore su di essa e fare clic. Ma dove sono i controlli per modificare le impostazioni predefinite nel tuo cervello?

Alla fine, la maggior parte di noi non penserebbe mai di cercare le impostazioni della fabbrica del nostro cervello in primo luogo perché abbiamo imparato a scuola che, a differenza degli animali, gli umani non hanno impostazioni di fabbrica (istinti). Gli umani sono unici, quindi ci è stato insegnato, perché impariamo tutti i nostri comportamenti. È molto difficile sbarazzarsi di qualcosa – come in una fabbrica – che non ammettiamo di avere in primo luogo!

Prese insieme, queste tre differenze tra le impostazioni di fabbrica del software e le impostazioni di fabbrica del cervello causano molti dei problemi più preoccupanti della società moderna.

L'obesità, ad esempio, che deriva dalla preferenza predefinita del nostro cervello per alimenti ricchi di calorie, ha raggiunto proporzioni epidemiche, con l'organizzazione della World Health che stima che circa 1 su 6 dei 6 miliardi di persone nel mondo sono sovrappeso.
E i bassi tassi di successo della maggior parte delle diete sottolineano quanto sia difficile trovare e modificare le preferenze predefinite del cervello per cibi ricchi e dolci.

La violenza umana, sia in casa che tra stati nazionali (cioè guerre) è un altro malato moderno con radici antiche. Gli psicologi evoluzionisti Margo Wilson e Martin Daly della McMaster University affermano che la violenza intra-specie era probabilmente adattiva (aiutò i nostri antenati a propagare i loro geni) nel nostro lontano passato. Nell'esplorare le basi evolutive della violenza domestica, hanno scritto:

Oltre all'utilità delle prodezze violente nello sconfiggere i nemici e nell'acquisire cibo, le aggressioni e le minacce sono tattiche coercitive più efficaci in generale, sia nel contesto di aiutare se stessi alla proprietà altrui, nel perseguimento dell'accesso sessuale
o in qualsiasi altra area in cui gli interessi non sono consonanti.

Wilson e Daly continuano a speculare sul fatto che i mariti moderni, che agiscono su antichi algoritmi darwiniani, usano la violenza o la minaccia della violenza per assicurarsi che le loro mogli non si uniscano ai maschi rivali e diffondano i geni di qualcun altro a spese dei loro stessi .

Come con l'obesità, cambiare la preferenza di default (di molti umani, in particolare i maschi) per usare la violenza per risolvere i problemi è straordinariamente difficile. Esiste anche un menu a tendina per cambiare le impostazioni del cervello per la violenza, e se sì, dove si trova?

La risposta potrebbe essere trovata in una recente ricerca su una domanda con una risposta apparentemente ovvia: qual è la funzione della coscienza? Dico "apparentemente ovvio" perché la nostra esperienza soggettiva di coscienza – pensieri, sentimenti, percezioni, ricordi, idee e intenzioni – suggerisce una risposta ovvia: la coscienza è il veicolo con cui pensiamo, decidiamo e agiamo

Questa spiegazione "ovvia" suggerirebbe a sua volta che prima che un uomo picchi la moglie, decide consapevolmente di usare la violenza come mezzo per controllare il suo comportamento. Quindi la risposta all'eliminazione della violenza domestica è per gli uomini per affermare il controllo cosciente del loro comportamento.

Ma questa ovvia risposta si rivela sbagliata. I neuroscienziati hanno scoperto che la coscienza è più un riflesso del nostro comportamento che una sua causa. Ad esempio, Benjamin Libet dell'Università della California, San Francisco, ha scoperto che, quando chiedeva ai soggetti del test di muovere le mani in modo casuale, l'attività elettrica nei cervelli dei soggetti, i movimenti delle mani iniziati, avveniva molto prima che i soggetti fossero coscientemente consapevoli di avere deciso di trasferirsi.

Allo stesso modo, quando ho lavorato come consulente di violenza domestica in un centro di salute mentale della comunità negli anni '80, ho notato una coerenza sorprendente nelle storie di uomini che hanno picchiato i loro partner. Alla domanda "cosa ti succedeva nella testa prima di colpire tua moglie?" Quasi tutti questi uomini violenti hanno detto qualcosa del tipo "Beh, è ​​stato come se guardassi la mia mano tendere la mano e dare uno schiaffo a mia moglie da sola … come se fossi io guardare un film di me l'ha colpita. "

In altre parole, un processo neurale diverso dalla coscienza, che funzionava molto più rapidamente del pensiero, ha guidato il comportamento sia dei soggetti di laboratorio di Libet che dei miei pazienti violenti.

L'implicazione per cambiare il comportamento violento degli uomini è chiara: non è sufficiente convincere gli uomini abusivi a pensare "Non colpirò mia moglie", perché, nel momento in cui hanno pensato questo pensiero, la parte non cosciente del loro cervello che controlla davvero il loro comportamento – un algoritmo darwiniano, se vuoi, avrebbe già deciso di metterlo fuori combattimento.

In altre parole, se c'è un "menu a tendina" nei cervelli maschili violenti che possono essere usati per cambiare l'impostazione di fabbrica per la violenza domestica, questo "menu" non è direttamente accessibile attraverso il pensiero cosciente. Piuttosto, per cambiare un comportamento "automatico" così profondamente radicato, è necessario raggiungere in profondità il livello di coscienza per modificare in qualche modo inconsapevolmente le problematiche impostazioni di fabbrica.

La nozione di fare cambiamenti inconsci ai comportamenti inconsci solleva immediatamente un paradosso. Com'è possibile cambiare i comportamenti inconsci se la coscienza – il presunto veicolo con cui cercheremmo di apportare questi cambiamenti – è un ripensamento inutile del comportamento, non un iniziatore del comportamento?

Il lavoro di John Bargh, che dirige il laboratorio Automaticity in Cognition, Motivation ed Emotion (ACME) presso la Yale University, può fornire una risposta. La ricerca di Bargh indica che il ruolo della coscienza umana non è quello di cambiare direttamente i nostri comportamenti, perché i processi coscienti operano troppo lentamente per competere con processi molto più veloci e inconsci. Piuttosto, Bargh crede che la coscienza avvii un processo in più fasi attraverso il quale i nuovi comportamenti "lenti" che vogliamo adottare, vengano ripetuti e rinforzati abbastanza volte che questi comportamenti diventano più veloci e più automatici, finché, in definitiva, i comportamenti si verificano automaticamente senza sforzo cosciente.

Pensa, ad esempio, a cosa succede quando impari a suonare una nuova canzone su un pianoforte o prima impari a colpire una pallina da tennis con una racchetta. All'inizio, devi "pensare coscientemente attraverso il tuo modo di suonare" ogni nota o il posizionamento esatto dei tuoi piedi e della tua racchetta. Ma dopo molte ripetizioni e molta pratica, dove dici a te stesso: "Metterò qui il mio dito" o "la mia racchetta", il gioco della canzone e il colpo di una pallina da tennis potrebbero accadere da soli, senza alcun intervento consapevole da parte tua.

La coscienza, con questa interpretazione, è una sorta di blocco d'aria o vestibolo nel nostro inconscio, dove si trova l'azione reale .

Ho usato questa idea per progettare la terapia che ho somministrato agli uomini violenti. Piuttosto che cercare di cambiare i loro processi mentali consci, ho prima cercato di far loro prendere coscienza degli effetti sui loro corpi di processi inconsci che portano a una reazione a catena che culmina nella violenza. Momenti prima che gli uomini violenti feriscano effettivamente i loro coniugi, i loro corpi mostrano segni di frustrazione e rabbia. I loro battiti cardiaci accelerano, e spesso si verifica la tensione nelle loro mascelle, collo o petto e la loro pressione sanguigna eleva. Questi cambiamenti nella fisiologia, avviati dal sistema nervoso autonomo, sono dei predittori affidabili che un uomo sta per diventare violento, ma normalmente passano inosservati a meno che l'uomo non sia addestrato a prestare attenzione cosciente a queste reazioni.

Così ho mostrato ai pazienti come sintonizzarsi coscientemente con i loro corpi durante gli argomenti (un processo chiamato consapevolezza consapevole ), al fine di monitorare i segnali di pericolo fisiologico di violenza in sospeso. Quando un uomo si accorse che il suo cuore stava correndo o i suoi muscoli erano tesi, fu istruito a dire "Ho bisogno di un time out" per poi lasciare immediatamente la stanza prima che il comportamento violento "automatico" emergesse. Alle mogli di questi pazienti fu consigliato lasciare che i loro coniugi fossero soli per un'ora circa.

Nel corso del tempo, con ripetute ripetizioni coscienti del nuovo "comportamento scaduto", gli uomini sono stati in grado di raffreddarsi "automaticamente" prima di fare del male alle loro mogli, sostituendo efficacemente un nuovo comportamento automatico "sano" per un vecchio, "malsano".

Nel quadro di Bargh, il ruolo della coscienza in questo caso consisteva nel disimpegnarsi da un lavoro, ottenendo alla fine processi inconsci da assumere. La coscienza non ha cambiato direttamente le impostazioni di fabbrica degli uomini violenti, ma indirettamente ha avuto processi inconsci per farlo. La coscienza, a quanto pare, è essa stessa un "algoritmo darwiniano" che i nostri cervelli eseguono per sostituire algoritmi più vecchi, come la violenza domestica, che hanno a lungo sopravvissuto alla loro utilità.

Anche se la terapia di "sintonizzazione e tempismo" non ha funzionato con tutti i pazienti, è stata abbastanza efficace da farmi sperare che, un giorno, potremmo usare tecniche simili per combattere la violenza su una scala più ampia. E se, ad esempio, tutti i presidenti fossero stati obbligati per legge a prendere un "time out" prima che gli istinti della nostra nazione di usare la forza militare per risolvere i problemi di politica estera fossero messi in atto?

Come ex ufficiale dei servizi segreti che ha partecipato direttamente a due guerre, so che il mondo può essere un posto pericoloso dove talvolta è necessaria la forza militare. Ma so anche che non viviamo più in condizioni dure dell'età della pietra, e che oggi ci sono altrettante istanze in cui la violenza militare causa più problemi di quanti ne risolva.

Se, in qualche modo, potessimo ottenere che la nostra coscienza collettiva cambi le antiche impostazioni di fabbrica del nostro inconscio collettivo, forse il numero di volte in cui la forza militare era realmente necessaria diminuirebbe al punto in cui il nostro più grande problema con le impostazioni del nostro cervello sarebbe disattivare l'interruttore "ciambella".

Ulteriori informazioni su come lavorare con gli script antichi del nostro cervello su http://www.longfusebigbang.com

Solutions Collecting From Web of "Cambiare le impostazioni di fabbrica del tuo cervello"