Cambiare la forma della genitorialità

I papà vogliono partecipare di più.

Le coppie che prendono la strada di diventare genitori stanno portando la loro relazione in un terreno molto diverso. Non più una diade, diventare genitori li trasformerà nella forma di triade, quadriad e anche di più. Tradizionalmente, le future madri pensavano, facevano domande, immaginavano tutti i tipi di cambiamenti e sfide legati a come prendersi cura dei neonati, emotivamente, fisicamente, mentre i padri immagina come sarà sostenere l’intera famiglia, finanziariamente.

Anche se questa rimane una discussione vera e cruda su molte coppie che seguono felicemente la paternità tradizionalmente pavimentata, sembra che i padri stiano volendo – e stiano effettivamente – partecipando sempre di più alla genitorialità. Secondo un’indagine condotta dal Pew Research Center nel 2016, i padri stavano partecipando ad allevare i loro figli 4 volte di più di quanto non fossero nel 1965, e il 57% dei padri ha trovato la paternità un’esperienza positiva per loro e centrale per la loro identità. Lo stesso sondaggio indica che le famiglie a reddito doppio sono aumentate costantemente fino al 66% nel 2016, facendo un notevole contrasto con il 27% delle famiglie che erano entrate singole.

Le coppie in questo millennio sembrano voler personalizzare la loro genitorialità; stanno mettendo a punto molte opzioni e scegliendo le migliori versioni di genitorialità che si adattino a loro. Vorrei condividere la voce reale di un padre che è disposto e desidera partecipare come padre e in che modo la sua partecipazione sta dando forma alla genitorialità che condivide con sua moglie.

Alex ha un padre assente a voler diventare un padre spettacolo

“Non ho visto molto di mio padre quando stavo crescendo. Era sempre impegnato con il lavoro e quando avevo 12 anni i miei genitori divorziarono. Dopo ciò, l’ho visto sporadicamente. Allora non c’era molto sforzo da parte di mio padre per raggiungermi. Non era un cattivo padre, ma era un tipico padre degli anni ’70 e ’80. Più della metà dei genitori dei miei amici erano divorziati e i padri assenti erano la norma. Quindi voglio essere un papà di spettacolo per mio figlio. Mi renderà felice come genitore di legarmi a lui dal momento che non sono riuscito a legare con mio padre “.

Isabelle vuole fare la genitorialità con il suo compagno

“Ho molta paura nel diventare madre. Ciò che più temo è la possibilità di essere sopraffatto dalla sfida di bilanciare lavoro e famiglia “, dice Isabelle. “Io e Alex condividiamo molte responsabilità legate alla famiglia, camminando con il nostro cane, portando via la spazzatura, pulendo e facendo la spesa. Voglio che sia lo stesso per allevare il nostro bambino. Voglio condividere i genitori con Alex. ”

È la nuova normalità

Alex e Isabelle si aspettano di essere genitori molto presto. Alex è caucasico, nei suoi primi anni ’40, e lavora nel settore editoriale. È cresciuto in una famiglia della classe media, madre single ed è figlio unico. Ricorda di essere molto arrabbiato a volte nel non vedere suo padre. Sentiva che suo padre aveva dato la priorità al suo lavoro su di lui e sulla sua famiglia. Ora, da adulto, capisce perché suo padre avesse bisogno di occuparsi costantemente del suo lavoro (come allora era lo stereotipo), vuole fare cose che suo padre non poteva fare per lui. Vuole essere lì per il suo bambino e il suo compagno. “Sulla strada del lavoro, vedo i papà che lasciano i bambini all’asilo e a scuola. Alcuni stanno spingendo i passeggini. Sembra normale che i papà siano coinvolti e aiutino. New York City potrebbe essere una piccola tasca dove i papà aiutano più del resto del paese. Ma so che voglio presentarmi per il mio bambino – questo è anche per me, quello che voglio veramente. ”

Isabelle si identifica come latina ed ha circa 30 anni. Ha lavorato come professoressa universitaria. È cresciuta in una casa in cui entrambi i genitori lavoravano e vivevano con la nonna materna. Lei è la più piccola di tre. “Nella mia famiglia, tutti hanno aiutato. I miei genitori avevano bisogno di lavorare così mia nonna, che viveva con noi, ci ha aiutato a crescere. Ma per Alex e me, mia madre non ti aiuterà cinque giorni a settimana. Abbiamo avuto un’intervista con una babysitter che può venire tre giorni ogni settimana. Chiederò a mia madre di coprire un pomeriggio a settimana per il nostro bambino. E questo lascia due mattine che saranno coperte da me. E quando insegno i corsi serali, mio ​​marito si prenderà cura di quelle sere e del venerdì pomeriggio. ”

Ma come dividi l’infanzia?

Ho intervistato rinomati esperti di coaching e co-genitori, la Dott.ssa Lisa Orbe-Austin e il Dr. Richard Orbe-Austin, che hanno condiviso alcuni consigli utili e pratici per le coppie che vogliono condividere i compiti dei genitori:

1) Ritaglia i blocchi temporali specifici per discutere i tuoi figli. Usa queste discussioni per fare piani che affrontano qualsiasi problema nuovo o in corso – problemi come progresso e sviluppo, attività programmate, ecc. “Per esempio”, dice Lisa, programmiamo una riunione mensile di finanza per rivedere i budget, i prossimi piani e gli obiettivi futuri “È un buon momento per esaminare le nostre risorse, soprattutto tempo e denaro”, spiega Richard, “e come destineremo le nostre risorse per affrontare le attività relative ai minori e discutere le questioni relative a queste esperienze”.

2) Sviluppa livelli elevati di comunicazione attorno alle tue esperienze di genitorialità, impara a condividere e ascoltarti l’un l’altro per imparare come supportarti l’un l’altro, e usalo per stabilire soluzioni collaborative per qualsiasi problema sorga nella vita quotidiana di genitorialità.

3) Sviluppare una comprensione del concetto di uguaglianza nella genitorialità. “Questo, per noi”, dice Richard, “include il confronto con gli stereotipi di genere intorno alla genitorialità”. Conoscere la differenza tra qualcosa che è equo e uguale in quanto i compiti che svolgerete come genitori saranno diversi, ma il carico dovrebbe lo stesso e quando non lo fa (ad esempio, quando il carico di lavoro di un genitore diventa più pesante), apportare le modifiche per accogliere il cambiamento.

Capisco, dalla descrizione della co-genitorialità offerta dalla dottoressa Lisa e da Richard Orbe-Austin, che condividere l’infanzia e la genitorialità è un lavoro di collaborazione continuo tra i partner, in molti modi, basato su una comunicazione efficace. Gran parte della ricerca sociale suggerisce che l’avere padri partecipi alla cura dei bambini contribuisce allo sviluppo del bambino più sano. Entrambi i suggerimenti offerti dall’Orbe-Austins e il mio lavoro con le coppie supportano l’idea che condividere la cura dei figli e le responsabilità genitoriali in modo collaborativo rafforzi la relazione dei genitori.

“Oh, c’è un’altra cosa di cui sono preoccupato”, dice Isabelle. “Quando sono stressato, ho la tendenza ad essere pignolo. Spero di non farlo ad Alex quando sono privato del sonno. Qualcosa del tipo, ‘Come mai non ci sono abbastanza pannolini nella borsa per pannolini?’ “Come mai hai lasciato una bottiglia d’acqua al parco?” Voglio dare una possibilità ad Alex e dargli il tempo di imparare come essere un padre tanto quanto mi merito il tempo di imparare come essere una madre. ”

Pongo una domanda a Isabelle e Alex: “Sei disposto a lasciare che il tuo partner e te stesso imparino dalle esperienze, compresi i tuoi errori?” Continuo, “Credo che la genitorialità sia un’esperienza di apprendimento della vita attiva. Impari a essere un genitore, una madre, un padre, dall’essere con il tuo bambino. Il bambino ti insegnerà a essere un genitore. Quindi è il momento di accettare che commetterai degli errori, i tuoi e i tuoi partner. Se ritieni di non essere a tuo agio con il modo in cui i doveri dei genitori sono condivisi con il tuo partner, puoi parlarne e negoziare con il tuo partner. ”

Eminente terapeuta di coppia, Michele Scheinkman dice che per alcune coppie, la negoziazione è una forma di intimità. Puoi chiedere onestamente ciò di cui hai bisogno e desideri dal tuo partner e permetti al tuo partner di fare lo stesso. E credo che attraverso una comunicazione aperta, nutriente e solidale, tu e il tuo partner possiate potenzialmente curvare la parte migliore l’uno dell’altro. Quindi, l’effetto Michelangelo – la tua relazione può essere uno strumento che tira fuori il meglio di te – diventa possibile.

  • Crescere bambini felici e produttivi in ​​ogni tipo di famiglia
  • Disciplina, alimentazione o esempio vivente: quale funziona meglio?
  • Genitori fuorviati da rapporti di addestramento al sonno Cry-It-Out
  • Soffri i piccoli bambini
  • Sciocchezza nell'usare i bambini piccoli come Bat Boys
  • Comportamentismo al lavoro
  • Il libro che speravo di trovare per i genitori delle ragazze adolescenti
  • Prime relazioni: il quarto segno vitale
  • Imparare da coloro che si prendono cura
  • Crea nuovi amici ma mantieni il vecchio ... oppure no
  • Benvenuti nel blog Mindful Motherhood!
  • Le molte sfumature di NO in Parenting
  • Perché i bambini dirompenti si comportano male a scuola
  • Hai mai pensato di sposare il tuo cane?
  • Come proteggere i bambini dai bulli
  • Invidia definitiva: invidia!
  • Come allevare correttamente i bambini
  • I tuoi bambini sono collegati agli schermi?
  • Affetti, lingua e cognizione
  • 4 cose che ogni genitore dovrebbe smettere di fare subito
  • Bambini con disturbo bipolare? Veramente?
  • La nostra prima vita emotiva
  • Interesse incoraggiante
  • Bambini in co-genitorialità e bambini molto piccoli, parte 2
  • Sciocchezza nell'usare i bambini piccoli come Bat Boys
  • La maternità di successo è una collaborazione
  • Maggio è il mese della salute mentale, con una ripresa in più di una scuola
  • Bambini popolari
  • Come i bambini fanno amicizia (parte 3)
  • Il libro che speravo di trovare per i genitori delle ragazze adolescenti
  • ADHD va a scuola
  • Bullismo scolastico e suicidio
  • Divertente terapia
  • Da 5K a Marathon
  • Come puoi aiutare i tuoi figli a dormire meglio?
  • Genitori e l'ecologia sensoriale dello sviluppo infantile