Cambiare il gioco: la politica e la chiamata di sé

Dorothy Firman
Fonte: Dorothy Firman

Non importa chi ami (o odi) per il prossimo presidente (senatore, sindaco, bibliotecario di città). Non importa se sei rosso o blu o se i tuoi capelli sono morti viola. Non c'è nessuno a cui rispondere, ma il tuo Sé. E se sei incline, come molti di noi, a giocare a noi contro il gioco, come funzionerà per tutti noi? Quel gioco finisce sempre con vincitori e vinti. Questo non può funzionare. C'è una bella maglietta che dice che la squadra sportiva della mia area geografica è migliore della tua squadra sportiva! Tutto si riduce a quello. Ma perché? E possiamo cambiarlo? Posso cambiarmi?

Che cosa succede se abbiamo guardato il gioco (qualsiasi gioco) e valutato i giocatori, visto le loro abilità e le loro debolezze, apprezzato la complessità del gioco, la grazia e la forza, le strategie ben pensate, e abbiamo riconosciuto l'intera folla come praticamente come noi, qualunque squadra stessero facendo il tifo per? E se decidessimo di prendere una causa che era importante per noi, senza cercare di dare la colpa ai cattivi? E se avessimo esultato, ma mai fischiato? E se avessimo gridato il nostro sostegno, ma non avremmo mai parlato? Sto parlando di attivismo pieno, se questo è il tuo invito, ma senza il fango.

Non è facile, certo, perché le linee vengono disegnate in modo così rapido e completo. E c'è una forte inclinazione umana ad unirsi a una squadra, trovare una tribù, difendere le difese, guardare l'outsider con sospetto e infine fare nemici. Non l'abbiamo fatto nel cortile della scuola? Nelle nostre famiglie? In terapia con le nostre famiglie? E dentro i nostri mondi interiori? Qui creiamo il bene e il male della maggior parte delle cose, inclusi diversi aspetti di noi stessi. Angelo su una spalla, diavolo sull'altra. Immagine del grande fumetto, brutto modo di vivere. Ma potremmo ascoltare quelle piccole voci di e no , fare e non, dovremmo e non dovremmo e non comprarlo. Questo è un cambiamento. Grande cambiamento.

Dreamstime, used with permission
Fonte: Dreamstime, usato con permesso

Quindi, ho la mia chiamata e tu hai la tua. Qualcuno vince il Super Bowl, qualcuno diventa il prossimo presidente. So chi voglio e perché (per il presidente, comunque … non mi interessa affatto della partita di football). So cosa è importante per me, cosa apprezzo, quali sono i miei desideri profondi e così, su questa base, faccio la mia scelta. Se il candidato che preferisco non vince, conserverò ancora quegli stessi valori e sarò ancora in grado di prestare la mia voce, la mia passione e la mia azione a cause che supportano i miei valori. E non devo essere triste, indignato, abbattuto o addirittura deluso che l'altro candidato abbia vinto. Quando arriva un nuovo presidente, tutto è finito e un nuovo gioco è iniziato. Ora cosa? In che modo, ora, con qualunque risultato ci sia, passiamo a ciò che sono chiamato a fare? La storia è cambiata e io cambio con esso. E posso farlo senza polarizzare. Lavorerò ancora per ciò in cui credo. Continuerò a mantenere la fiducia, con tutto ciò che mi appassiona, ma il cambio di gioco lo sta facendo senza trasformare tutti quelli che non sono d'accordo con me in un cattivo ragazzo.

Dietro il messaggio "Siamo più civilizzati" qui, c'è un altro messaggio. Continuiamo a cogliere il momento presente. Questo è tutto ciò che abbiamo. In questo momento posso lavorare per il candidato di mia scelta. Posso fare il tifo per la squadra che ho scelto. Riesco ad allietare la magnifica esecuzione dell'opera, o il gioco del liceo. In passato (solo un ricordo davvero), facevo anche cose importanti. Ho pensato ai vari candidati e alle loro piattaforme, ho capito quali sport mi piacevano, ho praticato la mia esibizione, ho comprato i miei biglietti. E nel futuro mitico, avrò anche delle scelte su cosa fare, ma a quel punto sarà di nuovo il presente. Ed è davvero quello a cui apparteniamo.

Non sarebbe grandioso avere i nostri momenti presenti pieni della bontà dei nostri cuori? Il nostro mondo non sarebbe un posto migliore se vivessimo ora con gentilezza, accettazione, compassione? Potremmo aggiungere alcune qualità utili: curiosità; discernimento; rispetto; amore……

Io voto per quello. Questo è un cambiamento che posso ottenere dietro.

Solutions Collecting From Web of "Cambiare il gioco: la politica e la chiamata di sé"