Cambiare da un nottambulo ad un allodola

Sei un "nottambulo?" Tieni un programma di sonno molto diverso rispetto ai tuoi amici e alla tua famiglia? Hai difficoltà a svegliarti in tempo per recarti al lavoro o altri impegni perché non ti addormenti fino a tarda notte? Se la risposta alle domande di cui sopra è un "sì" e se crea problemi per te nella tua vita quotidiana, potresti avere un Disturbo di fase del sonno ritardato (DSPD).

I pazienti affetti da DSPD notano che spesso hanno difficoltà ad addormentarsi, ma quando si addormentano finalmente ottengono una notte di sonno totale e di solito si svegliano in tarda mattinata o nel primo pomeriggio. È un problema diverso dall'insonnia. I pazienti con insonnia possono avere difficoltà ad addormentarsi, rimanere addormentati o svegliarsi troppo presto (o una combinazione dei tre). Con l'insonnia, raramente si ottiene un sonno notturno regolare, anche nei giorni di riposo. Quelli con DSPD in genere dormono una notte intera quando non devono alzarsi presto la mattina.

Sebbene sia normale per noi rimanere occasionalmente in seguito a socializzare o lavorare e a dormire più tardi il giorno dopo, quelli con DSPD tendono ad avere difficoltà significative a tornare a un programma di sonno-veglia più "normale" nonostante ripetuti tentativi. Di solito si sdraiano a letto per ore prima di addormentarsi di notte, e una volta che lo fanno, vogliono naturalmente dormire più tardi al mattino – quindi fare risvegli mattutini in un momento specifico per essere estremamente impegnativo.

La DSPD è essenzialmente il risultato di un ritmo circadiano ritardato. Il ritmo circadiano è una sveglia gestita biologicamente che gestisce il nostro corpo. Questi ritmi ci dicono quando addormentarsi, quando svegliarsi, quando avere fame e quando avere certi ormoni secreti nel nostro corpo. In DSPD, il ritmo circadiano si sposta in seguito, portando a tempi di sonno e di veglia ritardati.

Anche se gli adolescenti hanno spesso DSPD, può verificarsi anche negli adulti. I bambini più piccoli hanno in genere un momento di andare a letto alle 8 o alle 21, e una volta arrivata l'adolescenza, la buonanotte passa naturalmente a mezzanotte inoltrata. Gli adolescenti in genere hanno bisogno di 9-10 ore di sonno a notte, ma dal momento che non si addormentano naturalmente più tardi e devono alzarsi presto per andare a scuola, sono spesso privati ​​del sonno e molto stanchi durante la giornata. Nei fine settimana, gli adolescenti tendono a dormire anche più tardi al mattino o fino al primo pomeriggio. Anche se è del tutto normale che gli adolescenti vadano naturalmente a letto più tardi e desiderino dormire, alcuni ragazzi scoprono che vanno a letto troppo tardi e hanno problemi significativi con il risveglio al mattino per la scuola e sono molto assonnati durante il giorno. Quando questo spostamento circadiano crea gravi problemi di funzionamento durante il giorno (ad es. Difficoltà di risveglio al mattino, privazione del sonno, intorpidimento, irritabilità), il DSPS viene sospettato e il trattamento può essere giustificato.

Se sei una persona che ama essere un nottambulo e non interferisce con la tua vita in generale, non c'è problema. Ma, se trovi che non puoi addormentarti tardi e avere problemi ad arrivare a quella riunione delle 9 di mattina su base regolare, potresti voler vedere se c'è un trattamento che può aiutarti.

Esistono alcuni trattamenti molto efficaci disponibili per DSPD e viene suggerito di consultare uno specialista del sonno per escludere qualsiasi altro fattore. Il trattamento DSPD è molto diverso dal trattamento dell'insonnia e lavorare con uno specialista del sonno può aiutarti a determinare l'approccio migliore. I farmaci sedativi (es. Zolpidem, eszopiclone) in genere non hanno molto effetto sullo spostamento del ritmo circadiano e possono funzionare solo come cerotto.

Una opzione per DSPD è la cronoterapia. Il paziente va a letto (e si sveglia) più tardi di 2-3 ore ogni giorno fino a che l'ora di andare a letto e la veglia arrivano completamente intorno al letto desiderato e ai tempi di veglia. Questo trattamento efficace può essere difficile da implementare per alcuni. Richiede che il paziente spesso trascorra grossi pezzi del giorno addormentato e si svegli tutta la notte. Durante il periodo di trattamento, tutte le attività diurne, la luce e il rumore devono essere limitati per aiutare il paziente a dormire, e devono essere affrontati i modi per aiutare il paziente a rimanere sveglio più tardi. A volte, avere un amico o un membro della famiglia può mantenere il paziente nei tempi previsti può essere utile.

L'opzione n. 2 è la terapia della luce del mattino. Ciò richiede l'uso di una scatola luminosa (o luce solare – anche se per molti il ​​sole non è abbastanza presto in inverno). È molto importante, tuttavia, che i pazienti si consultino con uno specialista del sonno per capire il momento giusto della luce intensa; se viene usato nel momento sbagliato, può effettivamente peggiorare il problema. La terapia con luce intensa può anche peggiorare alcuni disturbi psichiatrici, quindi la prima consulenza con uno specialista potrebbe rivelarsi utile.

L'opzione n. 3 è la melatonina. Questo ormone naturale è prodotto dalla ghiandola pineale del corpo ed è più efficace per i disturbi del ritmo circadiano (DPSD, jet lag) che per l'insonnia. Quando il sole tramonta, la ghiandola pineale diventa attiva e inizia a produrre naturalmente melatonina. Comunemente venduto in negozi di alimenti naturali e droghe, la melatonina è un aiuto dietetico non quotato in borsa che non è regolato dalla Food and Drug Administration. Di conseguenza, le dosi e gli ingredienti elencati non sono sempre completamente accurati. Prova a utilizzare un marchio di cui ti fidi.

Sebbene sia naturalmente presente nei nostri corpi, oltre la contro-melatonina ha alcuni effetti collaterali tra cui sonnolenza diurna, confusione, dolore addominale, incubi, sonnambulismo e vertigini. Può anche avere un'interazione negativa con alcuni farmaci come farmaci per il diabete, immunosoppressori, pillole anticoncezionali e anticoagulanti.

La melatonina può essere un trattamento molto efficace per DSPD, ma i pazienti devono cercare l'aiuto di uno specialista del sonno per capire la dose corretta e i tempi di somministrazione. Piccole dosi (0,5 milligrammi) vengono in genere somministrate nelle prime ore della sera per aiutare a tirare delicatamente il disco circadiano in precedenza, nel tempo portando a tempi di letto e veglia naturali precoci. Molte persone abusano della melatonina (prendendo troppo e portandola troppo vicino al momento di coricarsi) per il trattamento della DSPD.

Se trovi che potresti soffrire di DSPD, una consulenza con uno specialista del sonno può aiutarti a elaborare un piano di trattamento più appropriato e utile. In poche settimane, potresti scoprire di addormentarti e svegliarti in momenti che hai sempre desiderato!

Solutions Collecting From Web of "Cambiare da un nottambulo ad un allodola"