Cambiamento organizzativo: una discussione per intraprendere la strada della maggior resistenza

Sto bloggando solo a intermittenza perché sono piuttosto concentrato sulla lettura, sul parlare con le persone, e generalmente mi preoccupo, mi preoccupo e cerco di strutturare il libro sull'azione costruttiva di ridimensionamento che Huggy Rao e io stiamo cercando di scrivere. Ho letto tutto, dagli esperimenti psicologici su come le diverse metafore influenzano le nostre percezioni e azioni, agli studi sulle sfide matematiche e amministrative dei sistemi di ridimensionamento dei computer, alla ricerca su città di dimensioni diverse (specialmente alcune cose interessanti che suggeriscono che è più grande). Ma l'area in cui il ridimensionamento è stato studiato forse più direttamente è nell'educazione, compresi gli studi su come replicare le grandi scuole charter e come sostituire pratiche efficaci per pratiche inefficaci nei sistemi scolastici di grandi dimensioni.

Lo scorso fine settimana, ho letto un vecchio studio (1993) ma eccellente commissionato dalla fondazione Casey su ciò che serve per una riforma scolastica completa nei sistemi scolastici di grandi dimensioni. Sono stato colto con il suo titolo contro-intuitivo "The Path of Most Resistance" (vedi il PDF qui), in parte, perché contrastava con alcune delle ipotesi (basate sull'evidenza) che abbiamo sviluppato sul ridimensionamento, compresa la nozione tale ridimensionamento dipende dalla ricerca di modi per semplificare le cose e ridurre il carico cognitivo sulle persone, e l'idea che i cambiamenti che sono coerenti con le culture e le tradizioni locali siano più facili da implementare rispetto a quelli che contrastano con le credenze incorporate.

Mentre leggevo il rapporto, tuttavia, mi sono reso conto che gli autori concordavano con alcuni di questi punti, poiché non stavano discutendo sul fatto che i leader dovrebbero PROVARE a rendere le cose più difficili per se stessi, ma piuttosto, per fare un cambiamento su larga scala che molte cose molto difficili devono essere fatte. Sostenevano che prendere la via più semplice – aspettandosi risultati immediati; non prendere il tempo di impegnarsi con genitori, studenti, amministratori, politici locali e altri attori chiave cruciali; farlo a buon mercato; aspettandosi che tutto procedesse senza intoppi – e un ospite altre "soluzioni semplici" – semplicemente non erano realistiche o saggi per i potenziali agenti di cambiamento. Gli esempi di successo del cambiamento su larga scala che hanno esaminato tutti hanno preso quasi l'approccio opposto: c'era molta pazienza e una prospettiva a lungo termine, era stato impiegato tempo per coinvolgere i principali collegi elettorali, molte risorse erano dedicate allo sforzo e una miriade di altre tattiche che implicavano fare le cose nel modo più difficile invece che nel modo più semplice.

Più in generale, penso che sia interessante utilizzare il loro titolo per capovolgere ipotesi sul cambiamento. A volte la strada più difficile è la strada migliore, poiché le persone entrano con una mentalità più realistica, sono pronti per battute d'arresto e si aspettano di spendere tempo e denaro necessari. E, come bonus aggiuntivo, ogni psicologo sociale ti dirà che più lo sforzo e il sacrificio fanno le persone verso qualcosa, più saranno impegnati a farlo. In effetti, osservando gli innovatori di successo, che vanno dai team che insegniamo alla scuola di design di Stanford allo straordinario viaggio della Pixar, i più riusciti tendono ad avere questa mentalità "sarà dura, ma posso farlo e lo farò".

D'altra parte, penso che ci sia un avvertimento importante, uno di Jeff Pfeffer e di cui ho scritto in Hard Facts. Uno degli ostacoli al successo del cambiamento è che le persone usano la convinzione che "è difficile e richiede molto tempo" per evitare di provare a fare tutti i necessari cambiamenti. O, peggio ancora, propongono un processo di cambiamento a lungo termine, ma iniziano a lavorarci appena prima della "scadenza" – magari proponendo un progetto biennale, ma facendo tutto il lavoro negli ultimi mesi (proprio come i miei studenti chi, anche se assegno un foglio con mesi di anticipo, non lo avvia fino alla sera prima). Inoltre, ci sono molti cambiamenti costruttivi che non sono difficili e non richiedono molto tempo, come cambiare piccole regole o procedure, sperimentare un nuovo programma delimitato e così via. Sfortunatamente, troppo spesso, il cambiamento su larga scala viene rallentato o interrotto perché le persone ritardano o non riescono a completare la serie di piccoli e facili passaggi richiesti per compiere grandi cambiamenti (in altre parole, non riescono a concentrarsi sulle piccole vittorie quotidiane).

Infine, c'è una vecchia ma interessante lezione sul pensiero creativo qui, una coerente con la nozione di "avere opinioni forti, tenute debolmente". Le sfide del cambiamento di successo sembrano molto diverse quando si assume che "intraprendere il percorso di minor resistenza "È meglio contro assumendo che" prendere la strada della maggior resistenza "sia la cosa migliore. Infatti, anche se sono praticamente degli opposti esatti, puoi imparare molto sul cambiamento quando cerchi condizioni in cui ogni affermazione è vera e falsa. Più in generale, un buon modo per innescare la creatività è quello di prendere le tue assunzioni più care e chiedere "supponiamo che sia vero il contrario?" Questa capacità di considerare due pensieri apparentemente opposti in una sola volta è un segno distintivo di persone e team creativi.

Seguimi su twitter su work_matters.

Solutions Collecting From Web of "Cambiamento organizzativo: una discussione per intraprendere la strada della maggior resistenza"