Calmando la mente della scimmia

CCO Creative Commons
Fonte: CCO Creative Commons

Secondo i principi buddisti, la "mente scimmia" è un termine che si riferisce a essere instabili, irrequieti o confusi. La scrittrice e buddista Natalie Goldberg, che insegna molti laboratori di scrittura, suggerisce che la mente della scimmia è il critico interiore. È la parte del tuo cervello più legata all'ego, che sostiene che non puoi fare nulla di giusto. È anche la parte di te che soffoca la creatività e ti impedisce di andare avanti con le tue passioni. La mente della scimmia insiste per essere ascoltata, ea volte ci vuole un sacco di autocontrollo per chiuderla. È anche la parte del tuo cervello che diventa facilmente distratta, quindi se vuoi ottenere qualcosa nella vita, la tua sfida sarà quella di chiudere la mente della scimmia.

Il primo passo per farlo è quello di radicarsi e calmare la mente, cioè ricordare di essere nel qui e ora. Essere presenti in questo modo è chiamato consapevolezza. È uno stato essenziale per ispirare la migliore scrittura perché attinge ai messaggi del tuo cuore e della tua anima. Essere consapevoli comprende la consapevolezza e l'interconnessione tra il tuo mondo interiore e quello esteriore. Se sei più sveglio e vigile, puoi ricevere più facilmente messaggi dall'interno e dall'universo.

Natalie Goldberg nel suo libro, The True Secret of Writing (2013) ci ricorda dell'importanza della consapevolezza mentre ci muoviamo nei nostri giorni, sia che stiamo scrivendo, facendo commissioni o impegnandoci in relazioni interpersonali. Alcune delle caratteristiche della presenza mentale includono anche l'essere non giudicante, il paziente, l'accettazione, la fiducia e il lasciar andare.

Quando pensi a come calmare la tua mente, prova a stare fermo per un minuto e pensa a ciò che ti calma. Contempla come puoi incorporare queste attività nella tua vita quotidiana. Anche solo pochi minuti di meditazione o respirazione consapevole possono portarti nel momento presente. Oltre a incorporare la consapevolezza nella tua giornata, anche quando sei in fila in banca, è saggio praticare la consapevolezza prima di sederti a scrivere. La mia giornata inizia sempre con una meditazione, a volte anche prima che prenda il caffè. E poi, a volte, faccio una meditazione più breve nel pomeriggio per darmi una carica di energia.

Goldberg (2013), nei suoi ritiri di scrittura Zen, ricorda ai suoi studenti di ancorare le loro menti al loro respiro usando carta e penna per scrivere. Questo li aiuta a rimanere nel momento, così come il mantra "Siediti. Camminare. Scrivi. "Lei chiama questo il" vero segreto ".

Anche se la mente è una cosa meravigliosa, a volte può intralciare la creatività, soprattutto perché la voce nella nostra testa può intralciare ciò che il nostro cuore vuole dire. A volte questa voce si trasforma in un lato oscuro e può portare a sentimenti di paura, senso di colpa, rabbia, tristezza, invidia e risentimento, invece di un senso di leggerezza dell'essere. Questa voce potrebbe sembrare un genitore o un coniuge fastidioso.

L'ego ha la capacità di creare falsi pensieri, che sono le chiacchiere interiori che sentiamo più spesso. In effetti, è la voce nelle nostre teste che a volte diciamo di "stare zitti". Altrimenti, possiamo essere sopraffatti da questi pensieri e perdere il contatto con la realtà. Questo è uno dei motivi per cui, durante la meditazione, è una buona idea lasciare che i pensieri vadano e vengono, piuttosto che diventare ossessionati da loro o concentrarsi su qualcuno in particolare. Se ci concentriamo troppo intensamente sui nostri pensieri, c'è una maggiore possibilità che perderemo il contatto con il qui e ora.

Durante un recente viaggio a Maui, ho frequentato un ritiro guidato da Ram Dass, uno dei più influenti maestri spirituali degli ultimi decenni. Anche se aveva avuto un infarto qualche anno fa, continuava a trasmettere il suo messaggio molto importante di "essere qui ora", il consiglio più semplice e migliore per essere consapevole. Il suo libro Be Here Now (1971) è stato come una bibbia per molti hippy (come me) negli anni '60.

Coloro che vivono nel momento presente spesso si presentano come più radicati. Come disse Ram Dass, "Quando incontri un essere che è centrato, lo sai sempre. Sente sempre una specie di calma, emanazione. Ti tocca sempre in quel posto in cui ti senti calmo "(1971, p.46a). Più portiamo il nostro focus nel momento presente, più sperimentiamo la beatitudine e la gioia di quel momento e vediamo qual è la nostra vera essenza. In questo modo, possiamo rilasciare i demoni che accompagnano la mente delle scimmie. (Il mio nuovo libro, Writing for Bliss, offre ancora più suggerimenti su come calmare la mente delle scimmie, e ora puoi ordinarlo su Amazon.)

Prompt di scrittura

Pratica concentrandosi sul qui e ora. Fai alcuni respiri lenti e profondi e concentrati sulla tua pancia. Cosa vedi, senti, senti o intuisci in questo momento? Chiedi al tuo corpo quello che senti. Senti disagio ovunque? Ti viene in mente un'immagine? Questa è l'intelligenza del corpo.

Prompt di scrittura

Descrivi la persona che la tua mente pensa di essere. A cosa assomigli? Cosa credi? Qual è la tua connessione con l'universo o i tuoi cari? Chiedi a qualcun altro di scrivere su di te. Questa persona ti percepisce nello stesso modo in cui percepisci te stesso?

Solutions Collecting From Web of "Calmando la mente della scimmia"