California DMH incarica i valutatori SVP sulla corretta diagnosi DSM-IV-TR

Di gran lunga l'evento più importante nella triste storia degli statuti di Predator sessualmente violenti (SVP) si è verificato a Sacramento tra l'11 e l'11 settembre 2011. Il Dipartimento della Salute Mentale della California ha condotto un seminario di tre giorni per istruire i suoi valutatori sulle procedure appropriate per diagnosticare DSM IV disturbi mentali. Questo potrebbe essere un punto di svolta nel risolvere quello che è stato il problema più fastidioso nella delicata interfaccia tra psichiatria e legge.

Una diagnosi accurata è assolutamente cruciale nelle udienze SVP perché il potenziale risultato è così consequenziale: l'incarcerazione involontaria in un ospedale psichiatrico che potrebbe durare una vita intera. In nessun'altra situazione clinica o forense fa così tanto giro sulla presenza o l'assenza di una diagnosi psichiatrica. Quanto è inquietante quindi che alcuni valutatori SVP rimangano ignoranti del DSM IV, portandoli a fornire presunte testimonianze "esperte" che sono semplicemente incompetenti. Scrutano allegramente resoconti pieni di opinioni diagnostiche idiosincratiche e errate che provocano l'ingiustificato ricovero psichiatrico di semplici criminali che hanno già scontato la loro pena detentiva. L'errore più eclatante è l'abuso creativo della designazione "PARAFILIA NOS". Molti valutatori di SVP ritengono erroneamente che lo stupro sia di per sé un motivo per diagnosticare il parafilia, ignorando il fatto che questa nozione è stata esplicitamente respinta da DSM III, DSM IIIR, DSM IV e DSM 5.

L'esperienza ha dimostrato che i casi SVP possono essere spesso (ma non assenti) vinti quando gli errori del DSM IV vengono sistematicamente esposti. Esistono tre meccanismi di ricorso: i valutatori talvolta ritirano opinioni errate una volta identificati i loro errori; i pubblici ministeri a volte abbandonano i casi che decidono di essere troppo deboli per perseguire; e le giurie possono scegliere di liberare gli imputati che decidono di non avere un disturbo mentale legittimo del DSM IV. Ma questa correzione caso per caso al dettaglio è incerta, costosa e richiede tempo. Inizialmente, speravo che i tribunali trovassero un modo migliore, più all'ingrosso, per correggere il disordinato abuso di diagnosi psichiatrica da parte di SVP. Ma gli studiosi di giurisprudenza mi hanno convinto che i giudici faranno tutto il possibile per evitare il difficile compito di fornire una definizione precisa di quali siano i disturbi mentali SVP qualificati e come debbano essere diagnosticati. Sembrava che potessimo rimanere bloccati per sempre a dover combattere le cattive abitudini diagnostiche in modo inefficiente, ingiusto e costoso, caso per caso.

La grande notizia è che il Dipartimento della salute mentale della California si è assunto la responsabilità di migliorare la pratica diagnostica nei casi di SVP. Ha sponsorizzato un workshop di riferimento per i suoi valutatori, condotto da Ronald J. Mihordin MDJD, il direttore clinico recitativo del suo programma di valutazione dei disturbi sessuali. In base alla legge sulle informazioni sui registri pubblici, ho richiesto e ricevuto le stampe della presentazione in power point ("Valutazioni sessualmente violente dei predatori: un'introduzione, una reintroduzione"). Puoi ottenere la tua copia contattando Vincent.Ferraro@dmh.ca.gov.

Dopo aver studiato le diapositive e parlato con un numero di partecipanti alla conferenza di Sacramento, ho concluso che il dottor Mihordin stava istruendo i valutatori SVP a:
1) NON confondere incautamente il reato relativamente comune di stupro con il disturbo psichico molto raro della parafilia. Qualsiasi diagnosi di "Parafilia NOS, non conscia" dovrebbe contenere sia la prova affermativa che l'atto di stupro era una precondizione per ottenere l'eccitazione sessuale e una diagnosi differenziale completa che esclude i contesti molto più comuni di stupro.
2) NON usare 'hebephilia' come scusa per fare una diagnosi di 'Parafilia NOS' poiché avere rapporti sessuali con giovani pubescenti non è un disturbo mentale del DSM IV.
3) NON confondere la violenza insita in tutti gli stupri con l'uso sessualmente eccitante della violenza che definisce in modo specifico il estremamente raro disordine sessuale del DSM. La violenza negli stupri è onnipresente – più spesso come mezzo strumentale per forzare l'osservanza della vittima; a volte anche come espressione di rabbia o di disinibizione indotta dalla sostanza. Il sadismo sessuale richiede che la violenza sia inflitta in modo specifico perché causare dolore e umiliazione è necessaria per l'eccitazione sessuale.

Sebbene sia stato brillantemente condotto e sotto il potente auspicio della California DMH, non vi è alcuna garanzia che questa conferenza risolva da sola il problema SVP per la California, molto meno per il resto del paese. Gli psicologi che fanno i valutatori SVP sono appaltatori indipendenti e sono liberi di esercitare il loro giudizio clinico indipendente su un caso specifico, anche se a volte può essere sbagliato e incompetente. Alcuni valutatori hanno mostrato una grande resistenza al conformarsi alla corretta pratica diagnostica e possono costituire un corpo duro di testardi morti ostinati che resistono anche alla chiarezza definitiva delle raccomandazioni diagnostiche fatte dalla California DMH.

Ma la marea si è definitivamente trasformata contro la disattenta diagnosi di SVP. La combinazione del rifiuto del DSM 5 di "parafilia coercitiva" e il DMH californiano che controlla i valutatori idiosincratici dovrebbero insieme presagire l'inizio della fine per l'abuso del DSM nei casi SVP. Questo è stato un triste episodio per la psicologia forense, per l'impegno psichiatrico, per i diritti civili e per la legge costituzionale. Un saluto affettuoso e molte grazie a California DMH per il salvataggio di una corretta pratica diagnostica e per il riscatto della psicologia forense. Si spera che altri stati e il governo federale seguiranno presto questo prezioso esempio.

Solutions Collecting From Web of "California DMH incarica i valutatori SVP sulla corretta diagnosi DSM-IV-TR"