C'è una differenza tra privacy e segretezza

Fotolia
Fonte: Fotolia

"Matt" è entrato nel mio studio di terapia perché era depresso. Aveva passato molte cose nell'ultimo anno ed era in condizioni difficili.

Era stato vittima di violenza domestica per anni e recentemente ha divorziato. Era stato disoccupato per diversi mesi e, nonostante molte interviste, non era in grado di trovare un nuovo lavoro.

Dopo essersi incontrati per diverse sessioni, divenne chiaro il motivo per cui stava lottando per impressionare i potenziali datori di lavoro: non riusciva a smettere di parlare delle dolorose esperienze che aveva sopportato. Anche durante le interviste iniziali si sentì in dovere di parlare di com'era essere un uomo che era stato maltrattato fisicamente.

Pensava che raccontando a tutti del suo passato – subito dopo averli incontrati – lo avesse reso autentico. Stava leggendo pile di libri di autoaiuto e aveva imparato a portare la sua anima ed essere vulnerabili erano le chiavi per diventare migliori.

Matt era convinto di "possedere la sua storia". Ma, in realtà, la sua storia lo possedeva. Aveva bisogno di guarire dal suo passato in modo sano se voleva migliorare il suo futuro.

Come sapere se la tua storia ti possiede

Se pensi di dover raccontare la tua storia a tutti, indipendentemente dal tempo o dal luogo, la tua storia ti appartiene. Toglierlo dal petto riduce l'ansia che provi nel "trattenerla".

Forse ti senti come se avessi un "segreto". O forse ti preoccupi che qualcuno sarà in grado di dirti di avere un "segreto" solo guardandoti. Rivelare la tua storia, che sia una brutta infanzia o una lunga storia di dipendenza, è il modo più rapido per alleviare la tensione.

Ciò significa che la tua storia ha ancora molto potere sulla tua vita. E la tua identità è legata a ciò che ti è successo.

I pericoli di lasciare che la tua storia ti possieda

Scegliere di mantenere la tua storia per te non significa che non sei autentico. Significa avere rispetto per se stessi e capire la differenza tra segretezza e privacy.

Inoltre, non è necessario forzare te stesso ad essere vulnerabile a tutti quelli che incontri. Infatti, quando incontri qualcuno e dici "Ciao. Mi chiamo Sally e ho una lunga storia di abusi, "stai mettendo a rischio la relazione attuale.

Dopotutto, ci sono molte altre sfaccettature nella tua vita oltre alla tua storia. Forse sei un pianista di talento, un genitore meraviglioso o un pasticciere prolifico. Fare fuoriuscire le tue esperienze traumatiche peggiori prima potrebbe impedire ad altre persone di imparare quelle cose su di te.

Inoltre, le persone potrebbero sentirsi dispiaciute per te quando sentono la tua storia troppo presto. E la pietà rende impossibile stare sullo stesso piano di qualcuno.

Lasciare che la tua storia sia tua, può anche creare problemi professionali. Ho lavorato con diversi clienti nel mio studio di terapia che hanno reso le loro storie così importanti da interferire con la loro capacità di fare bene il loro lavoro.

Come possedere la tua storia

Quando il tuo dolore è crudo, puoi sentire come se il mondo intero vedesse che c'è qualcosa di "sbagliato" con te. Ma non è vero. Tutti hanno provato dolore e non ti vedranno come diverso.

E potresti pensare che parlarne il più possibile ti aiuti a elaborare il tuo passato. Ma parlarne troppo potrebbe effettivamente segnalare che stai rivivendo i tuoi ricordi dolorosi e rimanere bloccato nel passato.

Se il tuo passato continua a perseguitarti, o ti sembra di definire chi sei o limita il tuo potenziale, cerca un aiuto professionale. Parlare con un professionista della salute mentale potrebbe aiutarti a costruire il muscolo mentale di cui hai bisogno per guarire dalle tue ferite emotive.

Se hai una storia di tossicodipendenza o hai avuto un'infanzia difficile, parlare delle tue ferite emotive può renderti mentalmente più forte. Ma è importante essere intenzionali quando condividi la tua storia e con chi la condividi.

Solutions Collecting From Web of "C'è una differenza tra privacy e segretezza"