C'è un modo giusto per addolorarsi?

Qualcuno una volta mi ha detto: La parte più difficile della perdita di una persona cara non è che se ne siano andati, ma che tu sia ancora qui .

Tra poche settimane, passerà un anno da quando mio padre è morto. È stato un surreale 12 mesi. Ci sono stati lunghi periodi in cui ho completamente dimenticato che non è più nei paraggi. E poi ci sono quei giorni bui e pesanti in cui non provo altro che disperazione, realizzando che mio padre non mi camminerà mai d

Thomas8047/Flickr Creative Commons
Fonte: Thomas8047 / Flickr Creative Commons

possedere il corridoio, non incontrare mai i suoi nipotini e, soprattutto, non avere mai la possibilità di riparare la nostra complicata relazione.

Ho sempre creduto che la morte degli altri ci avesse cambiato in modo drastico. Lo vedi nei film tutto il tempo. È un effetto cinematografico in cui la scomparsa di una persona amata è solitamente accompagnata da alcune importanti epifanie, cambiamenti della vita o momenti di struggente scoperta di sé per il protagonista. Improvvisamente, il nostro eroe scopre lo scopo della sua vita. Finirà l'università. Si impegnerà per la ragazza. Lei farà l'avventura di una vita.

All'indomani della morte di mio padre, non avevo tali epifanie. In molti modi, la mia vita non è cambiata affatto. La vita reale, anche il vero dolore, a quanto pare, non è ancora così eccitante come i film.

Invece, tutto è rimasto lo stesso: il mio lavoro, la mia casa, il mio rapporto con la mia famiglia e gli amici. Le cose che mi tormentavano prima continuano a tormentarmi oggi. Non sono più paziente Sono ancora pigro. Mi chiedo ancora se sono una brava persona. Metto ancora in discussione il percorso della mia vita.

In altre parole, non c'era culmine o punto di svolta in questa tragica storia, che è forse la cosa più tragica a riguardo. Vorrei poter riferire a mio padre tutti i grandi successi della mia vita, o come ho imparato una lezione di vita importante, o rivitalizzato la mia convinzione per qualcosa. Qualcosa che lo renderebbe orgoglioso di me. Qualcosa che mi renderebbe orgoglioso di me.

Per la scrittrice e attrice Mindy Kaling, il giorno in cui il suo programma televisivo, The Mindy Project , è stato raccolto, sua madre è morta.

Lei scrive:

"Era come un regalo di Dio o mia madre. Penso che mi stesse dando qualcosa per cui non dovevo essere schiacciato sotto il peso del mio dolore. "

Nell'Anno del pensiero magico , Joan Didion racconta l'anno successivo alla morte improvvisa del marito e della malattia di sua figlia. Usa questa terribile tragedia per scrivere un bellissimo tributo al suo matrimonio – e il suo profondo confronto con il dolore. (Scrive così eloquentemente: "Il dolore si rivela essere un posto che nessuno di noi conosce fino a quando non lo raggiungiamo.")

Poco dopo la morte improvvisa del suo figlio di quattro anni e mezzo, Connor, il cantante Eric Clapton si gettò nel suo lavoro per affrontare il suo dolore. Ha scritto tre canzoni per una colonna sonora di film, tra cui la hit "Tears in Heaven" – che è stata direttamente ispirata dalla morte di Connor.

Tuttavia, non tutti possono dare forma a qualcosa di straordinario.

Nel mio caso, a volte solo passare il tempo sembra una vittoria, quindi sembra sciocco confrontare il mio dolore con gli altri.

Alex / Flickr Creative Commons
Fonte: Alex / Flickr Creative Commons

Ma, mi chiedo ancora – c'è un modo giusto per affrontare la morte?

Nel suo libro On Death and Dying , Elisabeth Kubler-Ross ha aperto la strada alle cinque fasi del dolore ampiamente riconosciute, che sono:

  • Rifiuto
  • Rabbia
  • contrattazione
  • Depressione
  • Accettazione

La maggior parte delle persone ha familiarità con questo modello. Tuttavia, ci sono anche quelli che non sono d'accordo, trovarlo fa più male che aiuto.

In un articolo di Skeptic Magazine , i ricercatori miravano a ridimensionare la teoria dietro le fasi:

"Il fatto è che nessuno studio ha mai stabilito che esistano effettivamente stadi di dolore e ciò che è definito come tale non può essere chiamato stadio. Il dolore è la risposta emotiva normale e naturale alla perdita … Non importa quante persone vogliano creare linee guida semplici e ironiche per le emozioni umane del dolore, non ci sono fasi di dolore che si adattino ad ogni persona o relazione ".

Il che mi fa meravigliare, forse, il lutto è come innamorarsi – non due persone lo provano nello stesso modo. Non è giusto farlo. Semplicemente lo sta facendo .

Cosa ne pensi?

Seguimi su Twitter @thisjenkim

Vuoi ricevere un aggiornamento quando scrivo un nuovo post? Iscriviti qui.

Solutions Collecting From Web of "C'è un modo giusto per addolorarsi?"