C'è almeno un modo per combattere il cyberbullismo

I genitori di una ragazza di 15 anni sono andati di recente in tribunale per consegnare l'indirizzo IP del computer a chiunque abbia creato una pagina Facebook falsa che ha fatto commenti diffamatori e sessualmente osceni sulla loro figlia. Mentre Facebook ha buttato giù la pagina dopo la denuncia, il fornitore di servizi Internet sta ancora lottando per stabilire se debbano essere richiesti per rendere pubblico il nome di coloro che sono responsabili. Penso che sia ora di mettere dei limiti alla capacità delle persone di abusare dei social media, specialmente quando coinvolgono bambini.

Il bullismo non è un singolo episodio di un brutto commento. Non sono uno di quelli che chiamano bambini di 4 anni che si prendono a pugni l'un l'altro, né io sono uno da chiamare una zuffa nell'assalto del parco giochi e chiedere alla polizia di indagare. Ma quando uno o più giovani fanno di tutto per ostacolare e svilire un altro, è tempo che noi adulti interveniamo.

Il problema con Internet non è che promuove il bullismo. La mia generazione ha fatto più bullismo dei bambini di oggi, forse anche di più. Il pericolo posto da Internet, tuttavia, è duplice. Primo, colui che fa il bullismo può essere anonimo e i bulli sono resi più forti dal loro anonimato. Nessuno può prenderli, il che significa che possono agire e non assumersi alcuna responsabilità per le conseguenze delle loro azioni. In secondo luogo, nel cyberspazio, i passanti possono contare su migliaia. Nel parco giochi, un atto di bullismo potrebbe essere visto da poche decine di bambini. Su internet, il concetto di sé di un bambino viene distrutto e testimoniato da un'intera comunità.

Quali esperti che hanno studiato il bullismo come Debra Pepler e Wendy Craig mostrano che il bullismo si ferma quando un bambino trova un amico e alleato, oppure cambiamo l'ambiente intorno a un bambino e monitoriamo il comportamento dei bambini più da vicino. Soluzioni piuttosto semplici che le scuole stanno migliorando nell'implementazione: aiutare i bambini a fare amicizia e mettere i monitor nei loro parchi giochi. Nel cyberspazio, però, la vittima è terribilmente sola a soffrire da sola. E piuttosto che i monitor, tutti quelli che guardano dentro, compresi gli adulti, diventano passanti dell'attacco. Anche la nostra sbirciatina sulla pagina di Facebook non fa che aumentare la sensazione di vulnerabilità del bambino vittima di bullismo.

Anche se odio calpestare il diritto alla privacy di nessuno, in un caso in cui è chiaramente stato un attacco persistente e pianificato su un bambino, penso che dovremmo ritenere i responsabili responsabili del dolore che hanno causato agli altri. Ho imparato da anni lavorando con giovani delinquenti che apprezzano davvero quando qualcuno finalmente dice "Basta" e li rende direttamente responsabili di quelli che hanno danneggiato.

Solutions Collecting From Web of "C'è almeno un modo per combattere il cyberbullismo"