Bystanders and Heroes: The Dance of Defiance and Conformity

Potresti aver sentito della recente scomparsa di Ki Suck Han, che è stato spinto sui binari della metropolitana di New York dopo un litigio con un senzatetto. Per i 20 secondi che impiegarono il treno per raggiungerlo e ucciderlo, i molti spettatori non offrirono alcun aiuto, alcuni sparpagliarono. Un fotografo sulla scena ha persino scattato un'immagine morbosa del condannato sui binari, fissando il treno in arrivo.

Il nome Kitty Genovese suona un campanello?

Lo ha fatto a me.

Lo ha fatto anche per Joe Nocera, l'editorialista del New York Times. In una recente rubrica, Nocera ha legato la morte recente della metropolitana a un altro evento, nel lontano 2007, quando un operaio edile di nome Wesley Autry saltò per salvare un uomo che cadde sui binari durante un sequestro. Confrontando i due eventi, Nocera concluse che il motivo per cui Autrey agiva, mentre nessuno agiva per aiutare il signor Han, era che Autrey era sulla sola piattaforma della metropolitana, mentre quando Han cadeva la piattaforma della metropolitana era piena di gente, risultando famosa " effetto spettatore, 'una diffusione della responsabilità che porta alla tragica inazione.

È stato l'omicidio di Kitty Genovese del 1964 ad opera del suo fidanzato – testimoniato da molti nel vicino condominio che non hanno offerto aiuto o chiamato la polizia – che ha portato gli psicologi a studiare come la presenza degli altri inibisce il comportamento.

Riflettendo sull'azione decisiva solitaria di Autrey contro la paralisi dello spettatore che condannò il signor Han, Nocera conclude che "è difficile essere un eroe" e che "purtroppo la scienza dice che è più probabile che non facciamo nulla che agire come Wesley Autrey. ”

Queste conclusioni, tuttavia, tradiscono una certa confusione circa l'effetto spettatore, in particolare per quanto riguarda il concetto di "eroismo" e il ruolo della pressione del gruppo.

In primo luogo, l'effetto spettatore non affronta l'eroismo di per sé, ma piuttosto aiuta il comportamento, che è piuttosto normativo – quasi l'opposto dell'eroismo, che è comunemente visto come un'eccezionale dimostrazione di sacrificio o coraggio.

Ma anche se consideriamo l'aiuto "eroico", resta il fatto che, secondo l'effetto spettatore, la stessa persona che ha agito eroicamente quando da sola non avrebbe agito "eroicamente" in mezzo alla folla.

Visto in questo modo, l'azione eroica sembra risiedere nella situazione piuttosto che nell'individuo. Come dice il detto yiddish, "Il ladro non è il topo, è il buco nel recinto".

Questa non è una nozione facile da accettare per la maggior parte di noi, poiché tende a minare il nostro intero concetto di "eroe". Pensiamo all'eroe come uno che si rialza all'occasione. Ma in realtà, essere all'altezza dell'occasione è spesso facile, a meno che l'occasione non sia una norma di gruppo.

Se la si guarda così, rompere con la norma del gruppo potrebbe essere considerata uno dei criteri di definizione dell'eroismo. L'eroismo, in quest'ottica, richiede non conformità.

Tuttavia, la non conformità, risulta, porta ai suoi problemi. Una società funzionante richiede una misura di conformità. Se tutti agiscono "eroicamente" ignorando le norme di gruppo, allora non possiamo avere una società funzionante; senza una società funzionante, gli individui troveranno difficile sopravvivere, il che è male, perché la sopravvivenza è un po 'il punto.

Inoltre, mentre può davvero risultare in un fallimento nell'aiutare, la conformità può anche essere sfruttata a grandi fini. La presenza di una folla può indebolire la nostra iniziativa nella circostanza in loco di aiutare uno straniero e guidarci lontano dai nostri angeli migliori, ma può anche incoraggiarci verso un'azione sostenuta per la giustizia sociale, che, su tutta la linea, migliorare la vita di molti sconosciuti ancor più che l'occasionale atto individuale di aiutare.

La tensione tra il potere dell'agire individuale e il potere del gruppo aiuta forse a spiegare un paradosso dell'anima umana: mentre spesso aduliamo coloro che nelle notizie vanno contro il gruppo, percependoli come eroici, guardiamo dall'alto in basso i contrarian le nostre vite quotidiane. Dopotutto, a nessuno piace il boccino, il fischietto o il tafano.

Nella nostra immaginazione ci identifichiamo spesso con il ribelle, l'anticonformista che si rifiuta di giocare secondo le regole (dal momento che tale identificazione ci aiuta a considerarci unici). Nella vita reale, tuttavia, tendiamo a sospettare e rifiutare il ribelle. Mick Jaeger è adorato da una moltitudine di gente comune di mezza età che vorrebbe strappare quel che resta dei loro capelli se i propri figli decidessero di lasciare la scuola, iniziarono a fare la donna, a fare droghe e si unirono a una band. Steve Jobs il mitico ribelle milionario è amato, ma non molti di noi avrebbero accettato volentieri comportamenti come Jobs nei nostri figli o amici.

Nella vita reale tendiamo a fare affidamento sulla conformità. Dopo tutto, la protesta di molti rovescia i dittatori mentre la protesta di uno è un fastidio facilmente scartato. Uno sforzo di gruppo coordinato può spostare le montagne e quindi la sua attrazione.

Ma quindi anche il suo ulteriore pericolo. Il gruppo ha potere, ma ciò che spesso non viene menzionato è il fatto che questo potere è agnostico nella valenza. La folla ci controlla, nel bene e nel male. I rivoluzionari marciano sulla monarchia come uno, incoraggiati nei loro numeri. I soldati si caricano come uno, costretti dai legami di gruppo; i saccheggiatori e i linciaggi attaccano più o meno allo stesso modo, protetti e giustificati dalla folla.

In realtà, naturalmente, le forze dell'agenzia individuale e della coesione di gruppo devono trovare un equilibrio tra individui e società per rimanere sani e sicuri. Troppa non conformità porta al caos e alla dissipazione. Troppa conformità porta alla corruzione in cui si fanno cose cattive e le cose buone, come aiutare uno straniero alla stazione ferroviaria, vengono lasciate incompiute.

Solutions Collecting From Web of "Bystanders and Heroes: The Dance of Defiance and Conformity"