Buona speranza e cattiva speranza

In realtà, la speranza è il peggiore di tutti i mali, perché prolunga i tormenti dell'uomo.
– Friedrich Nietzsche

Recentemente ho riacquistato me stesso con il mito greco di Pandora perché fa luce sulle nozioni sempre controverse di speranza e ottimismo, argomenti dei precedenti post di blog dei contributori di Psychology Today , incluso me.

Il vaso di Pandora

Quindi, la storia va, Pandora è stata la prima donna. Dopo che Prometeo rubò il fuoco dal cielo, Zeus si vendicò dell'umanità dando a Pandora un vaso (a volte identificato come una scatola) con l'avvertimento di non aprirlo. La curiosità la sopraffece, però, e lei l'aprì, solo per scatenare ogni sorta di mali sul mondo. Lo chiuse rapidamente, intrappolando solo la speranza dentro, come intendeva Zeus.

La versione di questo mito che ho imparato da bambina dipinge la speranza come un bene puro che ha permesso alle persone di superare il male.

Dal punto di vista di un adulto, il mito è più complesso, e la speranza soprattutto. Perché un Zeus arrabbiato metterebbe la speranza nello stesso contenitore di cose malvagie?

Come va la vecchia battuta?

Q: Che cosa è una brava persona come te in un posto come questo?
A: La stessa cosa che fanno tutti in un posto come questo.

Cioè, la speranza deve anche essere cattiva, specialmente se mantenuta e accettata. Dato tutto il male nel mondo, sperare che le cose siano diverse è stupido e quindi cattivo nei suoi effetti. Come sosteneva Nietzsche, la speranza prolunga ciò che ci tormenta.

Quindi, come fanno queste idee a sostenere i dibattiti in corso sui pro e contro di ottimismo (speranza AKA)?

Per prima cosa, diamo un'occhiata ai dati, che mostrano – contrariamente al mito – che la speranza e l'ottimismo possono effettivamente mitigare il tormento … letteralmente. Le persone che sono disposizionalmente ottimiste sono più felici e più sane (ad esempio, Park, Peterson e Seligman 2004, Peterson, Seligman e Vaillant, 1998). Evitano anche i cosiddetti "incidenti" (ad esempio, Peterson, Bishop, et al., 2001, Peterson, Seligman, et al., 1998).

E in un esperimento interessante, Carla Berg, Rick Snyder e Nancy Hamilton (2008) hanno usato immagini guidate in quella che chiamavano induzione della speranza. Per circa 15 minuti, ai partecipanti alla ricerca è stato chiesto di pensare a un obiettivo importante e di immaginare come avrebbero potuto realizzarlo. Una condizione di confronto ha chiesto ai partecipanti di leggere un libro di organizzazione domestica per 15 minuti. A tutti i partecipanti è stato quindi chiesto di immergere la mano non dominante in un secchio di acqua ghiacciata per tutto il tempo che potevano (fino a cinque minuti). Questa è una misura standard di tolleranza al dolore, ed è dolorosa ma non dannosa. I partecipanti che hanno ricevuto la breve induzione di speranza hanno tenuto la mano immersa per circa 150 secondi, mentre quelli nella condizione di confronto hanno tenuto la mano immersa per circa 90 secondi. La speranza non ha influenzato le relazioni su quanto sia stata dolorosa l'esperienza, ma ha aumentato la capacità di tollerarlo.

In secondo luogo, rivisitiamo il punto di un precedente post di blog da me che gli effetti di speranza e ottimismo dipendono dai contenuti specifici della credenza speranzosa. Sperare in cose che non possono mai accadere è davvero stupido. Possiamo doppiare il male se siamo così inclini. Ma sperare in cose che possono accadere è intelligente (buono), assumendo che siamo motivati ​​dal nostro ottimismo ad agire in modi che rendono più probabile la cosa sperata.

Terzo, ricordiamo che il mito di Pandora e le sue elaborazioni più moderne di Nietzsche e dei critici contemporanei della psicologia positiva pongono un mondo densamente popolato da cose cattive, con scarsa menzione delle cose buone. In un mondo del genere, la speranza potrebbe essere malvagia semplicemente perché nulla di male può mai cambiare, per definizione.

Credo che un mondo del genere sia solo ipotetico. Sì, ci sono cose malvagie nel mondo, ma altrettanto genuine sono le cose buone del mondo: come l'amicizia, l'amore e il servizio. Il mondo reale è più complesso di un mito greco o di un pezzo editoriale del New York Times , e dovremmo affrontarlo nella sua piena complessità, riconoscendo il bene e il male e riconoscendo una buona speranza e una cattiva speranza.

Almeno spero che lo facciamo.

Riferimenti

Berg, CJ, Snyder. CR, & Hamilton, N. (2008). L'efficacia di una speranza Intervento nel far fronte al dolore da pressatura a freddo. Journal of Health Psychology, 13, 804-809.

Park, N., Peterson, C., & Seligman, eurodeputato (2004). Punti di forza del carattere e del benessere. Journal of Social and Clinical Psychology, 23, 603-619.

Peterson, C., Bishop, MP, Fletcher, CW, Kaplan, MR, Yesko, ES, Luna, CH, Smith, JS, Michaels, CE e Michaels, AJ (2001). Stile esplicativo come fattore di rischio per incidenti traumatici. Terapia e ricerca cognitiva, 25, 633-649.

Peterson, C., Seligman, deputato al Parlamento europeo e Vaillant, GE (1988). Lo stile esplicativo pessimistico è un fattore di rischio per la malattia fisica: uno studio longitudinale di 35 anni. Journal of Personality and Social Psychology, 55, 23-27.

Peterson, C., Seligman, eurodeputato, Yurko, KH, Martin, LR, e Friedman, HS (1998). Catastrofico e morte prematura. Scienze psicologiche, 9, 49-52.

Solutions Collecting From Web of "Buona speranza e cattiva speranza"