Buona e cattiva psichiatria nel film – Recensione di Vincere di Marco Bellocchio

Ida Dalser era la prima moglie del dittatore Mussolini. Era la madre del suo primogenito, anche lui chiamato Benito, da suo padre. Il film "Vincere", un dramma storico su Ida, rivela due primi esempi relativi dell'abuso della psichiatria.

Ida Dalser e il giovane Benito

In questo racconto, Ida ha formato un amore istantaneo e appassionato per il giovane che in seguito sarebbe diventato "Il Duce". Ha venduto i suoi gioielli, la sua casa e la sua attività di estetista di successo per permettergli di fondare "Il Popolo d'Italia" , il giornale che è diventato il suo trampolino di lancio per il potere. Mussolini divenne primo ministro d'Italia nel 1922.

La coppia si sposò in una cerimonia in chiesa e Mussolini riconobbe formalmente suo figlio. Mentre la relazione cominciava ad acuirsi, Ida si ribellò all'allontanamento. Tuttavia, la sua esistenza ha minacciato la sua sicurezza e popolarità. Sui suoi ordini, nel 1926, le camicie nere fasciste portarono Ida in un manicomio chiuso da suore. Suo figlio fu mandato in un collegio religioso, per non vedere più sua madre.

Le scene del manicomio sono giocosamente interpretate in questo film straordinario, entrambi i momenti in cui Ida è tra i suoi compagni di reclusione e quando è sola. La scena più lirica la fa scalare l'alto reticolato impedendole di scappare, osservando silenziosamente la neve cadere attraverso le sbarre. È

Le sbarre del manicomio

Natale, e lei sta struggendo per il suo figlio scomparso.

Gli psichiatri nel film sono di solito ritratti come pazzi o cattivi o entrambi. È bello incontrare qualcuno con genuina compassione. Insistendo sulla sua pretesa di essere la vera moglie del leader politico del paese, Ida lotta e si scaglia contro la sua incarcerazione in ogni occasione; fino a quando il buon dottore la prende da parte e consiglia un approccio diverso.

Il dott. Cappelletti ricorda alla sua paziente che il fascismo non durerà per sempre. Le consiglia di diventare qualcosa di un'attrice, di mettere da parte la sua rabbia per incarcerazione ingiusta e comportarsi come se fosse normale, anche pio. In questo modo, le assicura che alla fine troverà un modo per liberarla. Sfortunatamente, prima che si presenti l'occasione, viene trasferita in un altro ospedale. Più tardi, con l'aiuto di una giovane suora, lei fugge; ma viene presto restituito alla schiavitù psichiatrica ancora una volta.

Mentre i titoli di coda girano alla fine del film, ci viene detto che Ida Dalser è morta per un'emorragia cerebrale in un'istituzione psichiatrica sull'isola veneziana di San Clemente nel 1937. Aveva 57 anni. I sospetti hanno dichiarato di essere stata effettivamente uccisa, e un destino simile sembra essere accaduto a suo figlio.

Mussolini da giovane

Nel film, il giovane Benito, apparentemente scimmiotto il padre, diventa pazzo realisticamente durante l'adolescenza. Secondo i dati pubblicati, morì in un ospedale psichiatrico vicino a Milano nel 1942, all'età di 27 anni, dopo aver ricevuto una quantità eccessiva di terapia a base di coma insulinico. Questo secondo abuso di psichiatria potrebbe aver portato a un altro omicidio politicamente motivato?

Come storia, il film è incompleto, immaginario in parti e altamente congetturale. Come cinema, tuttavia, è benedetto da una straordinaria performance di Giovanna Mezzogiorno come Ida e da una notevole cinematografia. Come esempio di film che ritrae uno psichiatra così gentile e perspicace, la dott.ssa Cappelletti, potrebbe essere davvero unico.

Copyright Larry Culliford

* Basato su "Psychiatry in the Movies: The Good Psychiatrist in Film : Vincere (Italia / Francia, 2009. Regista Marco Bellocchio)" in The British Journal of Psychiatry (2011) 198, 489. "Vincere" significa italiano "Per Vincere'.

I libri di Larry includono "The Psychology of Spirituality", "Love, Healing & Happiness" e (come Patrick Whiteside) "The Little Book of Happiness" e "Happiness: The 30 Day Guide" (personalmente approvato da HH The Dalai Lama).

Solutions Collecting From Web of "Buona e cattiva psichiatria nel film – Recensione di Vincere di Marco Bellocchio"