Buon giorno di mamma-qualcuno

Grant H. Brenner, used with permission
Fonte: Grant H. Brenner, usato con permesso

Non esiste una cosa come un bambino: se decidi di descrivere un bambino, scoprirai che stai descrivendo un bambino e qualcuno – Donald W. Winnicott, 1947

Non essere troppo mommista , ma probabilmente non è un modo per immaginare che per la maggior parte di noi qualcuno è più probabile che sia il bambino, la nostra madre. Per la festa della mamma, Glen, uno dei membri della nostra principale relazione con "paziente zero coppie", si è offerto di mettere le cose in chiaro sui dettagli della sua saga personale (http://tinyurl.com/mpe4z5u).

Comincia con la memoria di sua madre da molto tempo fa. Ricorda un passerotto, in equilibrio dolcemente sul davanzale della finestra fuori dall'ospedale, esattamente alle 7:58 del mattino, nel momento in cui Glen è nato. Lo descrive come un precursore di un amore che non avrebbe mai potuto immaginare. Aveva solo diciott'anni, era appena sposata e innamorata del suo bambino appena nato, come lo era con il padre di Glen, un altro diciottenne, che l'avrebbe sposata brevemente, e poi sarebbe scomparsa.

E 'possibile che abbiamo fatto così tanti tentativi di risoluzione dei problemi in materia di caregiving compulsivo e la creazione congiunta di difese psicologiche contro le ansie di empatia, intimità e investimento emotivo che è, l'irrelazione che non siamo riusciti a esprimere gioiosamente la nostra posizione riguardo la tendenza umana alla crescita, alla salute, al benessere e, naturalmente, alla relazione "reale"? Fondamentale per le nostre nozioni di recupero è la nostra convinzione che la salute e il benessere sono relazionali, non si verificano in modo isolato. La salute è uno stato reciproco reciproco di essere in relazione con il mondo, rappresentato da altri, a partire da mamma (o caregiver chiave) nella situazione del bambino-qualcuno.

Abbiamo fondato la nostra ricerca di quella che alla fine sarebbe diventata la teoria dell'irrelazione sulla base dell'ipotesi secondo cui gli esseri umani sono custodi di origine naturale (Searles, 1975). Prima di allora, Bowlby (1969/1982), il fondatore della teoria dell'attaccamento, osservava che gli esseri umani hanno un sistema motivazionale innato per essere ricercati . Vogliamo tutti sanare le ferite di coloro che abbiamo interiorizzato come fonti di comfort e sicurezza per tutta la vita, e abbiamo anche bisogno di quelle persone per soddisfare i nostri requisiti di sopravvivenza di base, compresa la necessità di intimità e connessione. E siamo tutti d'accordo sul fatto che la relazione fondativa più fondamentale tra guardiani e custodi è quella tra bambino e madre – o "madre materna". Forse vogliamo che qualcuno guarisca le nostre ferite o ci aiuti a guarire le nostre ferite, insieme? Le nostre ferite sono relazionali e anche il processo di guarigione deve essere. È, quindi, la "madre-qualcuno" che pone la pietra angolare per come è che sperimenteremo noi stessi nelle relazioni che vanno avanti.

Ora torna a Glen. La sua relazione con la sua prima moglie, Vicky, era un incubo. Coinvolse un sacco di apprendistato inadeguato e compulsivo da parte di Glen mentre Vicky interpretava il pubblico con il suo ruolo di interprete completo, e ad alta voce faceva eco a un pezzo del suo ruolo originale con sua madre. Il retroscena dell'intreccio di Glen con sua madre è utile per capire meglio le dinamiche in gioco. Lei stessa era il prodotto di un'educazione di classe superiore, degli anni Cinquanta, in cui il tema ricorrente era "i bambini devono essere visti e non ascoltati". L'unico contributo che poteva dare alle "cure" dei suoi genitori era la sua assenza. Ha ascoltato i bisogni dei suoi genitori per farla sparire attivamente e così l'hanno mandata in collegi dove si sentiva sola e bloccata.

Ora, concepire a diciotto anni con il "ragazzo dall'altra parte delle tracce", per una volta, ha attirato l'attenzione dei suoi genitori. Inizialmente fu un imbarazzo, ma poi, con sua sorpresa, sua madre iniziò a idealizzare Glen. Sentiva che quella era una specie di punizione contorta per la sua indiscrezione giovanile. Ora sua nonna andò fuori bordo e glorificò Glen con tutto ciò che non era disposta a dare a sua figlia. La madre di Glen ammette che il secondo pensiero che ha avuto dopo la sua nascita, quello dopo quanto lo amava, era che ora aveva qualcosa che le avrebbe permesso di "avere il controllo". Glen era diventato un pezzo di un gioco da tavolo di monopolio che diverse parti si muovevano per soddisfare i propri bisogni.

Il giovane padre di Glen andò quasi subito in Vietnam, lasciando sua moglie da sola. A quel tempo i nonni mantenevano una bella distanza. Così Glen vinse inizialmente la "Lotta edipica", portando sua madre tutta per sé, sconfiggendo inavvertitamente suo padre. Anche se dolorosa, sua madre descrisse questa volta con il suo "figlio d'amore" come " beata ". Alla fine sentì di essere al centro dell'attenzione e che suo figlio era davvero lì per prendersi cura di lei. Non era più sola. E così, Glen ha assunto questa enorme impresa.

Quando Glen aveva cinque anni, i suoi genitori hanno avuto un duro divorzio. Sua madre cadde nella posizione di ripiego delle cure infantilizzanti dei suoi genitori, e trovò la religione per contrastare la sua crescente depressione. Mentre un nuovo senso di spiritualità è stato utile per lei, l'unico scopo di Glen nella vita è diventato la cura del suo cuore spezzato. Questa è stata la dinamica che ha posto le basi per quello che ora chiamiamo "irrelationship" ed è diventato una sorta di progetto per il suo primo matrimonio difficile. Più scosse si sono verificate quando Glen ha compiuto dodici anni. L'uomo che sarebbe diventato il suo patrigno si fece avanti per prendere in consegna le cure di sua madre e si scatenò l'inferno. Glen era confuso riguardo al suo ruolo. Presto sua madre e lui si sarebbero sentiti in disaccordo, e in seguito si sarebbero estraniati, per molti anni a venire.

Non commettere errori, la camicia di forza dell'irrelationship è uno stato terribilmente solo e isolato, ma il suo riconoscimento e recupero è una proposta estremamente e realisticamente ottimistica. In molti modi, è una via d'accesso a un rimedio per ciò che sembra ci affligge qui nella fase iniziale del 21 ° secolo. Così tante persone sperimentano un'accettazione troppo semplice degli stati di relazione in cui toccano a malapena quelli che sono apparentemente più vicini, dove abbiamo imparato a proteggerci dalle ansie dell'amore trasformando le relazioni più intime dentro e fuori per nasconderci solo quell'intimità. Sì, sembra che "l'oppio delle masse (contemporanee)" sia l'illusione di non essere interdipendenti, di non aver bisogno l'uno dell'altro.

La buona notizia è che la mamma di Glen ha piantato semi d'amore in lui – dal concepimento in avanti – che sono stati anche più profondi di quelli che inizialmente sono fioriti come irrelazione. Erano semi di ciò che chiamiamo "relazione reale", che non gli ha mai lasciato dimenticare, in fondo, che era amato e amabile – capace sia di dare che di ricevere – e di incoraggiarlo a non arrendersi finché l'intimità non fosse una parte della sua vita quotidiana. Questi semi gli permisero di cavarsela attraverso la strana irrelazione nel suo matrimonio con la sua prima moglie e continuò a prosperare nella "vera" relazione di Glen con Mai, la sua seconda moglie, con i suoi figli, e – sì – alla fine, con il suo madre.

La capacità di essere soli è la capacità del bambino di interiorizzare il senso della presenza compassionevole, confortante e amorevole della madre (Winnicott, 1958) – e si sviluppa nella capacità psicologica di regolare l'ansia, auto-lenire e sperimentare l'autenticità, come auto- così com'è, è centrale nell'intimità. Senza saperlo, questo era sempre lì per Glen.

Era lo stesso Glen che, in un periodo di grandi dolori e conflitti alla fine del suo primo matrimonio, si riferiva a se stesso come un "antidepressivo umano". Era un colpo colorato al capovolgimento di sua madre dei tavoli, e sostanzialmente trasformava lui nel custode quintessenza compulsivo. Di nuovo, ha sicuramente abitato quel ruolo con la sua prima moglie. Ma anni dopo riesce anche a vedere che l'amore, la cura e l'attenzione di sua madre costituiscono la pietra angolare del suo amorevole "sé-qualcuno". Era diventato qualcuno in grado di bilanciare l'empatia compassionevole per se stesso e gli altri; qualcuno che potrebbe dare e ricevere amore.

Poiché ci sono "madri abbastanza brave" (Winnicott, 1971), ci sono anche abbastanza "madre-qualcuno" (e auto-qualcuno) che non si arrendono quando le cose vanno terribilmente male, ma sono in grado di usare rotture e deragliamenti come opportunità di lavorare insieme per correggere i torti, grandi opportunità (con l'atteggiamento e la mentalità giusti) per "riparazione interattiva". Glen e sua madre avrebbero scoperto che non è stato avvitato e iniziato il processo di guarigione, ma una volontà lavorare insieme per ripararlo quando esce dai binari.

Buona festa della mamma, felice festa della mamma !

Riferimenti

Bowlby, J. (1969/1982). Allegato e perdita: allegato . New York: libri di base.

Searles, H. (1975). Il paziente come terapeuta al suo analista. In P. Giovacchini (a cura di) Tattiche e tecniche nella terapia psicoanalitica: controtransfert (pp. 95-151). New York: Jason Aronson.

Winnicott, DW (1947). Odio nel controtransfert. In DW Winnicott (a cura di) Attraverso la pediatria alla psicoanalisi . Londra: Routledge.

Winnicott, DW (1958). Carte collezionate: attraverso la pediatria alla psicoanalisi . Londra: Tavistock Publications.

Winnicott, DW (1971). Giocare e realtà . Londra: Tavistock Publications.

Visita il nostro sito Web : http://www.irrelationship.com

Seguici su Twitter : @irrelation

Metti mi piace su Facebook : www.fb.com/irrelationship

Leggi il nostro blog Psychology Today : http://www.psychologytoday.com/blog/irrelationship

Aggiungici al tuo feed RSS : http://www.psychologytoday.com/blog/irrelationship/feed

www.irrelationship.com
Fonte: www.irrelationship.com

* The Irrelationship Post del blog ("Il nostro post sul blog") non è destinato a sostituire la consulenza professionale. Non saremo responsabili per eventuali perdite o danni causati dall'affidamento alle informazioni ottenute tramite il nostro post sul blog. Si prega di chiedere il parere di professionisti, se del caso, per quanto riguarda la valutazione di eventuali informazioni specifiche, opinioni, consigli o altro contenuto. Noi non siamo responsabili e non potremo essere ritenuti responsabili per commenti di terze parti sul nostro blog post. Qualsiasi commento degli utenti sul nostro blog post che a nostra sola discrezione limita o inibisce qualsiasi altro utente dall'uso o dal godimento del nostro blog post è vietato e potrebbe essere segnalato a Sussex Publisher / Psychology Today. The Irrelationship Group, LLC. Tutti i diritti riservati.

Solutions Collecting From Web of "Buon giorno di mamma-qualcuno"