Bullismo: un caso di studio rivisitato

Diversi anni fa, un'insegnante ha condiviso uno scenario che esemplificava il modo in cui il bullismo furbo e insidioso può essere. L'ho scritto sul blog in quel momento e ho ripreso la storia qui, nonché un seguito alla giovane vittima:

Dall'esterno, l'abuso sembrava abbastanza innocuo: i bambini attorno a un tavolo della mensa, a cantare frammenti di canzoni popolari ea ridere. Nulla da catturare l'attenzione dei monitor – finché un altro studente non chiede a un giovane insegnante di ascoltare attentamente i testi. La canzone popolare di Muse è stata perfezionata, diventando "Molto lontano / non puoi essere abbastanza lontano / lontano dalle persone a cui non importa se vivi o muori". Invece dei testi di Lady Gaga , i bambini hanno cantato "sei così brutto / sei una malattia. I ragazzi non vogliono nemmeno quello che stai dando gratis. Nessuno vuole il tuo amore / Ew, yuck, ew / sei una tale barzelletta. "Invece di Beyonce, " Se ti piace, allora dovresti mettere un anello sopra ", hanno cantato" sei af * # % su e perdente ci mettono una borsa sopra. "Il repertorio era vasto e nuove canzoni venivano aggiunte ogni settimana.

In generale, gli studenti sono stati attenti a scrivere testi che avrebbero superato la censura e non attirato l'attenzione su se stessi per volgarità. Si rallegrarono della loro intelligenza e della loro capacità di convincere molti spettatori non coinvolti a cantare un coro mentre aspettavano nella fila del cibo. In altre parole, l'umiliazione di una ragazza è diventata un'esperienza di bonding popolare, e il nuovo testo ad-libbing è stato un modo per ottenere un'attenzione positiva da parte dei compagni.

Come hanno visto, era tutto solo uno scherzo. Ha Ha. Non può fare un piccolo scherzo?

Recentemente, ho rintracciato la vittima (lei è in un college di alto livello) e lei ha accettato di riflettere sulle sue esperienze. Per prima cosa chiesi se ricordava i testi corretti di quelle canzoni, tutti questi anni dopo. Errore mio. Supponevo che i testi alternativi fossero bruciati nel suo cervello. Invece, mi ha detto che aveva dimenticato le canzoni riviste, e non avrebbe ricordato i testi se non li avessi trascritti, anni fa. Quando ho chiesto se avesse mai ricevuto delle scuse, o se uno avrebbe cambiato qualcosa ora, non pensava che ci fosse bisogno.

Per quanto gratificante fosse vederla fare bene, queste non erano le risposte che mi aspettavo.
Ma poiché i genitori e gli educatori pensano al bullismo, è importante tenere a mente che non tutti gli incidenti – nemmeno le continue crudeltà che colpiscono chiaramente un giovane adulto – la faranno cicatrizzare per tutta la vita. E potremmo, a volte, fare un cattivo servizio ai giovani precipitandosi a fissare ciò che percepiamo come minaccioso, minando le loro stesse capacità di gestirlo.

La nostra incapacità di valutare la resilienza è complicata dal fatto che molta crudeltà si trova in sfumature intersoggettive che sono ugualmente impossibili da cogliere, per non parlare di valutare.
Tuttavia, gran parte della capacità di riparazione si trova anche in quelle sfumature.

A mio parere, cantare canzoni crudelmente riviste (e incoraggiare altri a cantare insieme) era un continuo abuso, che richiedeva un intervento. Tuttavia, "cantare ad alta voce sul bus" è stato l'unico problema concreto che sia mai stato affrontato. La vittima stessa ha rifiutato qualsiasi coinvolgimento delle autorità scolastiche e – come sembra essere fiorente – sembra che questa sia stata la "giusta chiamata" da parte sua. (Era che non riusciva a definire se stessa come una vittima?) Stava gestendo la sua "vittimizzazione" in modi che gli adulti non potevano vedere? Che l'insegnante ha fatto in modo che i capobanda si mettessero nei guai per reati non correlati? Al contrario, è gravata da insicurezza e vergogna segreta?)

Intervistare questa giovane donna mi ha spinto a rintracciare e riconsiderare qualcosa che Clive Seale ha scritto quasi due decenni fa:

"Nel flusso e riflusso delle interazioni quotidiane, come è stato trasmesso così efficacemente nel lavoro di [Erving] Goffman, esistono numerose opportunità per piccole perdite psichiche, esclusioni e umiliazioni, alternate a momenti di riparazione e ottimismo. [Thomas] Scheff (1990) ha cercato di comprendere questa qualità dell'interazione quotidiana come costituita da cicli di vergogna e orgoglio mentre il legame sociale viene alternativamente danneggiato e riparato. L'esperienza di perdita e riparazione è, quindi, un evento quotidiano. In questo senso, il "lutto" (e il recupero da esso) descrive il continuo riconoscimento quotidiano del problema dell'incarnazione umana. "(1998)

Per gli adulti che guardano, i testi delle canzoni crudeli sembrano certamente un grande "riflusso" nel flusso della vita di questo giovane studente che richiede un intervento. La sua storia, tuttavia, ci ricorda che mentre andiamo avanti, alla ricerca di modi per proteggere i nostri bambini dal bullismo, dobbiamo simultaneamente permettere loro di negoziare i "riflussi" nella vita. Un primo passo in questo può consistere semplicemente nell'aiutarli a identificare il "flusso". Questo non è per ridurre la risposta attiva al bullismo, o per spazzarlo sotto il tappeto, ma per insegnare ai nostri figli a sfidare le auto-narrative negative che si formano attorno al bullismo esperienze. E – forse ancora più importante – per insegnare loro che come passanti, contribuiscono alle narrazioni degli altri (sia implicitamente che esplicitamente). A rischio di sembrare Pollyannaish, l'identificazione di prove controfattuali può andare lontano nel contestare questa negatività. Si scopre che questo è esattamente ciò che questa giovane donna è stata in grado di – nonostante un gruppo di amici fuori dall'ambiente scolastico, che non solo ha sensibilizzato, ma contribuito al suo flusso.

Fonte: By Andrea Booher (Questa immagine proviene dalla libreria FEMA). [Pubblico dominio], tramite Wikimedia Commons

Solutions Collecting From Web of "Bullismo: un caso di studio rivisitato"