Bullismo attraverso una lente compassionevole

Per la maggior parte dei miei anni a scuola, sono stato ostracizzato, preso in giro e tormentato da altri. Più spesso che non sono stato invitato a partecipare a qualcosa di sociale, che si tratti di giochi o, in seguito, feste. Questo andò avanti per anni, con due periodi che si distinguono in particolare. Prima di compiere undici anni, sono stato ricattato da un compagno di classe per tre mesi e successivamente squalificato per alcune settimane da tutti nella mia classe, durante i quali solo una ragazza coraggiosa si sarebbe intrufolata a casa mia per giocare con me. Poi, quando avevo tredici anni e vivevo con la mia famiglia in Messico, ero continuamente tormentato e schernito dagli altri e vidi svastiche sulla lavagna che furono cancellate frettolosamente quando sarebbe venuto un insegnante. Una volta sono stato rinchiuso da un gruppo di ragazze che non volevano farmi parte della loro cabina, ed ero tutto solo tutta la notte, appoggiato ad un albero e tremante.

Miki a tredici (prima fila, seconda da sinistra) tra i suoi tormentatori e altri compagni di classe.

La parola "bullo" non era esistita nel mio mondo in quel momento. Non avevo il contesto per dare un senso al trauma che ho subito. Come tante persone che soffrono per le mani degli altri, non ne ho parlato a nessuno in quel momento e non avevo speranza di essere capito. Oggi, il fenomeno è ampiamente riconosciuto come un importante fattore di stress nella vita dei bambini. Il Bully Project stima che tredici milioni di bambini saranno vittime di bullismo quest'anno. Uno studio indica che l'88% dei bambini ha osservato il bullismo, e in un sondaggio il 42% di coloro che hanno frequentato centri sanitari ha ammesso di aver partecipato al bullismo di altri. Questi numeri sono sconcertanti.

Nonostante questa crescente consapevolezza, la maggior parte dei bambini continua a non parlare del bullismo. In un sondaggio condotto da studenti delle scuole medie e superiori statunitensi, "il 66% delle vittime del bullismo riteneva che i professionisti delle scuole rispondessero male ai problemi di bullismo osservati". Altri hanno fornito altre ragioni per non parlarne, come ad esempio provare vergogna di non essere in grado difendersi da soli, temendo di non essere creduti, di non voler preoccupare i loro genitori, di non avere fiducia che nulla sarebbe cambiato di conseguenza, e anche il pensiero dei genitori o dei consigli degli insegnanti avrebbe peggiorato il problema.

Risposte attuali al bullismo

Posso capire perché i bambini non si fidano degli adulti. Così spesso la risposta al bullismo è uno sminuire il problema, come si può vedere nella risposta di Mitt Romney alle accuse sul bullismo da scuola superiore e negli atteggiamenti di molti altri adulti, persino insegnanti e amministratori. "I bambini saranno bambini", dicono, o guardano il bullismo come indistinguibile da prendere in giro e soprattutto innocuo. A volte la sofferenza di chi è vittima di bullismo viene minimizzata, il che contribuisce solo alla vergogna che già portano sulle loro esperienze. Per anni dopo le mie esperienze devastanti, ho continuato a pensare che altre persone soffrissero molto più di me. Mi ci sono voluti anni per capire l'intera portata del trauma che avevo vissuto.

Altre volte, la risposta è dura e punitiva. Il bullo come una persona è visto come un problema. Ecco un esempio preoccupante. Nicholas Kristof, editorialista del New York Times, ha organizzato un concorso di scrittura per studenti delle scuole sul bullismo. In un'intervista questa settimana, ha parlato degli scrittori di saggi che erano stati vittime di bullismo: "Vuoi raggiungere questi bambini e avvolgerli in un grande caldo abbraccio e dire loro che sono intelligenti, esseri umani sensibili, mille tempi migliori dei loro tormentatori. "Sono turbato da questa risposta. Voglio chiederlo, Kristof non sta facendo il prepotente con i bulli descrivendoli in questo modo nel principale quotidiano della nazione? Sarei difficile credere che qualsiasi cambiamento nella quantità di bullismo deriverebbe da questa caratterizzazione dei bulli. Ancora più preoccupante è la lettura del saggio vincente, in cui una ragazza descrive i suoi prepotenti come aventi "il diritto di sé di una celebrità erede e l'aggressione di un gladiatore romano. Come i vampiri, si nutrono del sangue dei deboli. Sono mostri pubescenti. "Questo scritto, per me, non caratterizza una persona intelligente e sensibile. Piuttosto, vedo in esso la risposta autoprotettiva, separatrice e rabbiosa che può solo perpetuare l'atmosfera della violenza.

Le politiche di "tolleranza zero" non lasciano nessuno più sicuro. I bulli vengono mandati a casa senza alcun supporto per comprendere il loro comportamento e i suoi effetti. Una mia cara amica mi ha raccontato delle sue esperienze da ragazzo in Inghilterra, anni fa: "Avevo un granché come principio, ma ho avuto un episodio di prepotenza per alcune settimane in età precoce, verso le dieci, credo , dando un pugno a un ragazzo lento che non ha reagito, finché i suoi genitori non hanno visto i lividi e io sono stato chiamato dall'ufficio del preside, e questo mi ha spaventato perché non lo capivo. Mi sono spaventato da allora in poi. Nessuno sapeva cosa fare per aiutarmi a capirlo. "

Alex (a sinistra), uno dei bambini vittime del bullismo nel film Bully, fornisce una potente finestra sull'esperienza del bullismo: "Mi colpiscono alla mascella, mi strangolano, mi fanno cadere le mani di mano, mi prendono le cose, siediti su di me. Mi spingono così lontano che voglio diventare il bullo. "Un totale di due terzi degli aggressori nelle sparatorie a scuola era stato precedentemente vittima di bullismo. Più recentemente, abbiamo una drammatica illustrazione della natura che il ciclo dell'abuso non è solo un fenomeno umano. Un articolo del New York Times riporta ricerche su una specie di uccelli aggressivi o sessuali nei confronti di giovani non imparentati. I ricercatori "hanno trovato alte correlazioni tra la quantità di comportamento aggressivo dimostrato dagli adulti e la quantità di abuso che avevano subito come uccellini".

Umanizzare tutti

Una soluzione per sminuire o punire il bullismo è capire che il bullismo è un affare di comunità, non un'aberrazione individuale. Dal momento che il problema colpisce tutti, mettiamo in atto soluzioni preventive e riparatrici che soddisfino le esigenze di tutti.

Tutti in una comunità scolastica hanno bisogno di sicurezza, che può essere fornita modificando i fattori ambientali, come aumentare la supervisione degli adulti, scaglionare le pause e il pranzo, e attuare misure per rispondere rapidamente e con compassione al bullismo una volta che accade.

Un bambino vittima di bullismo ha bisogno di adulti e amici empatici che possono aiutarla a parlare e muoversi verso la ricerca di amici di sostegno e di fiducia interiore – abilità complesse che pochi di noi possono sviluppare senza aiuto.

La compassione non significa accettare il comportamento. Significa accettare il bambino che si impegna in esso. Anche un bambino che fa il prepotente ha bisogno di supporto per un cambiamento culturale. Quelli che fanno il prepotente di solito sono vergognosi e giudicati dagli altri. Quel tipo di risposta punitiva li priva di opportunità di comprendere se stessi e di conoscere i propri bisogni. Hanno bisogno di amici e adulti empatici che possano aiutarli a capire perché scelgono questo comportamento e cosa invece possono fare.

Invece di classificare il bullismo come un crimine, come proposto in un blog canadese, gli approcci compassionevoli della comunità trovano i modi per ottenere una comprensione più profonda di ciò che causa il bullismo in primo luogo e cosa può essere fatto per ripristinare la fiducia una volta che il bullismo è avvenuto. La punizione non ripristina la fiducia. Più spesso di quanto molti di noi vorrebbero credere che piantano o innaffiano semi di violenza futura, perché contribuiscono alla vergogna e al disprezzo di sé, terreno fertile per la crescita della violenza.

Poiché spesso ciò che manca alla gente che pratica comportamenti dannosi è la comprensione empatica degli effetti delle loro azioni, la giustizia riparativa cerca di portare coloro che danneggiano insieme a coloro che sono stati danneggiati. Come un preside di una scuola media di San Francisco ha detto in un articolo su Grande Bene riguardo all'incidente di Romney, "Siamo esseri umani, avremo un senso di compassione per questa persona che abbiamo danneggiato, una volta che avremo la possibilità per vedere come le nostre azioni li hanno fatti sentire ". [Foto: Un orecchio adulto in ascolto: Restorative Justice per la regista di Oakland Youth, Fania Davis, con il decimo jihad Seymour, in un film di prossima uscita di Cassidy Friedman, Stories Matter Media .]

Voglio sottolineare ancora una volta che lasciare andare una risposta punitiva non significa accettare il comportamento. Tutti possiamo rispondere agli episodi di violenza in modi che ripristinano la fiducia e il rispetto, piuttosto che creare ulteriori danni demonizzando e punendo coloro che fanno il prepotente.

Il successo di programmi come Roots of Empathy e l'ampia ricerca sul ciclo di abusi e i profondi legami tra vergogna e violenza mi portano a credere profondamente che il fallimento dei nostri tempi sia un fallimento dell'empatia piuttosto che un allentamento del controllo stretto . Siamo bombardati da immagini che glorificano la violenza anche se siamo ammoniti contro di essa. Siamo dotati di un numero sempre minore di strade per amare la connessione con gli altri. Ad esempio, non è bello esprimere affetto, sia per gli adolescenti a scuola che per tutti noi al lavoro. Cosa possiamo fare per aumentare la gentilezza generale della nostra cultura? Come possiamo fornire ai bambini, siano essi vittime di bullismo, testimoni o bulli attuali ed ex, modi per esplorare i loro veri bisogni umani e sviluppare strategie per soddisfarli incastrati nelle relazioni umane? Voglio così tanto rafforzare il tessuto della nostra interrelazione così da poter nutrire tutti i bambini.

Un'ultima parola su Romney: vista la sua visibilità come presunto candidato repubblicano alla Presidenza, la comunità colpita dalle sue azioni precedenti sembra ora essere l'intera popolazione degli Stati Uniti. Cosa può fare Romney per ripristinare la fiducia? Vorrei che potesse riconoscere l'importante opportunità che ha di impegnarsi in un processo riparativo, anche dopo che la persona che è accusata di aver tormentato è morta. Poteva aprire visibilmente e pubblicamente il suo cuore all'orrore con cui partecipava e prendersene possesso invece di liquidarlo come uno scherzo che andava troppo lontano. Potrebbe, in teoria, fornire una finestra su ciò che prova l'esperienza interiore di partecipare a un atto del genere, così altri che potrebbero provare a comprenderlo meglio. Un atto del genere potrebbe umanizzarlo, gli altri e in definitiva tutti noi.

Solutions Collecting From Web of "Bullismo attraverso una lente compassionevole"