Bulli, astanti e squattrinati

L'ingiustizia ovunque è una minaccia alla giustizia ovunque.
Dr. Martin Luther King, Jr.

Per generazioni, genitori e insegnanti hanno detto ai bambini: "A nessuno piace un pettegolezzo". Consigliamo ai bambini di "stare fuori dagli affari degli altri" e "lasciare che la gente combatta le proprie battaglie". Insegniamo loro a "evitare il dramma" e avvisali: "Non farti coinvolgere, non è un tuo problema". Tutto ciò sembra avere un senso. Ma essere spettatore presenta un significativo dilemma morale. I nostri figli dovrebbero agire per aiutare anche quando potrebbe presentare problemi per loro? Dovrebbero aiutare quando non sembra essere nel loro stesso interesse? Il modo in cui i bambini risolvono questo dilemma durante l'infanzia ha un impatto duraturo su come reagiscono quando affrontano questa domanda, una che continuerà a presentarsi per tutta la vita.

©FreeImages.com
Fonte: © FreeImages.com

Erano le 3 del mattino del 13 marzo 1964 quando iniziò l'attacco. Kitty Genovese era fuori dal suo condominio. Diversi dei suoi vicini in seguito hanno detto di averla sentita urlare durante l'attacco di mezz'ora. Secondo le notizie riportate all'epoca, Genovese gridò: "Oh mio Dio, mi ha pugnalato! Mi aiuti per favore! Per favore aiutatemi! "Un uomo aprì la finestra e gridò," Lascia stare quella ragazza. "L'assassino si allontanò brevemente, ma quando la luce dietro la finestra si spense, tornò a pugnalare di nuovo Kitty. "Sto morendo!" Urlò. "Sto morendo!" Le luci andarono avanti in diversi appartamenti e l'assassino se ne andò di nuovo. Nessuno è sceso per aiutarla e nessuno ha chiamato la polizia. L'assassino tornò e finì il lavoro nell'ingresso del condominio in cui Kitty giaceva accasciata sul pavimento.

Qualche tempo dopo, dopo che Kitty era già morto, un vicino chiamò la polizia che arrivò entro due minuti dalla sua chiamata. L'uomo in seguito spiegò che aveva deliberato di chiedere aiuto, anche telefonando a un amico prima per un consiglio. "Non volevo essere coinvolto", ha spiegato. La polizia ha chiesto agli altri 37 vicini che hanno ascoltato il violento attacco perché non hanno chiesto aiuto. Le risposte andavano da "pensavamo fosse una lite tra amanti", a "ero stanco. Sono tornato a letto. "

Nel libro, Fifty Years After Kitty Genovese: Dentro il caso che ha scosso la nostra fede l'uno nell'altro, il detective della polizia Albert Seedman descrive la sua intervista con l'assassino, che è stato catturato sei giorni dopo in una rapina in casa.

"Non avevi paura che quelle persone lassù avessero chiamato i poliziotti?" Chiese il detective.

"Oh, sapevo che non avrebbero fatto nulla" disse l'assassino. Seedman notò un debole sorriso. "Le persone non lo fanno mai".

Kitty era la terza vittima dell'omicida.

L'omicidio genovese di Kitty ha scatenato decenni di studi su come le persone rispondono quando gli altri sono nei guai. In modo allarmante, gli scienziati sociali hanno scoperto rapidamente qualcosa che hanno chiamato l'effetto spettatore: la probabilità di un terzo che aiuta qualcuno nei guai viene attenuata quando più persone sanno cosa sta succedendo. Altri studi hanno esaminato l'impatto del "pensiero di gruppo", l'influenza dell'autorità e l'importanza di un sentimento di connessione con la persona in difficoltà.

Armati di tutta quella ricerca, siamo migliori spettatori cinquant'anni dopo? Non sembra così. Nel 2009, ben venti persone sapevano che una ragazza di 15 anni veniva violentata da una gang fuori da un ballo di ritorno a casa a Richmond, in California. In seguito alcuni di loro hanno affermato di non aver fatto nulla perché non volevano essere un "spia".

©FreeImages.com
Fonte: © FreeImages.com

Oggi, gli esperti di bullismo credono che, per la resistenza a essere un "chiacchierone", troppo spesso i bambini non dicono agli adulti di essere maltrattati, né riferiscono ciò che vedono accadere ai loro coetanei. Altre ragioni per cui i bambini non riportano il bullismo sono imbarazzo, paura di ritorsioni, preoccupazione che non si creda e rassegnazione che niente di ciò che fanno farà la differenza.

Secondo il Centro nazionale per le disabilità dell'apprendimento, anche se gli insegnanti ritengono di intervenire oltre il 70% delle volte, il personale scolastico "nota o interviene in un solo incidente su venticinque". In un sondaggio di bambini vittime di bullismo, il novanta per cento ha dichiarato di non dire agli adulti di incidenti di cyberbullismo. Il motivo più citato: hanno creduto di aver bisogno di "imparare ad affrontarlo da soli". Eppure, secondo gli esperti, le due strategie peer più efficaci per eliminare il bullismo sono 1) fare amicizia con la vittima e 2) per gli astanti per dire agli adulti cosa sta succedendo.

Come se non fosse una ragione sufficiente per far intervenire i bambini quando vedevano che altri venivano maltrattati, anni di ricerche sugli effetti del bullismo rivelano che essere spettatori passivi può diventare deleteria per la salute mentale dello spettatore come lo è per la vittima. Gli astanti che non fanno nulla per aiutare gli altri bambini sono a maggior rischio di diventare ansiosi e depressi e di essere coinvolti in alcol e droghe.

Idee sbagliate su chi si impegna nel bullismo sono dilaganti. Per anni abbiamo creduto che i bulli fossero o "cattivi bambini" o mancassero di autostima. In generale, gli esperti scoprono che i bambini che maltrattano gli altri non hanno problemi con l'autostima. In effetti, molti sono piuttosto popolari tra colleghi e sono anche benvoluti dagli insegnanti. I bambini che sono disposti a ferire gli altri mancano di empatia, non di autostima.

Il bullismo arriva in molte forme. Ciò che più prontamente viene in mente è il tipo fisico: inciampare, spingere, colpire, buttare i bambini in armadietti e simili. Ma altre forme di bullismo sono ugualmente dannose: aggressioni sociali e relazionali come chiamate sul nome, scherno, minacce verbali, diffusione di voci, parlare e fare facce dietro la schiena di qualcuno, e altri comportamenti volti a escludere o isolare qualcuno sono particolarmente dannosi, dal momento che il supporto è essenziale per il benessere psicologico e anche fisico.

©FreeImages.com
Fonte: © FreeImages.com

La maggior parte dell'aggressività sociale e relazionale, in particolare tra le ragazze, è difficile da rilevare per gli adulti senza intervento di astanti perché è così nascosta. Come Rachel Simmons, co-fondatrice di Girls Leadership, scrive in Odd Girl Out , "L'aggressività segreta non consiste solo nel non farsi prendere; la metà di tutto sembra che tu non abbia mai maltrattato qualcuno in primo luogo. L'immagine di zucchero e spezie è potente e le ragazze lo sanno. Lo usano per appannare il radar di insegnanti e genitori altrimenti vigili. "

Quando insegniamo ai nostri figli a non essere "tattpanti", li stiamo addestrando a diventare passivi, inutili passanti che si rifiutano di intervenire quando qualcuno ne ha bisogno. Siamo stati addestrati in questo modo noi stessi. Quante volte abbiamo rifiutato di dare un feedback alle nostre scuole per bambini perché non sembra essere nell'interesse nostro o di nostro figlio? Quante volte abbiamo avuto il sospetto che il figlio di qualcun altro stia soffrendo e non abbia fatto niente per aiutare?

Esperto di bullismo, Stan Davis, autore di Schools Where Everyone Belongs: Strategie pratiche per ridurre il bullismo , e la sua collega Charisse Nixon, autrice di Girl Wars: 12 Strategies That Will End Female Bullying , nel loro studio su oltre 13.000 bambini, ha scoperto che se vuoi porre fine al bullismo, dire ai bambini che non devono essere un pettegolezzo è la cosa più dannosa che puoi fare. "Parlare di ingiustizia è una buona cosa", dice Davis. "Il nostro compito da adulti è incoraggiare i giovani a farlo."

Pamela Paresky image
Fonte: immagine Pamela Paresky

Quando i tuoi figli tornano a casa da scuola, invece di "come è andata la giornata?" O altre domande che ruotano attorno all'esperienza di tuo figlio, prova a chiedere: "Hai notato qualcuno alle prese con qualcosa oggi?" Oppure "Hai avuto la possibilità di aiutare qualcuno? oggi? "e altre domande che spingono i bambini ad essere compassionevoli. Secondo Sara Konrath dell'Istituto per la ricerca sociale dell'Università del Michigan, quando i bambini raggiungono l'università, la compassione è scarsamente disponibile. In effetti, questa generazione di studenti è "la più egocentrica, narcisistica, competitiva, sicura di sé e individualista nella storia recente".

Nel 2010, Tyler Clementi, una matricola gay al college, si è suicidata dopo che il suo coinquilino, Dharun Ravi, ha installato una webcam per trasmettere in remoto video di Clementi in un incontro romantico con un uomo. Testimonianze dopo la morte di Clementi hanno rivelato che Ravi aveva pubblicato un invito a una "festa di visualizzazione" su Twitter. Diversi studenti hanno guardato e persino postato commenti prendendo in giro Clementi, ma nessuno è intervenuto per fermare il cyberbullismo. Dopo che Clementi saltò giù dal George Washington Bridge, gli studenti presero le veglie e si unirono a una pagina di Facebook che lo onorava.

L'ambulanza arrivò per il corpo di Genovese poco più di un'ora dopo l'inizio dell'attacco. Un detective sulla scena ha riferito che non appena l'ambulanza è ripartita, "la gente è uscita".

Solutions Collecting From Web of "Bulli, astanti e squattrinati"