Building Bridges: Music Therapy in Hospice Care

Image courtesy of iStockPhoto.com
Fonte: immagine per gentile concessione di iStockPhoto.com

Una bella storia è stata recentemente pubblicata sulla rivista People su un musicoterapeuta all'ospedale dei bambini di Cincinnati che compone "canzoni di battito cardiaco" per i suoi clienti e la loro famiglia. Questi particolari clienti sono unici: tutti ricevono servizi di ospizio, il che significa che a questi bambini è stata data una prognosi di sei mesi o meno per vivere.

Il musicoterapista Brian Schreck inizia registrando i battiti cardiaci del suo cliente, quindi usa la traccia ritmica come base per ogni composizione. Quando possibile, le canzoni sono composte in collaborazione con il bambino e la famiglia. Secondo Schreck, lo scopo di questo intervento basato sulla musica è aiutare i genitori a prepararsi e affrontare il loro dolore e la loro perdita, oltre a fornire loro ricordi musicali del loro bambino.

Questo è solo un esempio dei toccanti e importanti servizi di assistenza che i musicoterapisti offrono. La pratica di includere la musicoterapia come opzione per il trattamento di cure ospedaliere e cure palliative ha cominciato a crescere in modo significativo a partire dagli anni '90. I musicoterapisti possono contribuire alla cura di un cliente ospizio in molti modi, come ad esempio fornire:

  • Gestione dei sintomi, compresa la riduzione del dolore
  • Gestione dell'ansia
  • Supporto emotivo, in particolare per affrontare e alleviare i sentimenti di paura, depressione e solitudine
  • Elaborazione del dolore e della perdita per il cliente e la famiglia
  • Rassegna di vita (o il senso della vita, del lavoro e dello scopo della vita)
  • Supporto spirituale
  • Supporto psicosociale, in particolare facilitando interazioni significative con i propri cari

In questa veste, la musica sembra spesso funzionare come un ponte per il cliente, un ponte per elaborare sentimenti ed emozioni difficili, un ponte per provare il sostegno degli altri, un ponte verso una sensazione meno dolorosa e ansiosa, persino un ponte per condividere una parte di se stesso con i propri cari.

Brian Schreck ha facilitato la costruzione di ponti attraverso la scrittura di canzoni che si collegano con un processo biologico molto intimo, il battito del cuore. Altri musicoterapisti di hospice facilitano la costruzione del ponte offrendo ai clienti l'opportunità di condividere un'esperienza musicale. Ciò può implicare il canto insieme, la riproduzione di strumenti insieme, la condivisione di canzoni preferite o, a volte, semplicemente l'ascolto. Queste esperienze musicali condivise possono portare all'elaborazione di sentimenti di dolore e tristezza, ma possono anche portare a risate, sorrisi e sentirsi vicini e connessi l'uno con l'altro.

Un mio buon amico ha lavorato per diversi anni con clienti pediatrici nel sud della Florida. E non dimenticherò mai la sua dichiarazione su come ha visto il lavoro che ha fatto: il suo compito era creare ricordi.

Crea ricordi. Costruisci ponti. Connetti attraverso la musica.

Che bel tributo.

Seguimi su Twitter @KimberlySMoore per aggiornamenti quotidiani sulle ultime ricerche e articoli relativi alla musica, alla musicoterapia, alla musica e al cervello. Vi invito anche a visitare il mio sito web, www.MusicTherapyMaven.com, per ulteriori informazioni, risorse e strategie.

Solutions Collecting From Web of "Building Bridges: Music Therapy in Hospice Care"