Bridging psicologia e reti sociali

Prima di approfondire la connessione tra psicologia e reti sociali, mi sento obbligato a chiarire una confusione comune. Quando uso il termine "social network", non mi riferisco a Facebook o MySpace o a nessuno dei tanti siti simili.

An example social network

Un modo per visualizzare un social network

Social networks

descrivi la struttura delle relazioni che ci legano tutti insieme, come quella mostrata nell'immagine a sinistra. I social tworking sites sono piattaforme online che rendono esplicite queste relazioni (ad esempio "aggiungendo qualcuno come amico") e offrono una piattaforma di comunicazione e attività online attorno a queste relazioni. Quindi, quando si tratta di ricerca sui social network, l'attenzione si concentra sulle relazioni che le persone hanno tra loro e su come le reti di relazioni si formano e cambiano e influenzano le persone che collegano queste reti.

Ad esempio, considera quanto segue: quanti tuoi amici hai incontrato tramite un altro amico? Questo è qualcosa che i ricercatori dei network sociali chiamano chiusura triadica . Se sei amico di Alice e Alice è amico di Bob, quando diventi amico di Bob hai chiuso il triangolo (quindi il nome). È un modo comune con cui si formano le relazioni. È anche un modo per i gruppi di diventare entità strettamente connesse; quando tutti i membri di un gruppo hanno relazioni con ogni altro membro del gruppo, formano ciò che è noto sia in gergo scientifico che in gergo comune come cricca .

Un altro noto esempio di social network è il fenomeno "six-degrees" o "small-world" – riportato per la prima volta in Psychology Today – che suggerisce che tutti sono collegati attraverso un percorso di relazioni che attraversa in media sei persone. In effetti, si può misurare la distanza tra due persone qualsiasi come il numero più piccolo di persone che dovresti attraversare (attraverso le loro relazioni interpersonali) per connetterle. Nel suo periodo di massimo splendore, rendere espliciti questi percorsi era uno dei progetti di Friendster.

Ma cosa hanno a che fare tutte queste cose con la psicologia? Un modo per iniziare a rispondere a questa domanda è descrivere un fenomeno che ha ricevuto molta attenzione da entrambi i campi: l'influenza sociale .

Gli psicologi hanno studiato a lungo l'influenza, risalendo almeno alla seconda guerra mondiale. Questa ricerca ha chiesto e risposto in che modo le persone rispondono alla persuasione, come cambiano le opinioni delle persone, chi e cosa porta al più grande cambiamento di atteggiamento, ecc. Quasi tutte le ricerche sull'influenza sociale e la persuasione in psicologia si sono concentrate sul modello dei due attori: una persona sta facendo la persuasione, e un'altra persona viene persuasa. Questo è un bene, poiché la psicologia fornisce una storia ricca e dettagliata sui processi a livello micro che si verificano quando una persona viene influenzata. Tuttavia, le conclusioni che si potrebbero trarre da questa prospettiva uno-a-uno sugli effetti più ampi dell'influenza (come se una moda si impadronirà o una scissione di un culto) potrebbero facilmente essere fuorviati.

Fortunatamente la ricerca sui social network ha affrontato il problema dall'altra parte, osservando i modelli globali di influenza. Da questa visione di alto livello, i dettagli del processo di influenza sono in genere ridotti a un'idea estremamente semplicistica presa in prestito dall'epidemiologia: una persona "infetta" ha contatti con altre persone, che hanno una certa probabilità di infettarsi e successivamente di trasmetterla sopra. I marketer si sono fidati di questo modello, affermando che quando una persona adotta qualcosa (forse, per esempio, l'ultimo iPhone), questo può far sì che qualcun altro sappia adottare anche quella cosa. Questa è la base del "passaparola".

Questo processo di "infezione" molto semplice diventa molto più interessante se inserito nel contesto di un social network. Alice potrebbe influenzare sia Bob che Charlie per acquistare il nuovo iPhone, che entrambi conoscono David. Supponiamo che David non si lascerebbe convincere a comprare l'iPhone se solo una persona che conosceva lo avesse acquistato, ma poiché lo sente da due persone, è convinto. Improvvisamente l'influenza di Alice si è moltiplicata! Ma forse queste quattro persone formano una cricca , isolate da tutti gli altri, nel qual caso Edith e Frank potrebbero non essere mai influenzati e mai acquistare il nuovo iPhone.

Portando insieme le due linee di ricerca, è possibile rivelare difetti nelle ipotesi di entrambe e, si spera, scoprire le risposte che in precedenza erano nascoste. Ad esempio, molti dei modelli di diffusione dei social network ignorano il fatto che alcune persone sono davvero più persuasive di altre. D'altra parte, l'individuo più carismatico e persuasivo può non avere alcun effetto al di fuori della sua piccola cerchia di amici se nessuno di questi amici raggiunge al di fuori di quella piccola cricca. I due campi possono riunirsi per darci un quadro ricco di chi è realmente influente e di ciò che conta davvero quando si tratta della diffusione di credenze, idee e cultura.

Certo, questo è solo un settore che intersecano psicologia e social network. Cosa porta a nuove relazioni? Cosa li fa finire? Qual è il modo migliore per strutturare un gruppo di lavoro? Chi diventa amico di chi e perché? Chi è il più popolare e perché? Perché alcuni gruppi di persone sono serrati ed esclusivi, mentre altri sono sciolti e aperti? Queste sono solo alcune delle domande a cui la psicologia e la scienza della rete sociale stanno cercando di rispondere. E si spera che il ponte che sarà costruito tra i campi sarà solido e forte in modo che gli scienziati possano rispondere insieme.

Solutions Collecting From Web of "Bridging psicologia e reti sociali"