Brian Williams, giornalismo e cultura delle celebrità

Ti ricordi Brian Williams?

È stato rimosso come volto di NBC News il mese scorso, ma il dilemma che la sua storia pone per il giornalismo sarà solo più difficile.

Il veterano, naturalmente, è stato rimosso dall'aria dopo essersi scusato per "aver ricordato erroneamente" la sua esperienza in Iraq nel 2003. Ha detto di essere a bordo di un elicottero militare statunitense che ha dovuto effettuare un atterraggio di emergenza dopo essere arrivato sotto il fuoco di armi leggere. In realtà, non gli fu mai sparato; si trovava su un altro elicottero che poco dopo arrivò all'imbarcazione abbattuta.

Lo scandalo ha creato un vortice di speculazioni – sui motivi di Williams, su ciò che la NBC dovrebbe fare riguardo alle sue affermazioni, sulla continua erosione del giornalismo in generale. Ma mentre Williams continua il suo esilio di sei mesi, è particolarmente importante considerare un paio di lezioni.

La prima è che la storia di Williams dovrebbe essere letta come un ammonimento per tutti gli educatori di giornalismo, aspiranti giornalisti o coloro che stanno costruendo le loro carriere ora. Tutti, ovviamente, dovrebbero sapere che la precisione è fondamentale e che la credibilità nelle notizie è tanto fragile quanto essenziale. Ciò che la sua storia ci ricorda è la malleabilità della memoria. È notoriamente inaffidabile e vulnerabile alle distorsioni. Commettiamo errori di memoria e cadiamo vittime di falsi ricordi in tutti i modi, ci dice la ricerca cognitiva. Uno degli errori più comuni è quando combiniamo pezzi della nostra esperienza con la conoscenza di un altro evento simile che non abbiamo vissuto. "C'è una grande letteratura che mostra che la memoria è soggetta a errori e distorsioni", ha detto Daniel Schacter, un professore di psicologia di Harvard che ha scritto ampiamente su errori di memoria e memoria. "A volte abbiamo molta fiducia in cose che non si sono verificate esattamente nel modo in cui le ricordiamo." (Mejia, 2015) Possiamo anche facilmente "sbagliare" l'esperienza, ad esempio, quando proviamo a recuperare un evento e poi inconsapevolmente aggiungi dettagli che non facevano parte dell'evento, e l'atto di recupero viene successivamente a servire come memoria dell'evento.

Questo non è inteso a scusare il record di Williams di raccontare la storia errata all'infinito in occasione di eventi pubblici e come ospite di un talk show – anche quando i dirigenti della NBC silenziosamente lo esortarono a smettere di farlo. Non stava mentendo intenzionalmente. Ma come giornalista devoto alla veridicità, avrebbe dovuto saperlo meglio. Il che ci porta alla seconda lezione della sua storia.

È passato molto tempo da quando Brian Williams era semplicemente un giornalista. La Williams, prima di tutto, è un marchio. Inoltre, è un marchio di celebrità. Essere una celebrità nella nostra cultura significa molte cose. Per esempio, lo status di celebrità crea la sua piccola bolla di realtà in cui l'abitante vive e respira. La bolla invita le celebrità a percepire e promuovere la propria realtà, in un certo senso – e, essendo una celebrità, gli altri tendono a non mettere in discussione la tua versione della realtà. Per una persona che si definisce giornalista, tuttavia, questa è la morte professionale. Per testimoniare fedelmente il mondo, il giornalista deve occupare il mondo così com'è vissuto dagli altri. Devono respirare regolarmente nell'aria dell'ambiguità. La loro dieta quotidiana deve essere un menu di verità multiple, spesso contrastanti. Eppure, nei programmi di comunicazione in tutto il paese, un nuovo vangelo di "giornalismo imprenditoriale" ha preso piede – con l'eliminazione di decine di migliaia di lavori giornalistici tradizionali dal 2008, agli aspiranti giornalisti e produttori viene detto di concentrarsi sulla coltivazione della propria " marchio ". A un certo livello, questo ha perfettamente senso: scrittori e redattori stanno entrando in un mercato profondamente frammentato in cui un posto nella redazione di una grande metropolitana al giorno o in uno studio di affiliazione di rete non è più la norma; le singole voci possono ora comandare enormi audience online. Ma quando la logica estensione di questa attenzione al branding del giornalismo punta a superbrands come Williams, mescolare giornalismo e celebrità porterà inevitabilmente a una produzione tossica. La critica televisiva Mary McNamara ha fatto bene questo punto:

Il giornalismo moderno è afflitto da molte sfide logistiche e fondamentali, ma nessuna è potenzialmente pericolosa come la sua crescente coltivazione e dipendenza dal marchio personale. Ora ci aspettiamo che i nostri giornalisti siano personalità, che esista al di fuori dei confini del loro lavoro quotidiano in modi eccitanti e divertenti. Non è abbastanza per fornire le notizie; i giornalisti di stelle hanno bisogno di twittare umoristicamente e / o con intuizioni speciali. Devono fare cameo nelle commedie, apparire nei talk show e nelle riviste, condividere i loro segreti di stile e le loro vite personali e offrire commenti a tutto campo. (2015)

Le pressioni economiche del giornalismo continueranno probabilmente a provocare la mescolanza di "marchi" di notizie con la nostra cultura delle celebrità. E questo fa presagio per tutti noi. La ricerca sul marketing aziendale e sul marchio ci dice che l'informazione negativa tende a essere più dannosa quando la celebrità viene giudicata responsabile delle sue azioni (Louie et al., 2001), o quando il comportamento della celebrità porta vergogna o danno a interessi pubblici più ampi (Money et al., 2006). Inoltre, quando i consumatori fanno un giudizio morale sul comportamento delle celebrità, non solo colpisce le percezioni di affidabilità dell'individuo, ma danneggia il marchio associato alla celebrità (Zhou & Whitla, 2013, p.1018).

E che ne sarà di Williams? Non dobbiamo preoccuparci; quando il suo esilio finisce in agosto, la NBC avrà ancora un marchio prezioso nelle loro mani. Ma sarà come intrattenitore, non nella divisione notizie. Williams è un intrattenitore naturale e il lavoro che voleva davvero era quello di essere il successore di Jay Leno come re dello spettacolo. Invece di "NBC Nightly News with Brian Williams", cerca "Stasera con Brian Williams".

Riferimenti

Louie, TA, Kulik, RL, & Jacobsen, R. (2001). Quando accadono cose brutte ai testimonial di buoni prodotti. Lettere di marketing 12 (1), 13-23.

McNamara, M. (2015, 8 febbraio). Brian Williams: il marchio personale ha intralciato le notizie. Los Angeles Times . Disponibile: http://www.latimes.com/entertainment/tv/showtracker/la-et-st-brian-willi …

Mejia, B. (2015, 6 febbraio). Gli scienziati spiegano come la memoria di Brian Williams possa averlo fallito. Los Angeles Times . Disponibile: http://www.latimes.com/science/sciencenow/la-sci-sn-memory-blame-brian-w…

Money, RB, Shimp, TA, & Sakano, T. (2006). Appassionati di celebrità in Giappone e negli Stati Uniti: le informazioni negative sono dannose? Journal of Advertising Research 46 (1), 113-23.

Zhou, L., & Whitla, P. (2013). Come la celebrità negativa influenza gli atteggiamenti dei consumatori: il ruolo di mediazione della reputazione morale. Journal of Business Research 66 , 1013-1020.

Solutions Collecting From Web of "Brian Williams, giornalismo e cultura delle celebrità"