Breathing Light: uno Yoga dei sensi

Singing bowl

Tutta la percezione assoluta è religiosa.
Novalis

Troppo spesso siamo freneticamente occupati con gli affari di oggi, così come stufare sui conflitti di ieri e le preoccupazioni di domani. Nella meditazione interrompiamo questo ciclo di pensiero e sentimento ossessivo liberando la nostra attenzione dalla follia della vita e ponendo la nostra attenzione libera su un semplice oggetto di nostra scelta. La meditazione simultaneamente approfondisce il nostro riposo e ci risveglia a una consapevolezza più vivida e più ampia. L'oggetto della meditazione può essere un'esperienza sensoriale, una linea di poesia o scrittura o un'immagine. Il modo di lavorare con ciascuno è simile. Usiamo un suono di campana come esempio attraverso il quale possiamo sperimentare la percezione contemplativa, una sorta di yoga dei sensi.
Inizio sempre la mia meditazione sedendo in modo tale da trovare sostegno alla mia pratica. Ogni persona scoprirà gradualmente la postura che è adatta a loro. Comprenderà il comodo posizionamento di piedi e gambe, di braccia e mani. La colonna vertebrale è eretta, la testa leggermente equilibrata; gli occhi potrebbero essere chiusi o aperti. Trascorro quindi un paio di minuti durante i quali assisto al respiro che aiuta a sistemare il mio corpo e la mia mente. Si può percepire gradualmente lo spostamento e il rilascio dello stress, il calmare la mente, il rilassamento delle tensioni nel corpo. È come se attraversassimo una porta in un altro spazio che supporta il dispiegamento di ciò che il monaco trappista Thomas Merton chiamava il "sé silenzioso". Il "sé sociale" è preoccupato degli innumerevoli dettagli pratici, dolori, gioie e richieste di vita. Il sé silenzioso si volge verso ciò che è, in questo momento, essenziale e lascia cadere il resto.
Quando abbiamo calmato la mente (che non è mai completamente realizzata) e risvegliato in noi stessi qualcosa dell'umore del sé silenzioso, possiamo riprendere l'esperienza sensoriale come oggetto della nostra attenzione. Colpiamo un campanello o una campana. Il suono della campana suona, chiedendo la nostra attenzione. Lo ascoltiamo attentamente: il suo esordio, il suo arco di tono, le sue sottili variazioni e il lento rallentamento. Ripeti: suona il campanello una seconda e una terza volta, e in ogni occasione dai alla tua campana tutta la tua attenzione. Libera la tua attenzione dalle distrazioni, dai Mi piace e dai Non mi piace, accettando il suono della campana per quello che è. Stai studiando la tua capacità di occuparti di un'impressione sensoriale senza cogliere, giudicare o aspettarti. Puramente e semplicemente, ascolti. Quando il suono della campana si è spento per l'ultima volta, suona il campanello nella tua memoria. Potresti essere sorpreso di sapere esattamente come puoi ripetere ciò che hai sentito. Ripeti lentamente il suono interno fino a quando non senti il ​​suono della campana.
Quindi rilasciare il suono della campana interamente. Sforzati in te stesso per completa immobilità e silenzio. Rilassare. Non provare a sentire o vedere o fare nulla. Basta essere presenti, pienamente e completamente presenti. Se ti distrai, torna brevemente a suonare la campana di nuovo interiormente dalla memoria, e poi ritorna alla calma, al silenzio e alla presenza. Nelle parole del Tao Te Ching

Hai la pazienza di aspettare
fino a quando il tuo fango si depositerà e l'acqua sarà limpida?
Puoi rimanere immobile?
fino a quando l'azione giusta si presenta da sola?

Il Maestro non cerca l'adempimento.
Non cercare, non aspettarsi
lei è presente e può accogliere tutte le cose.
(traduzione di Stephen Mitchell)

La pratica della consapevolezza aperta ricettiva è importante quanto quella dell'attenzione indivisa. Sono come l'espirazione e l'inspirazione, o il punto centrale e l'ampia periferia. Dopo aver frequentato l'oggetto della meditazione, qui suona la campana, posiziona la tua consapevolezza alla periferia. Diventa più tranquillo ancora, approfondisci il silenzio, allarga la tua consapevolezza …
Poi, nella lingua di Francisco Varela, dopo aver lasciato suonare il suono della campana, "lasciamo venire". Che cosa sorge quando l'eco interiore del suono della campana, quale sensazione, gesto o impressione emerge dalla periferia distante, farsi strada nella coscienza? Il movimento dal suono della campana alla consapevolezza aperta silenziosa può diventare un ritmo archetipico di attenzione per noi familiare e importante come meditazione del respiro. Può essere applicato a qualsiasi esperienza sensoriale o linea o immagine meditativa. Al posto del suono della campana, ad esempio, è possibile assistere pienamente a un'immagine, quindi spostarsi per aprire la consapevolezza e la lunga e profonda immobilità che segue.
Rudolf Steiner una volta consigliò uno studente di meditazione dicendo: "I momenti più importanti e importanti per il nostro sviluppo sono quelli dopo la meditazione, quando lasciamo entrare la calma assoluta nella nostra anima per permettere al contenuto della meditazione di lavorarci sopra. Dobbiamo sforzarci di estendere questi momenti sempre di più, perché attraverso questo sollevando noi stessi il cerchio dei nostri pensieri e sentimenti quotidiani, svuotando noi stessi, ci uniamo con un mondo da cui viene verso di noi, immagini che possiamo confrontare con niente fuori della nostra solita vita. "
Avendo toccato il mistero della quiete, è ugualmente importante riprendere la vita e l'azione. La meditazione non è una fuga dalla vita ma una preparazione per questo. Le domande che la vita ci pone, le richieste che fa, la sofferenza che testimoniamo e agiamo per alleviare, tutte queste sono più profondamente comprese e più sapientemente messe in atto per aver lavorato meditativamente. Molto meglio rispondere invece di reagire, e una profonda risposta è radicata nella prospettiva, tuttora ampia, della periferia da cui emerge l'intuizione. Sull'immobilità come fonte, Thomas Carlyle ha scritto: "Il silenzio è l'elemento in cui le grandi cose si uniscono; che alla fine possono emergere pienamente formati e maestosi, nella luce del giorno della vita, che sono da allora in poi dominare. "(Sartor Resartus, bk III, cap.3)
Termino la mia meditazione con le pratiche di gratitudine e dedizione.

Solutions Collecting From Web of "Breathing Light: uno Yoga dei sensi"