Brainlock 101: Come non possiamo aiutare a rimanere bloccati

Cherezoff | Dreamstime.com
Fonte: Cherezoff | Dreamstime.com

E ti sei scambiato
Una passeggiata a parte nella guerra
Per un ruolo da protagonista in una gabbia?

-Pink Floyd – Wish You Were Here"

Sono necessarie almeno due persone affinché una routine di song-and-dance si sviluppi in una vera e propria irrelazione. Entrambe le parti devono avere un investimento apparentemente incondizionato in questa "connessione" attentamente controllata tra di loro, una connessione che in realtà preclude il vero investimento emotivo e l'intimità. Per dirla chiaramente, la routine song-and-dance è un nascondiglio inconsapevolmente ma attentamente costruito. La canzone-e-danza dell'irrelazione può avvenire in aspiranti rapporti d'amore, amicizie, famiglie e relazioni d'affari; e si verifica su più ampie scale sociali e culturali.

Il setting psicologico per la routine song-and-dance e, in definitiva, l'irrelationhip, è chiamato brainlock . Brainlock è l'insieme di processi sottostanti all'accordo inconscio fatto da due o più persone per mantenere uno stato emotivamente intorpidito. È, infatti, un tipo di dissociazione (letteralmente, dis-associazione). Comprende l'accordo di non introdurre imprevedibilità (e, quindi, instabilità) a questo stato deviando da una routine costruita con cura. Brainlock richiede l'evitamento di spontaneità, amore o impegno. Essere se stessi è fuori dai limiti e il dare e avere la reciprocità non può accadere. Il Brainlock equivale a un rifiuto dei meccanismi e dei meccanismi di legame profondi che si sono evoluti nella nostra specie nell'arco di centinaia di millenni, optando invece per la frivola contromisura dell'irrelazione.

Uno sguardo più da vicino

Il Brainlock è un adattamento psicologico anti-generativo e, in definitiva, biologico che mantiene la distanza dall'esperienza dell'altro, impedendo così l'intimità. Inteso in termini di teoria delle reti, mette in secondo piano la possibilità di schemi e sistemi complessi, interconnessi che sono dimostrabili – anche empiricamente dimostrabili – nelle relazioni intime. Nel cervello, in particolare in una relazione romantica, due persone rimangono bloccate, inizialmente perché una routine invariabile ha permesso loro di sentirsi al sicuro; alla fine, si impegnano a rimanere bloccati perché è tutto ciò che possono tollerare. L'introduzione di pensieri, comportamenti o sentimenti al di fuori del repertorio consentito incontra un allarme che costringe la ripresa dei limiti concordati – di solito prima che ciascuna delle parti sappia cosa è successo, o addirittura, che ciò sia accaduto.

La canzone dei Pink Floyd, "Wish You Were Here" è evocativa di ciò che accade nel brainlock:

Siamo solo due anime perse che nuotano in una boccia per pesci, anno dopo anno,
Correndo sullo stesso vecchio terreno.
Cosa abbiamo trovato?
Le stesse vecchie paure.
Vorrei che tu fossi qui.

Descrive la fase del brainlock in cui l'irrelazionalità è stata sfilacciata e le parti hanno sperimentato il burnout. L'uno o l'altro o entrambi stanno diventando consapevoli delle intimazioni che una relazione – anche una relazione a lungo termine – potrebbe essere stata basata sulla dissociazione e l'inganno da sempre. Nonostante l'attrazione e l'eccitazione dei primi giorni e delle settimane insieme, quando si è svolto "per davvero", eravamo stati davvero presenti e reciprocamente reciproci? O stavamo studiando attentamente un modo per essere assenti mentre sembravano stare insieme ("Wish you were here.")? Seguendo il tema della canzone, qualunque cosa abbiano trovato ("lo stesso vecchio sfondo … le stesse vecchie paure") non l'hanno trovato insieme.

Nella forma più comune di brainlock, si sviluppa una lotta di crescente urgenza quando si inizia a sentirsi inspiegabilmente intrappolati e indifesi nella sua relazione. Questo disagio può iniziare nelle primissime fasi del collegamento con un nuovo interesse romantico (anche se reazioni simili possono verificarsi in caso di nuove promettenti connessioni commerciali o amicizie). Piuttosto che tollerare l'insicurezza e la paura che deriva dal prendersi cura di qualcuno, attiviamo vecchi schemi che bloccano l'ansia connessa all'essere assistiti da un'altra persona. L'idea di essere visti e amati "come realmente siamo" è profondamente inquietante perché non possiamo controllare i sentimenti dell'altro nei nostri confronti o cosa potrebbe significare nella nostra vita. La risposta è l'uscita emotiva. Dal momento che entrambe le parti sono soggette al cervello, entrambe inizieranno a "bloccare" i sentimenti allo stesso tempo per evitare l'intimità. Per questo motivo il brainlock può essere inteso come un tipo di dissociazione.

Oltre alla chiusura dei sentimenti di cura, una vasta gamma di sentimenti ed esperienze salutari si perde nel cervello. Per prevenire la perdita del controllo, i ritmi relazionali sono impostati per essere ripetitivi e circoscritti, impedendo incursioni di varietà e spontaneità.

Un effetto analogo è stato documentato nella funzione cardiaca. I ricercatori hanno osservato una moderata quantità di variabilità della frequenza cardiaca in un cuore sano. Il ritmo cardiaco incessantemente casuale, tuttavia, è un marker di una grave malattia cardiaca che può persino includere l'arresto del cuore. Meno noto è che un ritmo cardiaco "troppo regolare" può essere un segno dell'approccio di un grave evento cardiaco che può portare alla morte.

Allo stesso modo, una eccessiva regolarità interpersonale nello stile relazionale di due persone è un segno di irrelazionalità. In questi casi, i seguenti reclami sono tipici:

"Tutto ciò che riguarda le nostre vite sembra una routine senza cervello".

"Facciamo sempre le stesse cose più e più volte."

"Andiamo sempre nello stesso ristorante" o "nella stessa vacanza".

"Continuiamo ad avere la stessa lotta ancora e ancora."

Questi aspetti "esteriori" di una relazione possono essere i passaggi della routine di canto e danza instancabilmente tenuta da una coppia. Pur essendo presentati come lamentele, in realtà sono indicatori di uno status quo che era l'obiettivo inconscio dei partecipanti fin dai primi momenti in cui hanno iniziato a interagire.

Altri aspetti di Brainlock

La ricerca su relazioni romantiche a lungo termine e in buona salute identifica tre caratteristiche indipendenti ma coerenti dell'accoppiamento felice: la passione, compresa l'intimità fisica; accoppiamento di coppia, cioè intimità emotiva; e impegno per la cura (Fletcher et al., 2015; Shaver & Hazen, 1988; Sternberg, 1986). Questi descrittori non sono uniformi in tutte le relazioni di successo, ma la presenza di tutti e tre è predittiva di un impegno a lungo termine gratificante (Fletcher, et al., 2013). Tutti e tre i fattori includono dimensioni biologiche, psicologiche, interpersonali e sociali-contestuali (Acevedo et al., 2014).

Lo scopo principale di Brainlock è quello di prevenire i rischi emotivi associati all'interconnessione, alla reciprocità e alla cura reciproca. In un certo senso, può essere paragonato a groupthink (Janis, 1971) come un dispositivo di protezione, una situazione in cui un gruppo (di solito in un contesto aziendale) si convince di aver trovato un'idea che non può falliscono, ma non sono consapevoli di essere così intossicati dalle loro illusioni e mancano di informazioni e omissioni ovvie che, se fossero state prese in considerazione, avrebbero drasticamente cambiato il loro processo decisionale. Un esempio di questo è il tentativo di JC Penney di ribilanciare se stesso per attrarre una base di clienti di fascia più alta. Non solo la nuova strategia di Penney ha alienato la loro tradizionale base di clienti; non riuscirono a persuadere il loro nuovo mercato di riferimento che Penney era "il loro tipo di negozio" (maggiori informazioni su http://tinyurl.com/pyvoho2). Simile al fallimento dell'analisi alla base della sfortunata campagna di rebranding di Penney, la dissociazione del brainlock, rende praticamente impossibile la comprensione e la previsione del risultato dell'implementazione della relazione. In altre parole, il brainlock funziona perché funziona nel contesto di punti ciechi condivisi.

* * * * * * * * * * *

Il Brainlock può essere inteso come il risultato di un trauma derivante da un'assistenza disfunzionale ricevuta nella prima infanzia. L'individuo colpito si blocca su meccanismi che lei o lui ha creato per dare sollievo dall'ansia causata dalla scarsa cura. Credendo che lei debba intervenire con il suo caregiver per poter ancora una volta sentirsi al sicuro, il bambino è costretto in un ruolo di custode impropriamente precocemente nella sua vita. Questo è l'inizio del brainlock. L'impegno verso questi meccanismi è tipicamente così profondo, non consapevole di sé e acritico che può portare a situazioni masochistiche da cui l'individuo non è in grado di fuggire. Allo stesso tempo, gli individui affetti possono schierare comportamenti passivi-aggressivi durante discussioni e altre volte; o, più nei casi più gravi, intrattiene fantasie apparentemente inintelligibili sull'uccisione o sulla distruzione, che rappresentano un desiderio disperato ma sublimato di una strategia di uscita.

Sebbene entrambe le parti del brainlock siano, attraverso il reciproco consenso, bloccate nella loro routine, i tentativi paralleli di bloccare il dolore e l'ansia associati sono solo parzialmente positivi: la consapevolezza dei sentimenti negativi si riduce con diversi gradi di successo, ma i sentimenti rimangono potenti nella loro effetto sulla percezione di sé e dell'altro, nel processo decisionale e nel funzionamento generale.

Componenti fisiologiche e psicologiche di Brainlock

neurobiological

Ossitocina: un ormone cerebrale neuropeptide ("proteina corta") coinvolto in: 1) legame madre-bambino e allattamento al seno; 2) legame di coppia romantica; e 3) funzioni "prosociali" come empatia, compassione e altruismo. Elevati livelli di ossitocina sono associati a un legame stretto e ad un aumento della capacità di prendersi cura di un altro a proprie spese (Carter, 2014).

Dopamina: il neurotrasmettitore "ricompensa". La dopamina è coinvolta nel rafforzamento dei comportamenti ripetitivi, fino al punto di dipendenza e costrizione. Inoltre, media l'attività del circuito "ricompensa interna" per routine regolari e adattive e comportamenti ripetitivi. Alti livelli di dopamina sono visti in entrambi i partner di relazioni che includono una qualità compulsiva. Gli alti livelli di attività di ricompensa mediati dalla dopamina sono richiesti per bilanciare gli alti livelli di dolore associati a bisogni non soddisfatti (privazione) e con esperienze negative ripetitive legate a tentativi infruttuosi di "aggiustare" le cose (punizione) (Love, 2014).

Altri neuro-fattori. Vasopressina: la versione "maschile" dell'ossitocina, associata al corteggiamento e all'accoppiamento; Glutammato: il principale neurotrasmettitore "eccitatorio", che aumenta l'attività cerebrale (bilanciato dal GABA, il neurotrasmettitore chiave "inibitorio" nel cervello); Oppiodi endogeni, cioè ormoni "piacere" (Insel, 2010). Altri fattori potrebbero essere discussi, ma il messaggio principale è che l'esperienza di irrelazione è mediata da una serie di fattori biologici e biologicamente correlati.

Un numero crescente di prove suggerisce che i fattori "epigenetici" possono giocare un ruolo nell'adattamento al trauma. Per esempio, i bambini sopravvissuti all'Olocausto e i bambini sopravvissuti alla carestia mostrano diverse risposte allo stress e alla regolazione di base, che può avere un ruolo nelle relazioni attuali. I cambiamenti nel modo in cui il DNA viene tradotto vengono trasmessi di generazione in generazione (Paine, 2014). Pertanto, gli effetti delle esperienze traumatiche subite dai genitori e dalle generazioni precedenti possono essere trasmessi geneticamente. Si parla di trasmissione "transgenerazionale" o "intergenerazionale".

Presi insieme, questi fattori creano un ambiente cerebrale pronto ad attrarre e ad essere attratto da altri che potrebbero innescare problemi irrisolti del passato. (Johnson, 2013). Senza indirizzo, questa è una ricetta per ripetuti episodi di attrazione e dolorosa delusione tra le parti che non si connettono mai veramente. Tuttavia, se affrontato in modo efficace, questo ciclo offre alle parti l'opportunità di sbloccare il cervello e imparare come crescere insieme. Gli autori chiamano questo processo "ri-associazione".

Psicologico

La necessità dell'operazione strettamente controllata ma al di sotto del radar del brainlock che sottostà all'irranazionalità inizia nella prima infanzia in risposta alle minacce percepite al benessere. Dal momento che il caregiver (di solito la madre) è praticamente l'intero ambiente per un bambino piccolo, il disturbo del caregiver è percepito come una minaccia per se stesso. Per sentirsi al sicuro, il bambino farà tutto il possibile per far sentire meglio il suo caregiver. Questa è l'origine del caregiving abitualmente disfunzionale tipico dell'irrelationship: il bambino inverte i ruoli con il caregiver, diventando il custode del caregiver nella speranza di fare in modo che il caregiver "si senta meglio" in modo che lei, il bambino, possa sentirsi nuovamente al sicuro.

Quando il bambino vede che i passi compiuti hanno avuto successo – che lo stato emotivo negativo dell'umore del caregiver è passato, apparentemente come risultato del suo intervento, il bambino inizia a dispiegare la stessa tecnica ogni volta che si trova di fronte a una situazione emotivamente angosciante. In poco tempo, diventa la sua procedura operativa standard per mantenere il mondo un posto sicuro per se stesso. Ma non finisce con l'infanzia: continua ad usarlo attraverso l'adolescenza e l'età adulta in quasi tutte le sue relazioni, specialmente su potenziali attaccamenti romantici.

Nel momento in cui se ne va di casa, il fatto di aver ripetutamente fatto ricorso a questa "routine di esecuzione" lo ha lasciato con un senso di inflessibilità poco sviluppato e inflessibile basato sull'esigenza di essere un custode degli altri. Tuttavia, dal momento che il vero obiettivo della sua custodia è di farsi sentire meglio, i suoi sforzi di solito colpiscono ampiamente le reali esigenze degli altri. Ma questo non lo ferma: invece diventa più insistente e vigoroso nel suo "aggiustare" o "fare per" gli altri. "Altrettanto importante, il custode impone i suoi servizi in modo tale che la reciprocità dell'altro non sia fattibile: egli deve avere il controllo e non deve permettere all'altra l'opportunità di un esplicito ritorno del "dare". Altrimenti, si lascerebbe mettere "in obbligo" e, quindi, vulnerabile, che è ciò che è concepito per prevenire. In poche parole, in relazione, dare è una difesa contro la ricezione creata congiuntamente da due o più persone. Nel caso di ogni persona coinvolta, le sue o le sue esigenze sono soddisfatte da una rigida struttura a senso unico dell'altro o di altri.

interpersonale

Questa è l'area della forse più profonda ironia del brainlock: ci protegge dalle cose che ci diciamo vogliamo nelle nostre relazioni: intimità, empatia, investimento emotivo e persino vulnerabilità. Giù in profondità, possiamo renderci conto che questi sono i pezzi di una relazione integrata e matura, ma la prospettiva di permettere ad un'altra persona di assumere importanza nelle nostre vite è troppo terrificante per permettere che tutto ciò accada realmente.

L'irrelazione come espressione del brainlock è il luogo in cui "immagazziniamo" il materiale e le esperienze che sono troppo dolorose da permettere alla nostra coscienza. I meccanismi che concepiamo (le nostre "routine di song-and-dance") sono la nostra recitazione o "messa in scena" delle esperienze che teniamo a distanza. Tuttavia, a differenza delle varie difese psicologiche che abbiamo imparato nei nostri corsi universitari di Anormal Psychology, l'irrelationhip non è una difesa "contro il mondo": è una dinamica, un modo di essere nel mondo che creiamo con altri che, come noi, abbiamo paura di avvicinarci agli altri. Creiamo relazioni con altri individui simili, individui a cui siamo realmente attratti e, proprio per questa ragione, ci spaventa rappresentando il potenziale per un vero significato relazionale.

Due persone con bisogni gratuiti insoddisfatti derivanti dall'aver assunto il ruolo di custode per i loro caregiver si incontrano e sentono di aver finalmente incontrato qualcuno che li capisce. È eccitante e inebriante. Ma il brivido lascia rapidamente il posto a una routine scritturata di assistenti che hanno concordemente e tacitamente concordato di non riferirsi nemmeno a bisogni insoddisfatti. Invece, si sono lanciati l'un l'altro nel ruolo della tanto cercata "soluzione alla mia vita", colei che finalmente sta per "completarmi" e rendere finalmente tutto "giusto".

Social-contestuale

L'irrelazione riguarda la creazione dell'illusione che un mondo pericoloso possa essere reso sicuro attraverso una corretta gestione. Un bambino non comprende coscientemente che gli stati emotivi negativi del suo caregiver – depressione, ansia, paura, tristezza – sono sentimenti che possono rendere il genitore almeno temporaneamente inefficace come un caregiver. Ma poiché nessun altro oggetto della "colpa" è disponibile, il bambino si incolperà per il dolore e la distanza emotiva del suo genitore. In risposta, escogita le sue routine di song-and-dance, intese a ripristinare lo stato emotivo del caregiver in modo da consentire al bambino di sentirsi al sicuro: diventa il custode del caregiver. Il successo nel manipolare il genitore in questo modo lo porta a credere che le sue, le macchinazioni del bambino, siano necessarie per impedire al suo mondo di sprofondare nel caos. Quando il genitore accetta queste cure dal bambino e risponde positivamente, cioè, ritorna ad uno stato d'animo più accettabile per il bambino, genitore e figlio hanno iniziato quello che diventa un affare duraturo – e l'aspettativa di ruolo – tra di loro. Se le prestazioni del bambino non hanno successo, il bambino imparerà a credere che il mondo sia instabile, insicuro, persino ostile. In risposta, intensificherà la sua routine di guida per "costringere il mondo ad essere al sicuro" o manipolando quelli che lo circondano. Questo include generalmente il rifiuto di riconoscere, cioè, dissociarsi dalle esperienze e dai bisogni genuini degli altri. Indipendentemente da ciò, lo scopo urgente del custode, vale a dire lo scopo del brainlock, è quello di proteggersi da un mondo instabile e pericoloso.

* * * * * * * * * * *

Il Brainlock e l'irrelationhip sono, forse, più comunemente osservati nelle coppie romanticamente interessate l'una all'altra. Tuttavia, gli stessi meccanismi e gli stessi effetti possono essere osservati praticamente in qualsiasi forum, praticamente su qualsiasi scala di interazione umana. Altri post nel nostro blog esplorano esempi di irrelationship in contesti tanto diversi come relazioni internazionali, show business e incontri online. I commenti e le esperienze dei lettori sono accolti con entusiasmo.

Riferimenti

Acevedo, BP, Aron, A., Fisher, HE, & Brown, LL (2011). Correlati neurali di intenso amore romantico a lungo termine. Social Cognitive & Affective Neuroscience , 7 , 145-159.

Carter, CS (2014). Vie di ossitocina e l'evoluzione del comportamento umano. Revisione annuale di psicologia , 65 , 17-39.

Chen, S., Boucher, HC, Andersen, SM e Saribay, SA (2013). Transfert e il sé relazionale. In JA Simpson e L. Campbell (a cura di) Il manuale di Oxford di relazioni intime (pagine 281-305). New York, NY: Oxford University Press.

Fletcher, GJO, Simpson, JA, Campbell, L., & Overall, NC (2013). La scienza delle relazioni intime . Malden, MA: Wiley-Blackwell.

Fletcher, GJO, Simpson, JA, Campbell, L., & Overall, NC (2015). Legame di coppia, amore romantico ed evoluzione: il curioso caso dell'homo sapiens. Prospettive sulla scienza psicologica , 10 , 20-36.

Insel, TR (2010). La sfida della traduzione nelle neuroscienze sociali: una revisione dell'ossitocina, della vasopressina e del comportamento affiliativo. Neuron , 65 , 768-779.

Janis, I L. (1971). Goupthink. Psicologia Oggi , 5, 74-76.

Johnson, S. (2013). Senso dell'amore: la nuova scienza rivoluzionaria delle relazioni romantiche . New York: Little, Brown and Company.

Love, TM (2014). Ossitocina, motivazione e ruolo della dopamina. Farmacologia, biochimica e comportamento , 119 , 49-60.

McGrath, M. (2014) JC Penney è la prossima grande storia americana della rimonta? Forbes . http://tinyurl.com/pyvoho2

Paine, C. (2014). Replicazione, trascrizione e traduzione del DNA. BioKnowledgy 2.7 . http://tinyurl.com/kgnf7vu

Shaver, PR, & Hazen, C. (1988). Amore come attaccamento In RJ Sternberg e ML Barnes (a cura di), La psicologia dell'amore (pp. 68-99). New Haven, CT: Yale University Press.

Sternberg, RJ (1986). Una teoria triangolare dell'amore. Rassegna psicologica , 93 , 119-135.

Visita il nostro sito Web : http://www.irrelationship.com

Seguici su Twitter : @irrelation

Metti mi piace su Facebook : www.fb.com/irrelationship

Leggi il nostro blog Psychology Today : http://www.psychologytoday.com/blog/irrelationship

Aggiungici al tuo feed RSS : http://www.psychologytoday.com/blog/irrelationship/feed

www.irrelationship.com
Fonte: www.irrelationship.com

* The Irrelationship Post del blog ("Il nostro post sul blog") non è destinato a sostituire la consulenza professionale. Non saremo responsabili per eventuali perdite o danni causati dall'affidamento alle informazioni ottenute tramite il nostro post sul blog. Si prega di chiedere il parere di professionisti, se del caso, per quanto riguarda la valutazione di eventuali informazioni specifiche, opinioni, consigli o altro contenuto. Noi non siamo responsabili e non potremo essere ritenuti responsabili per commenti di terze parti sul nostro blog post. Qualsiasi commento degli utenti sul nostro blog post che a nostra sola discrezione limita o inibisce qualsiasi altro utente dall'uso o dal godimento del nostro blog post è vietato e potrebbe essere segnalato a Sussex Publisher / Psychology Today. The Irrelationship Group, LLC. Tutti i diritti riservati.

Solutions Collecting From Web of "Brainlock 101: Come non possiamo aiutare a rimanere bloccati"