Brain Changer 2

Nel mio ultimo post, ho parlato di come parlare in psicoterapia cambia il cervello. In questo follow-up, guardo a come il suo cervello adulto "pensa" a ciò che ricordi e poi ricorda nuovamente questi ricordi.

Non solo l'ippocampo nel cervello medio svolge un ruolo importante nella memorizzazione, l'accesso e la verbalizzazione dei ricordi, come ho sottolineato in precedenza. Così fa la corteccia prefrontale, la parte anteriore del cervello e praticamente il suo amministratore delegato. Sostituendo gli istinti animali con il processo decisionale, il cervello pensante svolge molte funzioni esecutive che ci rendono umani. Questi includono focalizzare l'attenzione, organizzare pensieri, fare generalizzazioni, problem solving, prevedere conseguenze, strategia e pianificazione, controllare impulsi, cambiare comportamento, modulare emozioni, elaborare e conservare informazioni per l'uso futuro, fare scelte; eccetera.

Da un punto di vista clinico, il cervello pensante consente all'individuo di fare un passo indietro e guardare se stesso – qualcosa che, con poche eccezioni qua e là, il grande psicologo svizzero Jean Piaget ha detto non è realmente possibile fino all'inizio dell'adolescenza. La crescita drammatica dei lobi frontali che inizia a verificarsi intorno ai dodici anni consente all'adolescente di fare un passo indietro, mettersi in situazioni ipotetiche, fare deduzioni e inventare possibilità logiche. Non è prima dei vent'anni che questo processo è completo, quindi l'impulsività tipica di un adolescente e il giudizio inaffidabile.

Sì, ma la storia non è ancora finita. Di nuovo in contrasto con ciò che pensavamo in passato, la maturazione del cervello e quindi lo sviluppo psicologico non si fermano qui. Gli adulti continuano ad evolversi in modi basilari, ed è questo che rende possibili i cambiamenti in psicoterapia nelle persone anziane che, per o peggio, sembrano impostate nei loro modi.

Non so voi, ma mi sembrava di essere in grado di imparare molto più velocemente nella mia adolescenza e nei primi anni venti – al liceo e al college – che in seguito nella vita. Allo stesso tempo, non ero ancora molto esperto quando si trattava di me o di altre persone. Considera i veri prodigi in campi come la matematica, la scienza, gli scacchi e la musica che sono ancora piuttosto ingenui e, come rivelano le rockstar, non tanto nel controllo dei loro appetiti. Al contrario, la maggior parte degli scrittori, degli psicologi e di altre persone il cui patrimonio e commercio comprende la comprensione delle persone si presentano più lentamente, no? È solo quando il cervello pensante si connette con il cervello emotivo che anche le persone più intelligenti sviluppano il loro "eq", nell'ormai famoso giro di parole di Daniel Goleman, la loro "intelligenza emotiva".

E, potrei aggiungere, tutto questo non è solo questione di imparare dall'esperienza.

Mentre l'ippocampo è più o meno maturo all'età di quattro anni, come ho appena detto, i lobi frontali continuano a crescere di dimensioni e si sviluppano nella struttura durante l'adolescenza. Inoltre, non è fino a un certo punto della giovane età adulta – verso la fine degli anni Venti, forse fino a quando i primi anni trenta – che le connessioni con il mesencefalo, in particolare l'ippocampo, sono pienamente consolidate.

Secondo il neuroscienziato di Princeton Jonathan Cohen, anche dopo che i lobi frontali hanno smesso di crescere e differenziarsi, le connessioni tra loro e il sistema limbico devono ancora essere pienamente stabilite, a quel punto il dispiegarsi di più e migliori percorsi neurali permette al cervello pensante di comunicare in modo coerente con il cervello emotivo. È questo sviluppo anatomico che sincronizza i nostri sentimenti e pensieri in modo che si influenzino a vicenda, ancorino idee astratte nella vita reale, promuovano l'autocontrollo e la regolazione di emozioni potenzialmente caotiche e confuse e rendano possibile l'intuizione. Tutti questi sono i tratti distintivi di un essere umano maturo, flessibile e sano.

Forse la cosa più importante in psicoterapia, la connessione permette all'individuo di "decentrarsi dal sé", come dice Piaget, e osservare se stessa come il bambino vulnerabile che era una volta. Con questo, sia empatizzando con se stessa come questo bambino e tracciando conclusioni logiche sulla realtà della sua vita, il paziente può fare inferenze plausibili che intrecciano memorie disparate in una storia coesa sul passato dimenticato.

La connessione tra pensare e sentire è fondamentale. Per un po 'di tempo, i terapeuti si misero alla disperazione quando si trattava di scoprire verità sepolte nelle storie delle persone o l'uso di ipotesi su queste per aiutarle a migliorare. Invece, decisero di concentrarsi solo sul "qui e ora" della relazione tra il cliente e il clinico, come se dimenticare che ciò che gli psicoanalisti chiamano "transfert" è per definizione stesso una sorta di memoria.

Il problema era che i nostri insegnanti tendevano spesso a parlare con i pazienti delle loro esperienze infantili nella lingua dell'adulto, parlando piuttosto con il loro cervello pensante e scavalcando i modi "pazzi" in cui quella bambina interpretava e ricordava la realtà. È solo quando l'individuo sente qualcosa di potente e di solito infantile nel momento con il suo medico e quando questo porta a qualche immagine o scena che può essere poi messa in parole che i due collaboratori possono finalmente iniziare a lavorare per reinterpretare il mondo di il bambino in termini adulti.

Quindi ecco la sequenza ideale, ripetuta molte volte in un trattamento di successo: potenti ricordi emotivi, di solito coinvolgono il medico, sono innescati dal processo. Questi portano a ricordare episodi del passato visti attraverso gli occhi di un bambino che ora mettono in parole. Questi scenari, che sono una miscela di ciò che noi adulti pensiamo di asfact e fantasy, sono poi ricordati e messi insieme in una narrazione logica e realistica di ciò che è accaduto nella famiglia del paziente e perché e come si sentiva in dovere di dimenticarlo. Quando si tratta di guarire vecchie ferite,

"Non puoi averne uno senza l'altro [s]!"

E anche se deve ancora essere dimostrato in un fmri, è molto probabile che il trattamento condotto in questo modo migliori ulteriormente le connessioni tra la corteccia prefrontale e il sistema limbico.

***

Più a venire: come le bugie bianche nel sistema familiare conducono all'autoinganno; non dimenticare la realtà presente o il mondo in cui viviamo; la nostra misteriosa preistoria e la trasmissione di traumi e altri eventi e atteggiamenti attraverso le generazioni; parole come armi o perché le coppie non possono smettere di combattere; leggendoti i tuoi diritti quando il tuo altro significativo è in cura e in realtà non sta migliorando; blocco dello scrittore e come rimboccarsi le maniche e sistemarlo; e molto altro ancora.

Solutions Collecting From Web of "Brain Changer 2"