Boys and Young Men II: Forse Old Dad non era affatto male

Le ragioni di ciò, e cosa significa, rimangono aperte al dibattito, ma i ragazzi sono rimasti indietro rispetto alle ragazze nelle scuole è un dato di fatto. Ci sono molti dati che lo confermano. Ad esempio, secondo Richard Whitmire – nel suo libro del 2010, Why Boys Fail – quasi il doppio dei ragazzi che le ragazze devono ripetere un voto a scuola. E secondo la cronaca dell'istruzione superiore , nel 2007 solo il 43% degli studenti universitari era di sesso maschile (in altre parole, questo significa che per ogni 100 maschi al college ci sono 133 femmine). Una rapida ricerca su Google mostra in modo drammatico ciò di cui gli educatori sono ben consapevoli. Se la frase di Google è "Perché i ragazzi restano indietro a scuola?" E otterrai oltre 4.000 visite, ma fai lo stesso con la parola "ragazze" e otterrai zero.

Inoltre, quando al college le donne tendono a fare meglio degli uomini. Molti studiosi e giornalisti ritengono che questa grande differenza di genere nell'istruzione e nel successo accademico non possa essere di buon auspicio per la vitalità dei matrimoni. La maggior parte delle donne vorrebbe ancora sposare qualcuno che è almeno al loro livello di realizzazione.

Molte ragioni sono state offerte per questo non più così nuovo divario di genere. Uno è possibile differenze biologiche, in cui la lettura e la scrittura delle ragazze in genere possono arrivare prima di quanto non faccia per i ragazzi. (Se questo è vero, potrebbe non essersi presentato come un problema fino a quando un'accelerazione nell'istruzione ha reso l'asilo moderno molto simile al primo grado delle generazioni precedenti, quindi abbiamo le istruzioni di lettura fornite quando le ragazze di 5 anni sono pronte per questo ma molti ragazzi di 5 anni non lo sono). Altre cause credibili includono i padri assenti, la dipendenza dai videogiochi e i buoni voti che non sono "cool" nel mondo dei ragazzi. Ancora un'altra possibile ragione che è stata offerta, ma è altamente controversa, è che a seguito delle critiche dei primi anni '90 al clima scolastico per le ragazze – ad esempio, Myra e David Sadker del 1994, Failing at Fairness: How America's Schools Cheat Girls – l'aula divenne meno adatta ai bambini.

Alcuni o tutti questi elementi possono essere importanti – e più leggo su come l'asilo è cambiato, più lo vedo come un potenziale problema per i ragazzi – ma potrebbe esserci qualcos'altro, qualcosa che raramente, se non mai, diventa menzionato: il padre degli anni '60, che ha giurato che non avrebbe mai trattato i suoi figli come lo aveva trattato suo padre.

Mio padre era un tipo piuttosto spaventoso. Quando sono cresciuto – negli anni '50 – ho imparato rapidamente che niente, a parte la mia migliore prestazione possibile a scuola, avrebbe ottenuto l'approvazione di mio padre. Eseguire al di sotto delle mie capacità significava una chiara espressione di delusione da parte sua, se non un'azione severa di correzione. Quando ho fallito il mio primo test in francese alle medie, ho lasciato fuori i segni dell'accento, pensando che fossero facoltativi – mio padre mi ha dato un assaggio per il fine settimana e ha insistito per studiare il francese.

È diventato rapidamente uno dei miei soggetti migliori e ho amato usare la lingua ogni volta che potevo.

Ma quello studio forzato francese quando avevo 11 anni ha illustrato un lato oscuro della mia relazione con mio padre: avevo paura di lui, letteralmente ho paura di non fare bene. E mentre la mia scrittura e i miei buoni voti hanno ottenuto la sua approvazione, un altro mio interesse – la musica e il songwriting – non ha attirato l'attenzione. Tutto ciò che conta era andare bene a scuola.

Ho tre figli, il primo nato nel 1964. I sentimenti del fai-da-te, del-tuo-potenziale che presto pervadevano il paese erano lo sfondo di cui avevo bisogno per fare quello che probabilmente avrei fatto comunque: ho giurato che Non tratterei mai mio figlio come mio padre mi ha trattato. Non sarei spaventoso o duro; Non vorrei imporre i miei desideri su di lui. Piuttosto, guarderei per vedere le indicazioni dei suoi interessi e incoraggiarli. Ho fatto esattamente questo con lui e con i suoi due fratelli, nati nel 1974 e nel 1981.

Con mio figlio maggiore, è stato facile. Dall'età di 10 anni amava il cinema, ed è la sua passione e il suo lavoro fino ad oggi. Ma i suoi fratelli sono stati meno sicuri di quello che volevano fare, ea volte mi dispiace di non averli spinti un po 'di più – per realizzare il loro potenziale a scuola. Andarono all'università, ma entrambi hanno sperimentato una buona dose di ansia per il lavoro e la direzione.

Da ragazzi, noi uomini ora tra i cinquanta e gli anni sessanta volevamo rendere i nostri padri orgogliosi di noi – anche se un altro motivatore temeva che non lo sarebbero stati. E questo non era niente male. Anche se non sempre coincideva con i miei interessi naturali, quello che ha reso orgoglioso mio padre – il mio modo di fare bene a scuola – mi ha aiutato a trovare un paio di cose che ho amato fare, vale a dire insegnare psicologia e scrivere.

I nostri padri volevano essere fieri di noi . Vogliamo essere orgogliosi di noi stessi – come padri . Siamo certi che stiamo facendo un lavoro migliore con i nostri figli di quanto i nostri padri – con le loro idee fisse – abbiano fatto con noi. Ma siamo noi?

Le ragazze hanno sempre avuto la tendenza a essere studenti migliori dei ragazzi: più docili in classe, più inclini a leggere e scrivere, meno probabilità di finire nei guai. È facile vedere come le inclinazioni studiate delle ragazze potrebbero essere incanalate in aspirazioni di carriera da un movimento femminile che diceva: "Puoi fare qualsiasi cosa!" Ma questo da solo non può spiegare perché i ragazzi si siano ritirati (o, al massimo, stagnati) mentre le ragazze hanno avanzato . Le differenze sessuali nello sviluppo possono aiutare a spiegarlo, specialmente ora che le istruzioni di lettura e scrittura sono state spostate fino all'età di cinque anni. Ma proprio come un buon allenatore sportivo può trarre il meglio dalle sue cariche essendo duro quando ha bisogno di essere, così anche un buon padre può aiutare a ottenere la migliore prestazione dai suoi figli, rendendo chiaro che i migliori voti che è capace sono attesi e che non sarà accettato un atteggiamento sprezzante nei confronti della scuola. La nostra società è stata giustamente preoccupata per i padri assenti, forse perché non abbiamo notato che anche i padri presenti non sono di grande aiuto se guardano dall'altra parte quando i loro figli falliscono.

Per inciso, mi sono concentrato sui padri perché questa è la mia esperienza sia da bambino che da genitore. Ma come molti uomini di successo attestano – e un buon esempio è il presidente Barack Obama – una madre o una nonna possono certamente ricoprire il ruolo di genitore senza fronzoli. In effetti, penso che siano i padri – più delle madri o delle nonne – che sono riluttanti a "spingere" i loro figli.

Una mia amica ha detto che quando era incinta alla fine degli anni '80, suo marito era molto fiducioso che sarebbe stata una ragazza, dal momento che temeva che se fosse stato un ragazzo, avrebbe sopportato suo figlio come suo padre aveva fatto con lui. Sentiva che se avesse avuto una ragazza, non avrebbe dovuto farlo; quella società ei suoi pari le avrebbero dato tutto l'incoraggiamento di cui aveva bisogno. (Il mio amico ha dato alla luce una figlia, e senza una grande dose di incoraggiamento ha continuato a laurearsi in un prestigioso college.)

I ragazzi hanno sempre avuto bisogno di una spinta. E l'avevano sempre a casa. È molto più facile incolpare la biologia, le scuole e le femministe che guardare noi stessi come genitori. Ma le storie di giovani uomini di successo sembrano quasi inevitabilmente indicare almeno un genitore (o nonno) che ha spinto, che ha posto dei limiti, che si è reso conto che il padre degli anni '40 e '50 non era del tutto cattivo.

Un cartone che ho visto su un giornale consisteva di recente di due pannelli, e in entrambi un ragazzo regge una pagella con una grande F, ei suoi genitori stanno urlando "Questi voti sono terribili." Nel primo pannello, etichettato 1960, stanno urlando queste parole al loro figlio. Nel secondo, etichettati come 2010, li stanno urlando contro il suo insegnante.

Come sottolinea Whitmire nel suo libro, le scuole che sono più efficaci con i ragazzi sono spesso severe ed esigenti. Ma i genitori hanno molto più controllo su quello che succede a casa di quello che succede a scuola, ei genitori – specialmente dei ragazzi – non dovrebbero essere negligenti nelle proprie responsabilità per incoraggiare l'apprendimento – non con urla ma con chiarezza e fermezza.

Sì, sono felice che i miei figli non abbiano mai avuto paura di me e che ci esprimessimo l'un l'altro in un modo che mio padre e io non potevamo. Ma ho visto i miei due figli più giovani lottare con cosa fare nella loro vita lavorativa, unendo milioni di altri giovani uomini, preda di un mondo aziendale semplicemente troppo felice per fornirgli musica, sport e videogame senza fine. E quindi mi chiedo se, quando uno dei miei figli ha portato a casa una pagella con voti inferiori alle sue capacità, avrei dovuto dire più di un molto gentile "Va bene, ma pensi di poter fare meglio?"

Le ragazze e le giovani donne – eccitate dalle possibilità e incoraggiate da un'intera società di raggiungere le donne – continuano a eccellere al college (e oltre), e ad arrivare sempre più in alto nelle loro aspirazioni e conquiste. Tutto bene, si. Ma se le cose continueranno così come sono, queste donne avranno la doppia preoccupazione di preoccuparsi dei loro fratelli e si staranno chiedendo se mai troveranno un uomo con interessi, ambizione e educazione che corrispondano al loro.

Ampie porzioni di questo post sono apparse originariamente come un editoriale del 2007 nel Cleveland Plain Dealer.

Solutions Collecting From Web of "Boys and Young Men II: Forse Old Dad non era affatto male"