Botox and Depression: The Frownless Face of Happiness

Se si aggrotta tutto il tempo, è probabile che si avverta una certa quantità di dolore, o almeno di disagio; perché, dopo tutto, stai usando molti più muscoli per mantenere quell'espressione accigliata, rispetto a ciò che è necessario per illuminare il mondo con un sorriso. Il tuo viso diventa fisicamente prosciugato, letteralmente appesantito dal peso del mondo che scegli di vivere quel giorno. È anche probabile che tu non sia una persona felice, cosa, con tutto quel accigliato che sta succedendo.

Ma è il cipiglio che causa la depressione? O è la depressione che provoca il cipiglio?

Un recente articolo sul Journal of Psychiatric Research riporta che in uno studio randomizzato, controllato con placebo, le iniezioni di Botox utilizzate per disabilitare i muscoli facciali responsabili della fronte aggrottata erano efficaci nell'alleviare la depressione clinica.

Tra i 33 pazienti che rispondono ai criteri del DSM-IV per la depressione maggiore a cui erano state assegnate iniezioni di Botox, 17 (52%) mostravano diminuzioni di almeno il 50% rispetto al basale nella scala di valutazione della depressione di Montgomery-Asberg (MADRS) a sei settimane dal trattamento, rispetto a sei su 41 (15 per cento) iniettati con il trattamento di controllo, salino.

Una remissione clinica più convincente, definita come punteggio MADRS di 10 o meno alla valutazione finale, è stata raggiunta dal 27% del gruppo Botox rispetto al 7% del gruppo placebo.

Anche se questo non è un romanzo, è importante in quanto questo recente studio di Botox conferma ciò che è stato trovato dopo un trial europeo pubblicato nel Journal of Psychiatric Research nel 2012: in quel trial, pazienti con entrambe cipiglio osservabile e depressione persistente nonostante i trattamenti convenzionali chi ha ricevuto iniezioni di Botox ha mostrato riduzioni significativamente maggiori nei punteggi della Scala di valutazione della depressione di Hamilton rispetto a un gruppo placebo.

L'ultimo studio, tuttavia, era più robusto, poiché c'erano più soggetti, un maggior mix clinico di soggetti e una dimostrazione più chiara della remissione dei sintomi della depressione: nello studio attuale, i ricercatori hanno reclutato un totale di 85 pazienti con depressione maggiore come diagnosticato da un colloquio clinico standard. I criteri di inclusione includevano anche un punteggio MADRS indicativo di depressione significativa, oltre a un punteggio clinico di gravità globale dell'impressione clinicamente sfavorevole.

Così ora studiosi, pazienti affetti da depressione e devoti di Botox hanno due studi che dimostrano che le espressioni facciali possono influenzare l'umore. Ricordiamo che studi precedenti hanno scoperto che forzare i sorrisi può portare a miglioramenti soggettivi dell'umore. Ora, semplicemente l'incapacità dei muscoli responsabili della produzione di espressioni infelici può avere un effetto simile:

Le iniezioni sono state consegnate in cinque punti del corrugatore e dei muscoli procari tra le sopracciglia, definendo approssimativamente una lettera V sul viso.

I dermatologi hanno analizzato la comparsa di cipiglio sui volti dei soggetti, sulla base di fotografie fornite dal gruppo di studio, valutandoli con un "punteggio di disapprovazione" prima e dopo il trattamento. In poco meno di due terzi dei casi, la presenza o l'assenza di cambiamenti significativi nel punteggio di cipiglio corrispondeva a una risposta di depressione clinica o mancata risposta.

L'analisi di questi dati rispetto ai punteggi MADRS indicava che gli effetti sulla depressione erano gli stessi in quelli che indovinano correttamente rispetto a quelli che indovinavano erroneamente.

Gli investigatori, nelle loro conclusioni, hanno identificato diversi potenziali vantaggi del Botox come trattamento della depressione:

• Migliore conformità

• Economico (rispetto ai nuovi farmaci psicotropi)

• Poche interazioni farmacologiche

• Sicurezza ben documentata

Tuttavia, c'erano diversi limiti dello studio. Poiché oltre il 90 percento dei partecipanti erano donne, le conclusioni sull'efficacia del trattamento negli uomini sono a questo punto speculazioni. La durata di sei settimane dello studio ha significato che la durata dell'effetto antidepressivo rimane in questione. E, una media di nove giorni trascorsi tra lo screening e il trattamento, durante il quale la depressione dei partecipanti potrebbe essere cambiata; e quindi lo studio potrebbe non aver catturato la realtà emotiva per un dato argomento.

Non posso fare a meno di chiedermi quanto mi sentirò felice dopo aver visto meno rughe dopo un'iniezione di Botox. Forse un effetto collaterale benefico è il fenomeno responsabile di tutti quei felici partecipanti allo studio?

Solutions Collecting From Web of "Botox and Depression: The Frownless Face of Happiness"