Bipolar Survival Guide: Intervista con Ellen Forney, parte 1

Una nuova graphic novel aiuta le persone a trovare stabilità nelle vite bipolari

Photo by Jacob Peter Fennell

Fonte: foto di Jacob Peter Fennell

La fumettista Ellen Forney è l’autrice del famoso fumetto comico Marbles: Mania, Depression, Michelangelo e Me . Realizza opere pubbliche, cura mostre e lavora come illustratrice. Vive a Seattle e insegna al Cornish College of Art. Forney è la prova che vivere bene, creare arte e mantenere la stabilità può sostenersi a vicenda. Una vita stabile può anche essere eccitante. Questa è la prima parte di un’intervista in due parti, sul lavoro di Forney, sul vivere bipolare, la cura di sé e il potere dei fumetti.

Marbles è pieno di dettagli sulla tua esperienza di essere diagnosticata come bipolare e vivere con quella diagnosi e i tuoi stessi sintomi. È spesso divertente, a volte estenuante, perspicace e pragmatico. Perché è stato importante per te seguirlo con il tuo nuovo libro, Rock Steady: Brilliant Advice from My Bipolar Life ?

Ci sono molte ragioni!

Un certo numero di lettori mi ha detto che usano Marbles come un manuale, che trovo molto soddisfacente. È stata una scelta deliberata di aggiungere strumenti specifici che il lettore poteva provare, invece di menzionarli nel contesto della mia storia. Come in una scena, cerco CBT (terapia cognitiva comportamentale) e spiegherò di cosa si tratta, e continuo a dire che non ho trovato la maggior parte utile a parte un particolare esercizio, che presento in modo abbastanza dettagliato che il lettore potrebbe provare su. Ma c’erano molte informazioni importanti e utili che non includevo in Marbles , perché ce n’era solo così tanto che poteva inserirsi nel contesto della storia.

Quindi, soprattutto dopo aver ricevuto quel feedback da parte dei lettori, mi sono ritrovato a voler offrire ai lettori più di quello che avevo imparato, e come 1.) un fumettista 2.) con bipolar, e 3.) opinioni forti, e 4.) un senso di umorismo, a chi 5) piace capire e spiegare le cose, e 6.) fare ricerca, ho pensato che dovrei davvero provarci.

Ellen Forney, Rock Steady

Forney interpreta il ruolo di Mz. Modi con un mix di umorismo, conoscenza acquisita con fatica e compassione.

Fonte: Ellen Forney, Rock Steady

Credo che sia necessario porre maggiore enfasi sul mantenimento della stabilità a lungo termine, che è una serie correlata ma diversa di problemi rispetto all’essere stabili nel breve termine. (Come possiamo piegare questi insiemi di abitudini e comportamenti salutari in anni – una vita – di salute mentale stabile? Che cosa significa per studenti o professionisti, se i colleghi lavorano tutte le notti e noi non possiamo? rapporto con le sostanze? Come affrontiamo le medicine a lungo termine? Come possiamo permetterci finanziariamente questa roba? In che modo questo influenza il nostro senso di ciò che facciamo e di chi siamo? Ecc.!) Ho molto da offrire su questo: le informazioni specifiche nel libro, naturalmente, ma anche me stesso, come l’autore con un’identità come bipolare, e un esempio vivente di stabilità a lungo termine.

Rispetto alle altre “guide di sopravvivenza” disponibili ora, il mio libro viene dal punto di vista di qualcuno che vive questo – non un terapeuta o ricercatore, ma qualcuno all’interno dell’esperienza. Qualcuno della squadra.

Dai alla tua filosofia un esilarante acronimo di un nome. Cosa significa SMEDMERTS?

Ellen Forney, Rock Steady

Fonte: Ellen Forney, Rock Steady

Gli SMEDMERTS sono: dormire bene, prendere le medicine se fa parte della terapia, mangiare bene, consultare il medico o seguire la terapia che fa per te, praticare la consapevolezza e la meditazione, fare esercizio fisico , mantenere una routine , avere un sacco di strumenti per affrontare le situazioni e mantenere un solido sistema di supporto . La maggior parte di queste sono terapie a sé stanti, ma hanno bisogno di lavorare insieme in modo olistico per essere più efficaci. C’è anche molto che dobbiamo incorporare nelle nostre vite, al di fuori di un contesto clinico.

Credo anche che sia molto importante considerare molti aspetti diversi di prendersi cura di noi stessi. C’è così tanta enfasi sulle medicine in questo momento, e un focus secondario sulla terapia della parola, ma relativamente poca enfasi sulle molte altre cose che abbiamo bisogno di piegare nelle nostre vite per ottenere e rimanere in salute. Ecco dove arriva SMEDMERTS – il nome è ironico ma anche molto serio. È davvero la premessa di base di Rock Steady .

Trovo l’acronimo utile, e anche i lettori ci stanno prendendo in considerazione. “Mind your SMEDMERTS!” È un consiglio poliedrico. Inoltre, SMEDMERTS ha una “mascotte”, una rappresentazione visiva come un piccolo mostro jazz-hands. Questo torna al potere delle parole e delle immagini, in cui un’immagine non vale solo più di mille parole, anche un’immagine può valere la pena di riassumere un piano di trattamento multiforme ea lungo termine.

Ho realizzato adesivi in ​​vinile di SMEDMERTS. Ho ricevuto richieste per gli oggetti SMEDMERTS, anche se le persone non sapevano che esistessero. Uno degli strumenti per far fronte a se stessi in Rock Steady è abbracciare un peluche. Non vedo l’ora che arrivi un peluche SMEDMERTS.

Nel tuo lavoro, rendi molto chiaro che l’esperienza bipolare è un po ‘diversa per tutti. Hai una definizione personale che cattura ciò che è comune e ciò che varia?

Può essere complicato: dobbiamo sapere che non siamo soli, che abbiamo compagnia, che ci sono molte esperienze che condividiamo; allo stesso tempo, le nostre esperienze sono molto diverse.

Penso che il DSM svolga davvero un buon lavoro nel definire le basi che condividiamo: cicli di periodi di mania e depressione, con mania che comporta una riduzione del sonno e delle alte energie, e depressione che coinvolge disturbi del sonno e umore basso. Ma anche lì, puoi vedere una soggettività: “disturbo del sonno” per la depressione può significare dormire tutto il tempo, o problemi a dormire; “Alta energia” potrebbe significare aggravato e irritabile, o euforico (è così che la mania era per me, in generale – euforica). Alcune persone hanno cicli che durano per giorni, alcuni per mesi; notoriamente, diverse persone rispondono in modo diverso alle diverse terapie e ai diversi farmaci. Certamente, il contesto e le risorse sono enormi nel modo in cui viviamo i nostri disordini. Alcune persone non possono permettersi cure efficaci, quindi la loro esperienza è correlata a questo.

Possiamo parlare di quel sottotitolo? La prima volta che l’ho letto mi è venuta addosso, forse perché dopo aver letto Marbles mi sentivo abbastanza sicuro che volevi dire sia per ironia della sorte che per ironia della sorte. Ho ragione su questo? Chiamati suoni brillanti un po ‘accesi come se stessi parlando. D’altra parte, in realtà hai un consiglio brillante da offrire.

Sì, ironicamente e non ironicamente. Qui c’è un posto in cui il linguaggio delle parole e delle immagini entra in gioco, e le parole da sole non ne ricavano il significato. Accanto al sottotitolo, ho disegnato un volto un po ‘esausto e sopraffatto con la lingua fuori, che è inteso come contrappunto a “geniale”. Una specie di “sì giusto, qualunque cosa” ma anche “sì, ho un sacco di cose da ascoltare, perché sono stato stabile per sedici anni. “Ci sono voluti molti sforzi ma è importante per me prendermi cura di me stesso, di me stesso, della mia famiglia e delle persone che mi amano, e così posso aiutare le altre persone.

Nella seconda parte della mia intervista con Ellen Forney, discuteremo dei sistemi di supporto, l’intimità dei fumetti e sorprese inaspettate che vengono con la condivisione di immagini e idee.

Nota: se invii una busta affrancata per l’editore di Forney, ti invieranno un adesivo SMEDMERTS gratuito: SMEDMERTS, c / o Fantagraphics Books, 7563 Lake City Way NE, Seattle WA 98115.

Solutions Collecting From Web of "Bipolar Survival Guide: Intervista con Ellen Forney, parte 1"