Biofeedback sociale e apprendimento dell'esperienza emotiva

In un post precedente ho considerato come l'emozione differisca da altri tipi di fenomeni nelle scienze comportamentali e sociali perché diversi aspetti dell'emozione sono differenzialmente accessibili a se stessi e agli altri nel corso dello sviluppo emotivo. Imparare a identificare un oggetto fisico come una sedia blu è relativamente semplice, perché la sedia blu è ugualmente accessibile sia a se stessi che agli altri. Ma diversi aspetti delle emozioni sono diversamente accessibili a se stessi e agli altri. Il sé ha accesso a emozioni e motivazioni soggettivamente vissute – sentimenti e desideri – come i sentimenti che la nostra cultura etichetta come rabbia e frustrazione. L'altro ha accesso all'espressione esteriore delle emozioni nei display e nei comportamenti diretti agli obiettivi, come un'espressione facciale arrabbiata e cose da buttare. Né il sé né l'altro hanno un ottimo accesso alle risposte fisiologiche come l'aumento della pressione sanguigna e le uscite di conduttanza della pelle associate alla risposta di combattimento o fuga. Affinché un bambino possa imparare a riconoscere ed etichettare sentimenti di frustrazione e rabbia, deve ricevere feedback dagli altri: l'altro potrebbe, dopo aver visto la faccia del bambino e il lancio di blocchi, dire al bambino che deve essere arrabbiato e frustrato. Ciò richiede comunicazione, che ha tre requisiti. In primo luogo, il bambino deve mostrare l'emozione. Secondo, l'altro deve percepire e interpretare quella visualizzazione. In terzo luogo, l'altro deve fornire al bambino un feedback basato sul display. Questo feedback consente al bambino di collegare i sentimenti soggettivamente vissuti con etichette, spiegazioni e azioni socialmente approvate: "Sono arrabbiato perché sono frustrato, ma non dovrei buttare le cose. Tuttavia, è lecito impegnarsi in un'altra attività e rilassarsi. "Tuttavia, tale apprendimento può facilmente andare storto, se il bambino viene punito semplicemente potrebbe connettere sentimenti di rabbia con" Sono una ragazza cattiva e respinta da altri ".

In questo modo, i bambini imparano a etichettare e comprendere i loro sentimenti e desideri soggettivamente vissuti in gran parte attraverso il feedback di altri che rispondono ai loro comportamenti espressivi di visualizzazione. Questo è definito biofeedback sociale perché, come il biofeedback, il comportamento dell'altro fornisce al bambino informazioni su un processo corporeo altrimenti inaccessibile al bambino. È stato ripetutamente dimostrato che le persone possono imparare a controllare le funzioni fisiologiche come la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca se ricevono un feedback tramite un monitor visibile. Il processo di biofeedback sociale è illustrato nella figura di accompagnamento.

Il biofeedback sociale è un processo costante, non limitato a situazioni fortemente emotive. Abbiamo costantemente accesso all'esperienza di sentimenti e desideri, anche se potremmo prestare attenzione a questi solo quando sono relativamente forti. Ad esempio, abbiamo costantemente accesso alla sensazione delle nostre scarpe sui nostri piedi e possiamo facilmente attirare l'attenzione su come le nostre scarpe ci sentono, ma raramente lo facciamo a meno che non siamo diretti a (o abbiamo un ciottolo nella nostra scarpa) . Allo stesso modo, possiamo sempre assistere allo stato dei nostri desideri: quanto siamo affamati e assetati, quanto siamo freddi o caldi, quanto sono sexy. E, possiamo sempre assistere allo stato di certi sentimenti: quanto siamo felici, tristi, impauriti, arrabbiati, per esempio. L'esperienza soggettiva di questi sentimenti e desideri "grezzi" è sempre accessibile, ma raramente li assistiamo spontaneamente a meno che non siamo "emotivi". Tuttavia, anche se possiamo ignorarli a livello cosciente, questi stati emotivi sono presenti , come una luce pilota, e inoltre sono spontaneamente visualizzati attraverso il nostro linguaggio del corpo. Trasmettiamo costantemente anche sentimenti e desideri che potrebbero non essere necessariamente percepiti consapevolmente.

Possiamo vedere esempi di questo in casi di miscommunication interculturale, in cui due attori seguono le regole della propria cultura, ma involontariamente infrangono le regole della cultura del loro interlocutore. Il defunto Michael Argyle della Oxford University usava un esempio di conversazione tra un inglese e un arabo, in cui l'arabo avanza nello spazio personale dell'inglese, e l'inglese fa un passo indietro in risposta. La coppia può attraversare inconsciamente la stanza. E, ognuno potrebbe allontanarsi dall'interazione con sentimenti negativi sull'altro, l'inglese per quanto riguarda l'arabo come invadente e invadente, e l'arabo per quanto riguarda l'inglese come freddo e scostante. Ognuno risponde al biofeedback sociale ricevuto dall'altro come se l'altro fosse un membro della propria cultura. Mentre l'arabo si sposta in una comoda distanza parlante, riceve un feedback che nella sua cultura suggerisce "Non mi piaccio", e allo stesso modo l'inglese si sposta in una comoda distanza parlante, riceve feedback che nella sua cultura suggerirebbero intrusione e minaccia. Imparare, comprendere e sperimentare i costumi non verbali di una cultura sono un aspetto critico dello sviluppo della sensibilità culturale.

Lo studio di tale comunicazione non verbale è stato notevolmente migliorato dall'invenzione di una tecnologia video economica che consente di registrare e analizzare il linguaggio del corpo, incluse le espressioni facciali micromomentarie. Ad esempio, attraverso la ricerca di Nalani Ambady e Robert Rosenthal, sappiamo che le brevi "fette sottili" del comportamento di visualizzazione sono percepite dagli osservatori e che i giudizi risultanti possono essere molto accurati. Le risposte dell'osservatore a tali giudizi possono essere espresse come biofeedback sociale per il rispondente. I modelli di comunicazione emotiva in tali interazioni possono condurre a schemi di educazione emotiva e competenza che sono unici per la particolare relazione personale di un dato risponditore e osservatore e una base di intimità emotiva.

Solutions Collecting From Web of "Biofeedback sociale e apprendimento dell'esperienza emotiva"