Binge Eating Disorder: fame di cibo o qualcos'altro?

La pubblicità di un farmaco per curare il BED continuava ad apparire negli spot pubblicitari durante la nostra serie TV preferita.

"Cos'è il BED? "Ho chiesto ma mia moglie non ne aveva idea. "Bad Energy Day?", Ha risposto. "No", risposi, "deve avere qualcosa a che fare con la fame perché la droga è simile all'anfetamina".

Poi mi ha colpito. "Binge Eating Disorder, ecco di cosa si tratta. Interessante che un farmaco per togliere la fame sia stato approvato dalla FDA. Le persone che abbuffano non mangiano mai solo dalla fame fisica. Altrimenti smetterebbero di mangiare quando la fame sparirà ".

Ho trattato pazienti con disturbo da alimentazione incontrollata ma ho insistito sul fatto che lo avrei fatto solo se fossero stati visti da uno psicoterapeuta. Anche se il sintomo principale del disturbo da alimentazione incontrollata è l'ingestione di enormi quantità di cibo in relativamente poche ore, il disturbo è un problema psichiatrico. Gli interventi si concentrano sulla psicoterapia, insieme a consigli nutrizionali per annullare il peso acquisito dal costante abbuffarsi.

Il disturbo alimentare incontrollato può colpire almeno l'1-5% degli americani, secondo la National Eating Disorder Association. In effetti ha una propria associazione, BEDA, che offre supporto e informazioni su Internet e contatti Internet con altri che vivono con questo problema. Solo in tempi relativamente recenti le abbuffate sono state viste come qualcosa di più che un disordine di appetito o un'incapacità di aderire a un piano alimentare razionale. Le persone con questo disturbo si sentono impotenti ad impedirsi di rimpinzarsi. E poiché non compensano il loro apporto calorico elevato per fame, abuso lassativo, vomito o esercizio eccessivo, possono essere morbosamente obesi. Le donne sono più inclini ad avere questo disturbo rispetto agli uomini e l'abbuffata è spesso accompagnata da ansia, depressione, senso di colpa e disgusto di sé. L'abbuffata può verificarsi più volte alla settimana, a volte un paio di volte al giorno.

Ma l'abbuffata non è la stessa cosa di essere molto affamati e incapaci di smettere di mangiare fino a sentirsi imbottiti. I ragazzi adolescenti che possono ripulire un tavolo da buffet più velocemente di uno sciame di locuste non abbuffano; mangiano solo un'enorme quantità di cibo Diners su una nave da crociera possono sentire l'obbligo di mangiare enormi quantità di cibo per compensare il prezzo del loro viaggio, ma non sono nemmeno abbuffata.

I banchieri mangiano in segreto e spesso consumano solo piccole quantità di cibo quando mangiano con gli altri. Inoltre, le abbuffate sono spesso pianificate per il tempo in cui il mangiatore è solo. Il binger va a fare la spesa, quindi ci sarà del cibo in casa che il binger ama mangiare. O potrebbe andare in diversi ristoranti in un campo di cibo affollato. Ordinare cibo da asporto da diversi ristoranti è anche fatto perché è imbarazzante ordinare una grande quantità di cibo dallo stesso ristorante tutto il tempo. Ho avuto un paziente che ha fatto acquisti il ​​giovedì per le abbuffate del fine settimana. Spense il telefono, abbassò le ombre e passò da venerdì sera a domenica pomeriggio a mangiare finché lo stomaco non riuscì più a contenere il cibo. Poi avrebbe dormito e al risveglio, ricominciava ad abbuffarsi. Non ha mai avuto fame. Come poteva essere?

La chirurgia bariatrica potrebbe sembrare una soluzione ovvia per arrestare l'abbuffata e ripristinare il peso normale. Ma secondo gli esperti, ridurre le dimensioni dello stomaco, o bypassarlo del tutto, potrebbe causare effetti collaterali estremi. Limitare fisicamente la quantità di cibo consumato non riduce il dolore emotivo che causa l'eccesso di cibo. Senza la consulenza psichiatrica prima e dopo l'intervento chirurgico per rilevare e aiutare la causa sottostante del binge eating, il paziente bariatrico è a rischio di consumare molto più cibo di quanto consentito dalla chirurgia e di diventare estremamente malato nel processo.

Nell'inverno del 2015, la FDA ha approvato Vyvanse per il trattamento del BED. Il farmaco è classificato come stimolante del sistema nervoso centrale come l'anfetamina ed è stato già approvato nel 2007 per il trattamento dell'ADHD. Vyvanse diminuisce la fame quando usato per l'ADHD, e questo potrebbe essere stato il motivo per cui è stato testato su pazienti con disturbo da alimentazione incontrollata. Sono stati effettuati due studi, ciascuno per 12 settimane, tra 700 persone con disturbo da alimentazione incontrollata. Rispetto ai soggetti trattati con placebo, il farmaco ha diminuito il numero di giorni ogni settimana di persone abbuffate e anche diminuito il numero di abbuffate ogni giorno.

Secondo gli esperti di disordini alimentari, non è chiaro come il farmaco funzioni per ridurre l'abbuffata. (È importante notare che il binging non si è fermato completamente negli studi). Inoltre, non sono stati riportati risultati a lungo termine. Le domande da considerare sono … l'effetto del farmaco si esaurisce o diventa ancora più efficace nel tempo? È possibile che il farmaco simile ad anfetamine rimuova la compulsione a mangiare, dando così ai binge eaters una tregua dalla loro attenzione patologica al cibo. Invece di affrontare il costante abbuffarsi con la colpa e la vergogna delle conseguenze, ora hanno un momento emotivo per affrontare le ragioni del loro eccesso di cibo. In un certo senso sono come binge bevitori che vanno in recupero e mentre sono astinenti tentano di affrontare le cause del loro eccessivo consumo di alcol. È ovvio che aiutare queste persone sarebbe inutile mentre stanno bevendo. E così pure, potrebbe essere che aiutare i mangiatori di abbuffate, mentre continuano ad abbuffarsi costantemente, sarebbe anche futile.

Vyvanse non è una pillola magica, e la sua capacità di ridurre le abbuffate non significa che possa ridurre gli antecedenti emotivi alle abbuffate. Sostituire il cibo come meccanismo di coping richiederà più di una pillola che toglie la fame. Eliminare le abbuffate è un processo lungo e complicato che richiede la guarigione emotiva e l'apprendimento di strategie non alimentari per affrontare futuri sconvolgimenti emotivi. Rimuovere la fame è necessario ma non sufficiente. Ma almeno è un inizio.

Solutions Collecting From Web of "Binge Eating Disorder: fame di cibo o qualcos'altro?"