Bin Laden e la psicologia della chiusura

È passata solo un'ora da quando è finita la notizia della morte di Osama bin Laden. Troppo presto per conoscere tutti i dettagli su come è stato ucciso, per cogliere l'ambito completo di come reagirà il mondo, per scoprire quanto tempo ci vorrà prima che Donald Trump si faccia onore.

Ma una cosa è certa: sicuramente sembra un'occasione importante. Da una prospettiva razionale a sangue freddo, non sono sicuro che lo sia davvero, dopotutto, la vita quotidiana sarà diversa per me o per chiunque altro domani mattina. E anche chi ha perso la famiglia e gli amici l'11 settembre continuerà tristemente a vivere senza i propri cari.

Emotivamente, però, questo è un grande affare. C'è qualcosa di psicologicamente potente riguardo alla chiusura. In che altro modo spiegare perché sto guardando la TV oltre la mezzanotte di una domenica, ipnotizzato dal vecchio ciclo di filmati B-roll di bin Laden con il fucile, bin Laden con il microfono, bin Laden che fa conversazione facile con un collega in una grotta … Ho visto tutto questo prima, ma in qualche modo è importante guardarlo di nuovo, questa volta nel contesto di una risoluzione più definita e accattivante alla storia; è importante condividere questo momento con gli altri, sia con le masse esultanti di Times Square stasera o tramite lo streaming di Twitter.

Lo senti sempre dalle famiglie che sono state vittime di crimini. Si sottopongono all'angoscia di sedersi in aula e ascoltare la raccapricciante e tragica testimonianza riguardante i momenti finali della loro amata, il tutto nella speranza di un verdetto di colpevolezza per il colpevole, una dura condanna e, alla fine, la chiusura. E suppongo che sia l'unica buona spiegazione del motivo per cui sto ancora guardando questa copertura, nonostante un lungo e faticoso fine settimana e una sveglia domani. Imparare che bin Laden è stato ucciso ci permette di rivivere l'11 settembre, ma nel miglior modo possibile: con il finale felice (o almeno molto).

C'è qualcosa di rassicurante sulla convinzione che il mondo sia un posto giusto e giusto dove i bravi ragazzi vincono la fine e nessuna azione cattiva resta impunita. Ci piace vedere il nostro universo sociale come un luogo in cui le persone ottengono ciò che meritano. Così, mentre eravamo tutti tormentati dal dolore in seguito agli orripilanti eventi di un decennio fa, quell'angoscia era aggravata dalla ineluttabile minaccia alla nostra visione del mondo provocata dalla morte insensata di tanti innocenti.

Ci sono voluti quasi 10 anni per ottenere il nostro finale di Hollywood, quello in cui il cattivo senza coscienza incontra la sua meritata dipartita. No, non è davvero un finale "felice" da alcun senso della parola. No, non cambia quello che è successo nel settembre del 2001. Ma ci concede una chiusura tanto necessaria.

__________________________________________________________________

Sam Sommers è uno psicologo sociale presso la Tufts University di Medford, MA. Il suo primo libro, Situations Matter: Understanding How Context Transforms Your World , sarà pubblicato da Riverhead Books (Penguin) nel dicembre 2011. Puoi seguirlo su Facebook qui e su Twitter qui.

Solutions Collecting From Web of "Bin Laden e la psicologia della chiusura"