Bilanciamento dell'unione e separazione

C'è in noi un equilibrio naturale tra il desiderio di unirsi e il desiderio di separazione, tra il desiderio di vicinanza e il desiderio di distanza.

Questi due grandi temi – l'unione e la separazione – sono fondamentali per la vita umana. Quasi tutti vogliono entrambi, a vari livelli.

Le persone tendono a focalizzarsi molto sul tema dell'adesione, sia perché le relazioni riguardano l'adesione, sia perché la pratica spirituale di qualsiasi tipo è fondamentalmente basata sul rapporto con le cose.

In relazione con la nostra sofferenza e quella degli altri, e in relazione con le cause reali di quella sofferenza. In relazione con la natura infinitamente mutevole e quindi impermanente dell'esistenza e dell'esperienza. In una relazione consapevole con il corpo, con il senso dell'esperienza che è piacevole o spiacevole o neutro, con tutti i pensieri e le emozioni ecc., Nella mente e con le qualità e gli scopi della coscienza stessa. E – è significativo per te – in relazione con un Trascendente Qualcosa: Dio, Buddhanature, l'Infinito, Consapevolezza illimitata. . . con qualsiasi nome

Ma per quanto sia importante la relazione, è anche importante rendere omaggio all'altro grande tema, la separazione.

I vantaggi della separazione
In primo luogo, una salutare capacità di separazione – o, usando altre parole, di differenziazione, individuazione, autonomia e autoespressione – è una condizione necessaria (anche se non sufficiente) per una sana unione.

Secondo, l'autonomia è necessaria per la pratica spirituale. Considera che:
• Fondamentalmente è fino a se stessi e nessun altro a impegnarsi nel percorso della pratica. Nessuno può costringerci a farlo; dobbiamo sceglierlo noi stessi.

• Ciascuno di noi è individualmente responsabile degli effetti delle nostre azioni.

Proprio come la separazione supporta l'adesione, le esperienze di una sana connessione, in particolare durante l'infanzia, sono fondamentali per lo sviluppo di sane strutture autonome, funzioni dell'Io e senso di valore e fiducia. Prendendo rifugio nei nostri sentimenti di connessione – entrambi presenti nelle nostre relazioni del momento e interiorizzati dalla nostra storia di relazioni – siamo in grado di spostarci, da una base sicura, per esplorare e affrontare il mondo come individuo.

Supporto reciproco
In altre parole: individualità e relazione, autonomia e intimità, separazione e unione si sostengono a vicenda. Sono spesso visti in disaccordo tra loro, ma non è così!

Per esempio, sapendo che hai diritto alla tua visione della realtà, che puoi affermarti in modo appropriato, che puoi disimpegnarti quando ne hai bisogno, che puoi onorare il tuo temperamento se ti capita di essere un introverso che è un po 'svuotato per contatto e nutrito dalla solitudine – allora puoi essere più a tuo agio e disposto ad entrare nelle profondità dell'adesione e dell'intimità disponibili nelle relazioni, oltre a ricevere le forniture di cui chiunque ha bisogno per una sana individuazione, inclusa l'attenzione e la cura e la stima degli altri.

Allo stesso modo, riconoscendo e normalizzando e rispettando il bisogno di separazione e distanza negli altri – anche se a volte non è la vostra preferenza – ciò aiuta a creare una zona di sicurezza che spesso favorisce una maggiore disponibilità a stare un po 'con la vicinanza.

In effetti, le persone spesso fanno un passo indietro nelle relazioni – come concordare, forse tacitamente, semplicemente non parlare di alcuni argomenti controversi – per rimanere vicini. Nella psicologia dello sviluppo, il termine è "la distanza al servizio dell'attaccamento".

Elaborare desideri diversi per la vicinanza
Certamente, nelle relazioni importanti raramente c'è una perfetta simmetria di desideri di unione e separazione. Questo significa semplicemente che è importante essere attenti ai pulsanti caldi dell'altra persona: per molte persone, se sentono che la loro autonomia è stata messa in discussione, questo si apre in cima alla pila come il problema chiave sul tavolo per loro. . . mentre per molte altre persone, lo stesso è vero per quanto riguarda le minacce percepite per aderire. Prendendo in considerazione l '"imperativo" dell'altra persona, puoi abilmente prevenire conflitti non necessari; spiegando i tuoi stessi imperativi nelle relazioni, puoi aiutare l'altra persona a capirti meglio.

Inoltre, le differenze naturali tra le persone nelle priorità che danno all'unirsi rispetto alla separazione e le differenze nel modo in cui perseguono questi obiettivi, sono semplicemente un'altra cosa, anche se importante, per negoziare nelle relazioni.

Essere in grado di accettare e possedere la tua personale unione / separazione "impostazione termostato" ti aiuterà a parlarne in modo più diretto ed efficace con gli altri. E sarai il più capace di accettare e lavorare agilmente con quel punto fisso negli altri.

Precauzioni naturali sulla vicinanza
La maggior parte delle ferite o dei traumi psicologici si verificano nel contesto delle relazioni, anche nella prima infanzia. Inoltre, nella nostra storia evolutiva, c'erano molti rischi negli incontri con persone che erano "non-mie-tribù". Quindi è naturale essere un po 'sospettosi di interagire in un primo momento, specialmente con i relativi estranei.

Per entrare in connessioni oggi con altre persone in carne e ossa, e con la tua storia interna e il senso delle relazioni, è abile essere sensibile e preoccuparsi dei tuoi campanelli d'allarme, nervosismo e resistenza.

È naturale imbattersi in quelle "difese", spesso sottilmente. È inevitabile se ti stai aprendo, diventando più disponibile per le relazioni, più accessibile, più coinvolto, più sentito, più amorevole.

Anche mentre leggete queste parole, potreste essere consapevoli sia del desiderio di quelle qualità nelle vostre relazioni sia di un certo. . . forse schifo? riluttanza? ansia? repulsione??! . . . . arrivando pure.

È perfettamente naturale Più ci avviciniamo, spesso più l'impulso alla distanza sorge – proprio come maggiore è la distanza che otteniamo, spesso più l'impulso di avvicinarsi sorge.

Mentre attraversi la vita, prima di tutto, cerca semplicemente di portare consapevolezza a questi stati mentali, sia il desiderio di vicinanza che il desiderio di distanza. Sono un meraviglioso oggetto di consapevolezza e persino di indagine.

In accordo con la vera consapevolezza, cerca di mantenere un interesse accettante, anche una sorta di dolce amicizia, verso la vicinanza e verso il distanziamento.

E in realtà, se l'istinto di fare un passo indietro è saggio, o è semplicemente troppo forte per farcela, allora per favore seguilo con ogni mezzo e fai un passo indietro. Forse i tempi non sono giusti, o il bisogno di un altro di vicinanza non corrisponde a quello che possiedi.

Qualunque sia la ragione, fidati del tuo istinto. È abbastanza possibile rivisitare la situazione quando / se si sente la tendenza a farlo.

* * * * *

Rick Hanson, Ph.D. , è un neuropsicologo e fondatore del Wellspring Institute for Neuroscience and Contemplative Wisdom. Laureato con lode alla UCLA, insegna in università e centri di meditazione in Europa, Australia e Nord America. Il suo lavoro è stato presentato sulla BBC e su Consumer Reports Health, US News e World Report e su altre importanti riviste.

Il libro più recente di Rick è Buddha's Brain: The Practical Neuroscience of Happiness, Love, and Wisdom ed è stato pubblicato in nove lingue aggiuntive. Autorità di neuroplasticità autodiretta, cura il Wise Brain Bulletin ei suoi articoli sono apparsi su Tricycle Magazine, Insight Journal e Inquiring Mind.

Gli piace arrampicare su roccia e prendersi una pausa dalle e-mail. Lui e sua moglie hanno due figli. Per ulteriori informazioni, si prega di consultare il suo profilo completo su www.RickHanson.net. Puoi trovarlo sul social web all'indirizzo http://www.facebook.com/BuddhasBrain e http://www.YouTube.com/BuddhasBrain

Solutions Collecting From Web of "Bilanciamento dell'unione e separazione"