Bilanciamento del movimento alternato di auto-controllo del nostro cervello

Immagina un'altalena nel tuo cervello. Da un lato c'è il tuo sistema di desiderio, la rete di aree cerebrali legate alla ricerca del piacere e della ricompensa. Dall'altra parte c'è il tuo sistema di autocontrollo, la rete di aree cerebrali che vomita bandiere rosse prima di intraprendere un comportamento rischioso. Le domande difficili che devono affrontare gli esploratori scientifici del comportamento sono ciò che rende l'oscillazione troppo pesante su entrambi i lati e perché è così difficile raggiungere l'equilibrio?

Un nuovo studio dei ricercatori dell'Università del Texas-Austin, Yale e dell'UCLA suggerisce che per molti di noi il problema non è che siamo troppo pesanti sul desiderio, ma piuttosto che siamo troppo leggeri sull'autocontrollo.

I ricercatori hanno chiesto ai partecipanti allo studio collegati a uno scanner per risonanza magnetica (MRI) di giocare a un videogioco progettato per simulare l'assunzione di rischi. Il gioco si chiama Balloon Analogue Risk Task (BART), che le ricerche del passato hanno mostrato correlare bene con l'assunzione di rischi auto-segnalati come l'uso di droghe e alcol, fumare, giocare d'azzardo, guidare senza cintura di sicurezza, rubare e fare sesso non protetto.

Il team di ricerca ha utilizzato un software specializzato per cercare modelli di attività attraverso il cervello che hanno preceduto qualcuno che ha preso una decisione rischiosa o sicura durante il gioco. Il software è stato quindi utilizzato per prevedere quali altri soggetti avrebbero scelto durante il gioco esclusivamente sulla loro attività cerebrale .

I risultati: il software ha previsto con precisione le scelte delle persone il 71% delle volte.

Ciò significa che esiste un modello prevedibile dell'attività cerebrale associato alla scelta di prendere o non correre rischi.

"Questi schemi sono abbastanza affidabili che non solo possiamo prevedere cosa accadrà in un test aggiuntivo sulla stessa persona, ma su persone che non abbiamo mai visto prima", ha detto Russ Poldrack, direttore del centro di ricerca di immagini di UT Austin e professore di psicologia e neuroscienza.

La parte particolarmente intrigante di questo studio è che i ricercatori sono stati in grado di "addestrare" il software per identificare specifiche regioni del cervello associate all'assunzione di rischi. I risultati rientravano in quelle che sono comunemente definite le regioni del "controllo esecutivo" del cervello che comprendono cose come concentrazione mentale, memoria di lavoro e attenzione. I modelli identificati dal software suggeriscono una diminuzione dell'intensità nelle regioni di controllo esecutivo quando qualcuno opta per il rischio, o sta semplicemente pensando di fare qualcosa di rischioso.

"Tutti noi abbiamo questi desideri, ma se agire su di essi è una funzione di controllo", afferma Sarah Helfinstein, ricercatrice postdottorato presso l'UT Austin e autrice principale dello studio.

Tornando all'analogia altalenante, questa ricerca suggerisce che anche se il nostro sistema di desideri è livellato, il nostro sistema di autocontrollo sembra rallentare di fronte al rischio; meno intensità su quel lato dell'altalena aumenta naturalmente l'intensità sull'altro lato.

E questo è in condizioni normali. Aggiungi all'equazione le variabili come la pressione dei pari, la privazione del sonno e il consumo di droghe e alcol, il che rende ancora più difficile l'autocontrollo, e lo squilibrio può solo diventare più pronunciato.

Questo è il tema su cui si concentrerà la prossima fase di questa ricerca, dice Helfinstein. "Se riusciamo a capire i fattori che influenzano il cervello nel mondo, possiamo trarre conclusioni su quali siano le azioni migliori per aiutare le persone a resistere ai rischi".

Idealmente, saremmo in grado di bilanciare il movimento alternato, consentendo discrezionalmente e in modo salutare quali rischi valere. Mentre è evidente che troppa esposizione al rischio è pericolosa, è altrettanto vero che una scarsa esposizione al rischio porta alla stagnazione.

Dopo tutto, siamo una specie adattativa. Se non siamo mai sfidati ad adattarci a nuovi rischi, smettiamo di imparare e svilupparci, e alla fine sprofondiamo nella noia, che, ironicamente, ci prepara a correre rischi sempre più radicali. E in questo modo, per citare il Bardo, si trova la pazzia.

Lo studio è stato pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences .

Puoi trovare David DiSalvo su Twitter @neuronarrative e sul suo sito Web, The Daily Brain. Il suo ultimo libro è Brain Changer: come sfruttare la potenza del tuo cervello per adattarsi può cambiare la tua vita.

Solutions Collecting From Web of "Bilanciamento del movimento alternato di auto-controllo del nostro cervello"