Bias non è male

Pixabay free image
Fonte: immagine gratis Pixabay

Ero in volo di ritorno dal Vermont e ho avuto l'opportunità di parlare con il passeggero accanto a me in merito a questioni di razza, etnia e cultura e penso che sia andato via con una lezione inestimabile. In breve, il pregiudizio non è male o uguale al razzismo.

Mi ha detto che era cauto nel deludermi, ma che voleva anche impegnarsi in una conversazione coraggiosa su questo argomento. Fortunatamente, l'opportunità era lì quando gli dissi che ero all'Università del Vermont per parlare di questioni relative alla diversità.

Poiché è cresciuto nel Missouri e ha avuto poche relazioni con gli asiatici americani, mi ha detto che la sua percezione iniziale era che avrei avuto un accento. Si scusò per questo ed era sincero nel suo tentativo di elaborare ciò che questo stereotipo significava per lui come un uomo bianco. Si chiedeva, "Sono razzista per aver pensato questo?", "Sono una persona cattiva per avere questa percezione?", E alla fine "Cosa faccio per crescere da questa esperienza?".

L'ho rassicurato che non era un razzista pensando di avere un accento. Ho detto che il razzismo sarebbe uno in cui qualcuno sa che gli asiatici-americani esistono negli Stati Uniti, ma li hanno agiti o trattati come stranieri. Gli ho detto che la sua percezione è una costante lotta per l'identità di molti asiatici-americani poiché sono percepiti come lo "straniero perpetuo" (cioè essere visti come uno straniero basato sulla nostra etnia).

Ho anche parlato di razzismo istituzionale o sistemico nei media, Hollywood e altre forme di mass media potrebbero alimentare il suo pregiudizio inconscio o implicito. Poiché gli asiatici sono stati storicamente ritratti con immagini poco lusinghiere e stereotipate di avere un accento, questo potrebbe giocare un ruolo significativo nelle sue riflessive supposizioni sugli asiatici-americani.

L'altra realtà è che molte persone non hanno l'opportunità di vivere o lavorare con asiatici, neri o latini. Senza relazioni reali, può essere difficile scuotere gli stereotipi a meno che non siano sfidati con conversazioni coraggiose e / o consapevolezza di coloro che si trovano al di fuori degli stereotipi.

So per certo che se il passeggero accanto a me ha trascorso un po 'di tempo a South Seattle, dove sono cresciuto, non solo gli stereotipi asiatici sarebbero stati sfidati in modo significativo, ma anche quelli afro-americani.

La ragione per cui la gente pensa che gli asiatici debbano essere stranieri, ottenere le A sincere o essere bravi in ​​matematica è la stessa ragione per cui le persone credono che gli afro-americani siano teppisti, spacciatori di droga, ignoranti o pigri. Se non hai "relazioni reali" con persone diverse da te stesso, come vedi l'ampiezza della diversità all'interno di una cultura senza fare affidamento su stereotipi?

Per quanto mi riguarda, posso riconoscere che sono a conoscenza di tutti i vari stereotipi etnici che mi circondano, ma essendo cresciuto in un quartiere prevalentemente nero / asiatico consente molta più flessibilità. "Che cosa significa?", Chiedi. Bene, mentre posso essere a conoscenza degli stereotipi esistenti nella mia testa (pregiudizi impliciti), non lascio influenzare il mio pensiero o le mie azioni.

Per esempio, non presumo mai che un approccio asiatico-americano possa ricoprire una professione stereotipata basata sull'etnia asiatica, perché ho avuto l'opportunità di incontrare molti asiatici da tutti i ceti sociali, mentre altri con un'esposizione limitata potrebbero essere più presuntuoso. È la presunzione che offende; prendere uno stereotipo e usarlo come base per tutti i tuoi giudizi attuali e futuri su una certa etnia (può anche applicarsi alla religione, all'orientamento sessuale, ecc.).

Uno stereotipo asiatico-asiatico che potrebbe dare ai caucasici maggiore intuizione e chiarezza nel mio punto è lo stereotipo che i coreani sono arrabbiati e i cinesi sono a buon mercato. Mentre gli stereotipi esistono perché c'è un nucleo di verità per loro, non dovrebbe essere usato come l'aspettativa per qualsiasi gruppo. Quindi quando incontrerò qualcuno coreano, sarebbe razzista da parte mia presumere che lui / lei abbia un problema di rabbia e che si relaziona con lui sulla base di tale assunto (cioè diffidare della sua rabbia). Stessa cosa se incontrassi un altro cinese per presumere che sarebbe a buon mercato e lo tratterebbe negativamente come un pasticcio.

Lo stesso vale per gli stereotipi contro gli afro-americani. Mi comporterei da razzista se avessi iniziato a relazionarmi a loro basandomi su stereotipi. Parlare sprezzante di un uomo nero o di una donna basata su uno stereotipo sarebbe razzista. Ignorare le loro richieste in un ambiente di vendita al dettaglio o commerciale basato su uno stereotipo che non poteva permettersi sarebbe razzista.

Tornando ai miei compagni di viaggio, sapevo che non era razzista, nonostante la sua ipotesi che potessi avere un accento. Prima di tutto, non ha usato quel pregiudizio e mi ha trattato come se fossi straniero. Inoltre non portava quello che io chiamo uno "spirito di razzismo". Invece, il suo cuore trasudava compassione, empatia e apertura. Quindi forse questa è la differenza, cosa c'è nel proprio cuore con i loro stereotipi etnici, razziali o religiosi? È uno di paura, giudizio e rigidità o è uno di flessibilità, vulnerabilità e umiltà? Come sono venuto a imparare nel corso degli anni, "Per chi conosce i pensieri di una persona tranne il loro stesso spirito dentro di loro?"

Solutions Collecting From Web of "Bias non è male"