Bias nella ricerca ADHD

Gli studi di ricerca scientifica, con i loro grafici, tabelle e numeri, ci danno un solido sentimento. La ricerca scientifica in qualche modo sembra dura e pesante, mentre la finzione è morbida e soffice. Ultimamente, tuttavia, sono arrivato a pensare che gli studi di ricerca non siano poi così diversi dal tipo di narrativa più esplicitamente narrativo. Come altre storie, i documenti di ricerca hanno un inizio, un centro e una fine. L'autore o gli autori di un documento di ricerca costruiscono una storia su ciò che dicono i dati. È ampiamente accettato che molte storie diverse possono essere costruite dagli stessi dati, a seconda del punto di vista dell'autore o di ciò che è predisposto a scoprire. Il pregiudizio è inevitabile nella ricerca e modella il modo in cui i ricercatori girano i dati. Come notò famoso Mark Twain, "i fatti sono cose testarde, ma le statistiche sono più flessibili".

Come la finzione, i documenti di ricerca possono avere un impatto retorico. Possono persuadere il lettore a prendere una linea di condotta o un'altra agitando le nostre emozioni, in particolare stimolando le nostre paure. Ciò è particolarmente vero quando leggiamo nuove ricerche su qualcosa che colpisce i nostri figli.

Recentemente, un gruppo di ricercatori dell'UCLA e della University of South Carolina, in Columbia, ha deciso di analizzare 27 studi precedenti sull'argomento se i bambini con diagnosi di ADHD hanno più probabilità rispetto ai bambini non ADHD di usare droghe più tardi in adolescenza e giovani l'età adulta. I ricercatori chiamano il loro studio, che è stato pubblicato nel Clinical Psychology Review , una "meta-analisi". In parole povere, ciò significa che gli autori costruiscono una nuova storia scavando e riordinando i dati nelle storie più antiche. Gli studi precedenti hanno seguito 4100 bambini a cui era stata diagnosticata l'ADHD e un gruppo di controllo di 6800 bambini senza la diagnosi. La meta-analisi ha rilevato che i bambini con ADHD avevano tassi molto più alti di usare o abusare di nicotina, cocaina e marijuana più tardi nella vita rispetto ai bambini non-ADHD.

Tuttavia, i meta-analisti omettono un pezzo della storia che sembra abbastanza critico per me. Gli autori ci dicono che "non hanno controllato per lo stato di trattamento". Ciò significa che non sappiamo quanti dei bambini con diagnosi di ADHD stavano assumendo farmaci al momento degli studi. Ciò sembrerebbe essere un'informazione fondamentale perché le anfetamine (come Adderall) ei metilfenidati (come Concerta), che sono i trattamenti farmacologici di scelta per l'ADHD, sono entrambi considerati come abitudine formanti dal National Institutes of Mental Health. Se la maggior parte o tutti i bambini con ADHD venivano curati con farmaci, i dati suggeriscono che è la prima dipendenza dai farmaci, piuttosto che il fatto di essere iper o disattenti, che rende questi bambini più inclini a usare e abusare di droghe più tardi in le loro vite. Almeno uno dei documenti di ricerca citati nella metanalisi (della dott.ssa Nadine Lambert dell'Università della California a Berkeley) suggerisce esattamente che: i farmaci stimolanti presi dai bambini ADHD possono essere un fattore che contribuisce al loro uso di droghe illecite come una stampella nell'adolescenza e nell'età adulta. Questa storia alternativa si confonde certamente con il comune buon senso.

Il singolare contributo al trattamento dell'ADHD offerto dagli autori è l'inclusione nella loro storia dell'idea di interventi "genitori e famiglia" per i bambini a rischio nella prima adolescenza, quando sono maggiormente a rischio di abuso di sostanze. Gli autori liquidano gli interventi familiari in precedenza per evitare che i disturbi mentali dell'infanzia come l'ADHD non siano "economicamente convenienti". A mio avviso, non solo per chiudere la porta della stalla da sei a otto anni dopo la partenza del cavallo, è anche per governare il modo più efficiente ed efficace per prevenire i disturbi mentali dell'infanzia: intervento precoce. Nella mia esperienza di terapeuta familiare, l'intervento genitoriale e comportamentale al primo segno che il bambino sta avendo problemi è il modo più sicuro ed efficace per aiutare un bambino a superare la disattenzione, l'iperattività e una serie di altri problemi comportamentali. Perché aspettare che il bambino stia per raggiungere l'adolescenza?

Anche il ruolo del rapporto costo / efficacia nella storia degli autori è perplesso. Si pone la domanda: per chi sono gli interventi precoci non sono efficaci? Potrebbero essere le compagnie farmaceutiche a perdere tutte le anfetamine e i metilfenidati? Sicuramente alcune visite a un terapista familiare all'inizio sono meno costose di anni di visite all'ambulatorio medico e di prescrizioni di riempimento.

I riassunti semplificati della nuova meta-analisi sono stati ampiamente diffusi dalla stampa e dai media online, tra cui USA Today e The Wall Street Journal . I titoli sono sufficienti per costringere i genitori a correre per il flacone di Ritalin nella speranza di curare l'ADHD del loro bambino. D'altra parte, se i genitori credono che la storia che più tardi l'abuso di droghe possa essere solo un ulteriore effetto collaterale dei farmaci ADHD (insieme a cambiamenti di personalità, insonnia, disturbi dell'appetito e allucinazioni), potrebbero essere spostati per cercare interventi alternativi.

Copyright Marilyn Wedge 2011

Solutions Collecting From Web of "Bias nella ricerca ADHD"