Beyond Blue: un'intervista con Therese Borchard

Oggi sono onorato di intervistare Therese Borchard, uno degli autori di salute mentale più divertenti e riconosciuti al mondo. Il suo libro di auto-aiuto Beyond Blue ha colpito oggi gli scaffali.

Tra i tanti vantaggi che mi ha portato il blogging, la mia amicizia con Therese è vicina. Chi è lei? È autrice di una dozzina di libri e un blogger per Beliefnet, PsychCentral e l'Huffington Post negli ultimi anni. Ma questo graffia solo la superficie. Nelle sue parole:

Sono un maniaco depressivo, alcolizzato e figlio adulto di un alcolizzato; un codipendente, violatore di confini e persone dello stadio quattro gradite; un accaparratore di informazioni o un magnete del disordine, un violentatore di Internet e uno strambo ossessivo-compulsivo o rituale; un tossicodipendente dello zucchero, un drogato di caffeina, un fumatore accanito e un fanatico degli esercizi; una bomba a orologeria femminile, priva di PMS, e una creatura sessualmente disfunzionale o castrata; un maniaco del lavoro, HSP (persona altamente sensibile) e, naturalmente, sono cattolico. Quale potrebbe spiegare alcuni di quanto sopra.

È anche uno degli scrittori più dolorosamente onesti, esilaranti, perspicaci e schivi che tu abbia mai letto. Il suo nuovo libro intreccia artisticamente memorie, ricerche, commenti sul blog e saggezza pratica come nulla che io abbia mai visto. Ed è divertente Così divertente mi sono chiesto se fosse giusto ridere ad alta voce leggendo un libro sulla depressione. Se hai sofferto di depressione o ansia, o conosci qualcuno che ha, lo consiglio vivamente.

A parte il mio parano pregiudizio, dai un'occhiata a ciò che Therese ha da dire:

Quindi, cosa c'è davvero oltre il blu? Indaco? Viola?

Ironia della sorte, ho lanciato il blog Beyond Blue a dicembre (del 2006), la stagione di Advent, e il colore per la stagione è viola, che è proprio accanto al blu sull'arcobaleno. Viola significa speranza … e regalità. A 39 anni, sono ancora spazzatura bianca (senza royalties), ma la speranza è lo scopo e il messaggio di base del blog, e l'unica parola che i lettori usano di più per descriverla. La mia intenzione con il blog, e con il libro, è semplicemente di essere uno strumento di speranza in ogni modo possibile, perché so che finché una persona che soffre di un disturbo dell'umore ha speranza, lui / lei non si arrenderà. Quindi è la speranza che voglio dare di più.

Scrivere un libro così vasto e vulnerabile deve essere una sfida. Hai mai avuto il blues Beyond Blue?

Ah sì. La risposta sarebbe sicuramente si. Soprattutto i primi capitoli. Penso di essermi dissociato dal dolore dei miei anni più giovani per così tanto tempo perché ero così spaventato di rivivere quel dolore a qualsiasi livello. Nello scrivere il libro, ho ripassato alcuni dei miei diari, specialmente alle medie, e pianto per diverse settimane. E 'stato molto salutare. Ho fatto un po 'di lavoro infantile interiore e ho trattato la giovane ragazza con tenerezza e amore, cercando di accettarla e amarla come non ho mai fatto. Ho persino avuto una bambola da bambino interiore. Eric (mio marito) un giorno la portò a Goodwill, come se non avessi abbastanza problemi di abbandono e rifiuto! In effetti, qui c'è un collegamento video del mio bambino interiore e il dolore che ho provato.

La spiritualità gioca chiaramente un ruolo importante nella tua vita. In che modo la tua fede contribuisce alla salute mentale?

Spiritualità e malattia mentale hanno una relazione interessante. Dalla ricerca che ho letto, quelli con forti credenze religiose sono più inclini alla depressione, eppure la loro fede è uno degli elementi più importanti del recupero o dei modi per rimanere resilienti. Confuso, giusto?

Ho scritto nel primo capitolo di Beyond Blue che sono stato benedetto e maledetto dalla mia fede cattolica. Beato perché ho avuto tante belle tradizioni e rituali e storie e cose a cui aggrapparmi. Per una persona incline al DOC, il cattolicesimo è una miniera d'oro per quella roba rituale ripetitiva e strana che ti dà un certo conforto. E, come ho detto nel libro, c'è un santo per tutto: per il panico, per l'alcolismo, per cause senza speranza. Yah! Ma è stato a causa della mia scrupolosità da ragazza che gli adulti nella mia vita non sono riusciti a riconoscere il mio disturbo dell'umore. Pensavano che avessi una vita di fede particolare e intensa.

Durante i miei due anni di suicidio, la mia fede mi ha tenuto in vita. Ricordo che ero seduto in macchina dopo essere tornato a casa dall'ultimo giorno del mio programma ambulatoriale intensivo, dopo che le infermiere mi avevano praticamente detto che ero sfortunato, se non avessi risolto in 8 settimane, non avrebbero potuto fare altro per tu. Avevo provato assolutamente tutto, ma volevo ancora morire.

Quindi ho rilasciato a Dio un ultimatum in macchina. Mi sono seduto lì, con una busta di circa 20 bottiglie di farmaci da prescrizione accanto a me (che era la mia uscita da questa vita), e gli dissi che stavo uscendo da questo posto perché avevo provato tutto, TUTTO e niente Stava lavorando. Ovviamente non gliene importa niente. Ho urlato: "Dammi un segno che dovrei tenere duro, altrimenti sono fuori di qui. Sono così fuori di qui se non mi fai sapere che sei con me! "

Dopo circa 20 minuti di lamento, ho deciso di entrare e, sulla strada di casa mia, ho controllato la cassetta della posta. C'era una lettera scritta da una donna che avevo incontrato ad una conferenza, e lei mi ha mandato una medaglia di Santa Teresa che era una copia esatta di quella che avevo portato in tasca da quando era iniziata la depressione.

Da quel momento sapevo che, anche se non sempre sentivo la mano amica di Dio, dovevo in qualche modo cercare di avere fiducia in lui.

Le probabilità sono, qualcuno che legge questa lotta con la depressione. Hai qualche consiglio?

Voglio che la gente sappia cosa avrei voluto sapere quando ero nel Black Hole, e quel messaggio è ben articolato da William Styron nel suo classico "Darkness Visible":

Se la depressione non avesse termine, allora il suicidio sarebbe, in effetti, l'unico rimedio. Ma non è necessario suonare la nota falsa o ispiratrice per sottolineare la verità che la depressione non è l'annientamento dell'anima; uomini e donne che si sono ripresi dalla malattia – e sono innumerevoli – testimoniano quella che è probabilmente la sua unica grazia salvifica: è conquistabile.

Amico, adoro quel paragrafo. E devo ricordarmelo ogni volta che raggiungo un ciclo basso e sono preoccupato che non sarò mai in grado di tenere un lavoro o essere un genitore adatto. La depressione è conquistabile. Anche se non trovi mai la giusta combinazione di farmaci, o il terapeuta adatto, o un buon gruppo di supporto. Passerà.

Il mio altro consiglio è di aspettare che le persone NON capiscano. Perché lo stigma intorno alla malattia mentale è ancora così denso. Anche le persone che pensano di capirlo raramente possono apprezzare le sfumature e le complessità che i disturbi dell'umore portano a una vita. Non riguarda te. Quindi non farti male ai tuoi sentimenti. È semplicemente una mancanza di consapevolezza e di educazione. Ho ancora solo circa cinque persone nella mia vita che lo capiscono davvero. Vorrei che fosse di più, ma è abbastanza. E fintanto che possiedi la tua filosofia di salute, non puoi perderti.

Solutions Collecting From Web of "Beyond Blue: un'intervista con Therese Borchard"