Beviamo e scriviamo per alcune delle stesse ragioni

Ci sono probabilmente molte ragioni per cui gli scrittori tendono a bere. Ecco alcune possibilità: entrambi incoraggiano la sovversività; entrambi sono un'alternativa dal trattare con il mondo alle sue condizioni; entrambi ti consentono di fidarti temporaneamente della tua voce con meno giudizi. Offrono anche un certo senso di controllo sul mondo o un impulso dell'ego, rendendo la tua prospettiva sembrare corretta e centrale.

Nel suo recente articolo The New York Times , Geoff Nicholson sostiene che le regole per bere e scrivere sono simili. Alcune delle massime per la scrittura, che Nicholson descrive come "scrivi ciò che sai. Scrivi ogni giorno. Non usare mai una strana parola strana quando uno semplice farà [, e] finirà sempre la scrittura del giorno quando potresti ancora fare di più ", tendono a lavorare anche per bere. Basta scambiare un concetto per l'altro: "Bevi ciò che sai, bevi regolarmente piuttosto che in abbuffate, evita alcol inutilmente esotici e lascia il tavolo mentre puoi ancora stare in piedi." Questi paralleli probabilmente funzionano così bene perché scrivere e bere sono simili attività in quanto incoraggiano una fuga creativa per l'ego, ma perdono la struttura quando l'ego va troppo lontano.

Nicholson spinge il suo parallelo in un modo più pulito quando gioca con le citazioni, scambiando il verbo "bere" per "scrivere" in alcune famose grandi citazioni sulla scrittura. (Comprende "Un autore dovrebbe scrivere per i giovani della sua generazione" di F. Scott Fitzgerald e "Marry qualcuno che ami e che credi di essere uno scrittore è una buona idea" di Richard Ford.) Ancora una volta, i paralleli sembrano funzionare perché scrivere e bere condividono alcune delle stesse promesse (come la possibilità di creare una nuova realtà) e molti degli stessi rischi (come la solitudine). Sono eccitato da questo gioco di citazioni per testare la logica dietro e i limiti di un parallelo. Quindi ho intenzione di accumulare altre citazioni sulla scrittura, di seguito. Prova a scambiare il verbo "bere" per "scrivere" in uno di questi, e dimmi se questo parallelo risuona per te, e perché.

– "Scrivere è una forma di libertà personale. Ci libera dall'identità di massa …. Alla fine, gli scrittori scriveranno … per salvare se stessi, per sopravvivere come individui ".
Don Delillo

– "Scrivere facilita la mia sofferenza … scrivere è il mio modo di riaffermare la mia esistenza".
Gao Xingjian

– "Scrivere un libro è un affare molto solitario. Sei completamente isolato dal resto del mondo, immerso nelle tue ossessioni e ricordi. "
Mario Vargas Llosa

– "Adoro scrivere. Amo il vortice e l'oscillazione delle parole mentre si intrecciano con le emozioni umane. "
James A. Michener

– "Ogni scrittore che conosco ha difficoltà a scrivere."
Joseph Heller

– "Scrivere … è un'avventura. Per cominciare, è un giocattolo e un divertimento; poi diventa un'amante, e poi diventa un maestro, e poi un tiranno. L'ultima fase è che proprio mentre stai per riconciliarti con la tua schiavitù, uccidi il mostro e lo lanci fuori al pubblico. "
Winston Churchill

– "La scrittura non ha nulla a che fare con la comunicazione tra persona e persona, solo con la comunicazione tra le diverse parti della mente di una persona."
Rebecca West

– "Scrivere solo porta a più scritti".
Sidonie Gabrielle

– "Scrivo interamente per scoprire cosa sto pensando … cosa voglio e cosa temo."
Joan Didion

– "Se non scrivo per svuotare la mente, impazzisco."
Lord Byron

– "Scrivere è una forma di terapia; a volte mi chiedo come tutti quelli che non scrivono, compongono o dipingono riescano a sfuggire alla follia, alla malinconia, alla paura del panico, che è insita in una condizione umana "
Graham Greene

– "Scrivere è l'unica cosa che, quando lo faccio, non sento che dovrei fare qualcos'altro".
Gloria Steinem

Ah. Cosa ne pensi di tutto questo? Cosa scrivere e bere allo stesso modo toccare e provare nel cervello umano?

Solutions Collecting From Web of "Beviamo e scriviamo per alcune delle stesse ragioni"