Bertrand Russell

Ora che sono ufficialmente un filosofo (cioè, il mio stipendio sarà pagato da una filosofia, invece che da un dipartimento di biologia), posso dedicarmi a tempo pieno alla lettura della filosofia senza sentirmi in colpa. Non ho ancora imparato l'abilità (di non sentirmi colpevole), ma ci sto lavorando. Questo è anche il motivo per cui sto avviando una serie occasionale di post sui blog dedicati ai singoli filosofi, scelti tra quelli che colpiscono la mia fantasia per un motivo o per l'altro. Ovviamente, un post sul blog non è il luogo appropriato per dare anche uno sguardo superficiale all'intero corpus di lavoro di un grande filosofo, quindi quello che farò invece è di commentare brevemente un certo numero di temi importanti relativi a ciascun caso particolare, e spero di stimolare le persone a leggere di più su quel filosofo. Iniziamo con il logico britannico del 20 ° secolo e con il teorico morale Bertrand Russell.

Russell è stato il primo filosofo che abbia mai letto, cominciando quando ero al liceo, e senza dubbio il ragazzo che per primo mi ha fatto entrare in filosofia. Era uno di quei lunghi e noiosi pomeriggi domenicali nella casa di mio padre a Roma, che passavamo ascoltando una trasmissione radiofonica delle partite di calcio del giorno. Stavo scannerizzando una delle raccolte di libri di mio padre con la stessa copertina, una di quelle cose che le persone che non leggono, per qualche ragione (colpa? Vergogna?), Amano avere nei loro scaffali in modo che possano fingere di avere un certo interesse per la cultura, anche se i suddetti libri sono vergini sulla libreria e il loro proprietario non potrebbe dirti la differenza tra Homer e Shakespeare se avesse sentito che alcune righe di L'Odissea erano in contrasto con gli estratti di Amleto.

Ad ogni modo, ho raccolto l'autobiografia di Russell, avendo sentito vagamente il nome prima. Non riuscivo a mettere giù quel dannato e continuavo a leggerlo come se fosse un romanzo avvincente (che in senso non finzionale lo è). Successivamente mi sono trasferito a Why I am Not a Christian, un altro libro molto influente in gioventù, e così via con molti altri di Russell. Sono stato rapito e trent'anni dopo sto per diventare un vero filosofo nello stesso dipartimento in cui viene prodotto il Bertrand Russell Society Quarterly. Ma abbastanza su di me, parliamo di Bert.

La vita di Russell era piena del tipo di eventi che riempiono le vite di molte altre persone, in parte perché ha vissuto un'esistenza molto lunga (è morto all'età di 98 anni), ma soprattutto perché l'uomo aveva un'incredibile quantità di energia fisica e mentale. Si è sposato quattro volte, ha scritto un numero incredibile di libri e articoli influenti sulla filosofia, ha avuto più volte problemi con la legge per i suoi sentimenti contro la guerra, e gli è stato negato un appuntamento alla City University di New York (dove sto andando la caduta) perché un giudice pensava che le opinioni di Russell espresse nel suo matrimonio e nella sua morale lo rendessero "moralmente inadatto" all'insegnamento nelle università americane.

Il principale interesse di Russell per la filosofia era nella logica e nella filosofia della matematica, e il suo principale risultato in questo campo è la monumentale Principia Mathematica, scritta in collaborazione con Alfred North Withehead. Il suo progetto era di fondare la matematica su basi logiche interamente autosufficienti, un progetto che alla fine fallì e fu in seguito dimostrato da persone come Kurt Godel (lui della fama di "incompletezza teorema") in linea di principio impossibile. Il lavoro di Russell fu tuttavia fondamentale e molto influente. Russell è anche comunemente riconosciuto come il padre di quella che oggi è conosciuta come filosofia "analitica" (al contrario dell'altra branca contemporanea più importante, la cosiddetta filosofia "continentale"). L'idea è che la filosofia dovrebbe occuparsi di chiarire l'uso del linguaggio, eliminare la confusione e liberarsi di proposizioni incoerenti o prive di significato (particolarmente abbondanti in alcuni scritti sulla metafisica).

Sinceramente, tuttavia, gli aspetti del pensiero di Russell che ritengo più rilevanti ancora oggi per la gente riguardano la sua politica e i suoi scritti sulla moralità. A differenza di molti progressisti durante la sua vita, Russell riconobbe presto che il regime comunista dell'Unione Sovietica era un disastro per i suoi cittadini e per l'umanità in generale, e di conseguenza era pubblicamente molto critico nei suoi confronti. In un modo tipico, ecco come è riuscito ad attaccare la rivoluzione sovietica e la Chiesa cattolica in un paragrafo:

"Uno che crede come me, che l'intelletto libero è il motore principale del progresso umano, non può che essere fondamentalmente opposto al bolscevismo tanto quanto alla Chiesa di Roma. Le speranze che ispirano il comunismo sono, nel complesso, ammirevoli come quelle instillate dal sermone sul Monte, ma sono considerate fanaticamente e hanno le stesse probabilità di fare altrettanto danno. "

Russell vide chiaramente anche la minaccia del nazismo davanti a molti altri, e di conseguenza pensò che la seconda guerra mondiale (a differenza della prima guerra mondiale) fosse necessaria e giustificata. Per un po 'nutrì grandi speranze nel ruolo degli Stati Uniti come forza positiva nella governance internazionale, ma quelle speranze furono tratteggiate dalla gestione da parte di Kennedy della crisi dei missili cubani prima e dalla guerra del Vietnam in seguito. Co-firmò un documento con Einstein nel 1955 che portò alla prima Pugwash Conference on Science and World Affairs un paio di anni dopo. Poco dopo divenne anche il primo presidente della Campagna per il disarmo nucleare (dal quale alla fine si dimise perché l'organizzazione non sosteneva quella sorta di disobbedienza civile per la quale Russell fu arrestato nel 1961).

L'uomo aveva fegato, e non aveva remore a lottare per, non solo per scrivere, le sue idee su una società giusta e pacifica. Di conseguenza, Russell ha scritto con forza su una varietà di altre questioni etiche, favorendo il diritto di voto delle donne, l'accesso al controllo delle nascite e i diritti per gli omosessuali, per citarne alcuni. In altre parole, era (ed è tuttora) l'ultimo incubo del bigotto conservatore. Devi amare l'uomo.

Lascia che ti lasci con una delle mie citazioni preferite di Bert, riguardante la questione della morte e il gusto per la vita:

"Credo che quando morirò marcirò, e nulla del mio ego sopravviverà. Non sono giovane e amo la vita. Ma io disprezzo di rabbrividire di terrore al pensiero dell'annientamento. La felicità è nondimeno vera felicità perché deve finire, né il pensiero e l'amore perdono il loro valore perché non sono eterni. "

Solutions Collecting From Web of "Bertrand Russell"