Bere sul posto di lavoro: Cool Perk o Pendenza scivolosa?

"Dicono che il lavoro di un uomo non è mai fatto. Dicono che non puoi mescolare gli affari con piacere. Dicono che le cose belle arrivano a coloro che aspettano. "- Anheuser Busch Super Bowl 2012 commerciale (http://www.youtube.com/watch?v=xppn7vF4ox4).

Quanto sopra sono state le prime righe in un annuncio del Super Bowl che ha promosso un nuovo prodotto – Bud Light Platinum – offerto da Anheuser Busch. Nell'annuncio un gruppo di uomini e donne (tutti trentenni) sono visti in quello che è chiaramente un ambiente d'ufficio. La scena di apertura, infatti, mostra un uomo seduto a una scrivania, con la testa in mano e chiaramente affaticato. Il messaggio è inconfondibile: puoi unire l'utile al dilettevole, e perché aspettare fino a dopo il lavoro per avere quel primo drink?

È interessante notare come Anheuser Busch stia semplicemente capitalizzando su quella che è già una tendenza emergente sul posto di lavoro che vale la pena guardare. Considera quanto segue:

  • La sede di Yelp Inc a San Francisco dispone di un frigorifero keg che i dipendenti sono liberi di usare quanto vogliono. Yelp gestisce yelp.com, un social network, una recensione degli utenti e un sito web di ricerca locale che ha presentato un'IPO da $ 100 milioni nel novembre 2011 (www.yelp.com). Eric Singley, direttore dei prodotti consumer e mobile di Yelp, sottolinea che l'utilizzo da parte dei dipendenti del barile viene monitorato tramite un'app per iPad come mezzo per scoraggiare l'uso eccessivo.
  • Lukas Biewald, CEO di CrowdFlower Inc, una società di collocamento (www.crowdflower.com) giustifica avere un frigo pieno di birra sottolineando che le lunghe ore trascorse dai dipendenti che lavorano in aziende come la sua, significano che la vita sociale e la vita lavorativa spesso sovrapposizione.
  • Twitter Inc. offre anche vino e birra nel suo frigorifero da ufficio (insieme a bevande analcoliche). "Trattiamo i dipendenti come adulti", afferma Jodi Olson, portavoce di Twitter, "e agiscono di conseguenza." (Www.businessweek.com/news/2011-03-14/booze-makes-comeback-in-workplace-with -Silicon-valle-twist-html)

EDPM, Inc (www.edpm.com) è una società specializzata nella fornitura di test antidroga e servizi di controllo dei precedenti. Il suo obiettivo dichiarato è "assistere i clienti nello sviluppo e nel mantenimento delle loro risorse più preziose, i loro dipendenti". Nel commentare la tendenza di cui sopra sul proprio blog aziendale, EDPM ha sottolineato che seguendo il suggerimento di Anheuser Busch e condonando il bere sul posto di lavoro (se è monitorato o meno) i datori di lavoro potrebbero assumersi delle responsabilità. "Se un dipendente lascia il lavoro con l'alcol nel suo sistema e si trova in un incidente, il datore di lavoro ha alcuna responsabilità?", Si chiedono (http: //blog/edpm.com/blog-0/bid/61561/Drinking- in-the-posto di lavoro-New-Trend-o-Vecchio problema).

Coerentemente con quanto sopra, Drs. Paul Roman e Terry Blum, scrivendo per l'Istituto nazionale di abuso di alcol e alcolismo riferiscono che lo sviluppo di programmi di prevenzione dell'abuso di alcol nei luoghi di lavoro negli Stati Uniti è rallentato notevolmente negli ultimi anni, nonostante il fatto che tali programmi possano essere efficaci (http: // pubs /niaaa.nih.gov/publications/arh26-1/48-57.htm). Citano anche statistiche che dimostrano che circa l'8% dei dipendenti a tempo pieno si autosommettono bevendo 5 o più bevande in 5 o più occasioni al mese. Non sembrerebbe ragionevole presumere che un simile comportamento sul bere non avrebbe alcun impatto sulla produttività dei dipendenti.

Una mancanza di politica, combinata con l'assenza di seri programmi di prevenzione dell'alcol e / o di una politica aziendale di tolleranza, potrebbe in effetti essere una pista scivolosa piuttosto che un vantaggio per molti dipendenti. In un sondaggio condotto su 6.540 dipendenti in 16 luoghi di lavoro che rappresentano un intervallo se industrie, il 23% dei dirigenti di livello superiore ha riferito di aver bevuto durante le ore lavorative del mese precedente (Mangione, TW, Howland, J. e Lee, M. New Perspectives for Strategie alcoliche sul luogo di lavoro: risultati di uno studio sul bere aziendale Boston, MS: JSI Research and Training Institute, 1998).

Tutto quanto sopra solleva la domanda: l'alcol è disponibile sul posto di lavoro giustificato da argomenti come lunghe ore di lavoro, la miscelazione del lavoro e della vita domestica, o l'aspettativa che i dipendenti agiscano in modo responsabile? Direi che non lo è.

"Quasi alcolico" e politica aziendale

Fino a poco tempo fa i professionisti della medicina e della salute mentale consideravano problematiche solo due categorie di alcol. Il primo, dipendenza da alcol , è quello che viene comunemente chiamato alcolismo. L'alcolizzato deve bere più o meno continuamente per mantenere un livello di alcol nel suo corpo. Se tutto l'alcol viene metabolizzato, l'alcolizzato va in astinenza e presenta sintomi fisici gravi e persino potenzialmente letali.

La seconda categoria diagnostica – l'abuso di alcol – viene utilizzata quando un individuo non è ancora fisicamente dipendente dall'alcol, ma ha comunque subito una o più gravi conseguenze direttamente attribuibili al consumo di alcol. Esempi di tali conseguenze sarebbero un arresto per guida sotto l'influenza o la violenza domestica, una malattia grave come il diabete, o la perdita di un posto di lavoro a causa delle scarse prestazioni.

Uomini e donne (e solo gli uomini e le donne) che soddisfano i criteri per l'abuso di alcol o la dipendenza sono stati considerati (dai professionisti e dagli assicuratori) per essere ammessi al trattamento. Tuttavia, questo potrebbe cambiare.

Come ha lavorato per la prima revisione del suo Manuale diagnostico e statistico (DSM) in più di 15 anni, l'American Psychiatric Association ha dato un nuovo sguardo a molte categorie diagnostiche. In considerazione è l'idea che alcune condizioni potrebbero essere meglio pensate come esistenti su uno spettro piuttosto che in termini di categorie discrete come l'abuso di alcol e la dipendenza. Il Dr. Robert Doyle e io sosteniamo questo approccio, in particolare per quanto riguarda il bere. Per essere precisi abbiamo proposto che il consumo di alcolici sia visualizzato in termini di spettro illustrato di seguito.

Noi crediamo che, al contrario di pensare che solo gli uomini e le donne il cui bere sia progredito verso l'estrema destra dello spettro del bere possano aver bisogno di aiuto, che in realtà molte persone nella fascia media potrebbero anche soffrire a causa del bere. Tale sofferenza può includere il calo delle prestazioni lavorative e il declino della salute che l'individuo non riconosce ancora come correlato al bere.

Qui ci sono alcuni segnali che indicano che un individuo potrebbe essersi allontanato dalla normale parte dello spettro del bere sociale e nella zona quasi alcolica . Tieni presente che non è solo se una persona beve per queste ragioni, ma anche quanto spesso lo fa in modo da determinare quanto lontano nella zona quasi alcolica che hanno osato.

  • Bevi per alleviare lo stress.
  • Bevi spesso da solo.
  • Non vedi l'ora di bere
  • Il tuo bere potrebbe essere correlato a uno o più problemi di salute
  • Bevi per alleviare la noia o la solitudine.
  • A volte guidi dopo aver bevuto.
  • Bevi per mantenere un "ronzio".
  • La tua prestazione al lavoro non è più quella di una volta.
  • Non ti senti a tuo agio nelle situazioni sociali senza bere.
  • Hai scoperto che bere aiuta a superare la tua timidezza.

La zona quasi alcolica è in realtà piuttosto grande. Le persone che lo occupano non sono alcolisti. Piuttosto sono uomini e donne le cui abitudini alimentari vanno dalle qualifiche a mala pena quasi quasi alcoliche a quelle il cui bere rasenta l'abuso. Una cosa che sappiamo di loro è che più il loro bere è in correlazione con le affermazioni di cui sopra, più è probabile che si spostino ulteriormente nella zona quasi alcolica.

La ricerca sul trattamento dei problemi di alcol ha progredito notevolmente negli ultimi quindici anni, grazie in parte al finanziamento di studi clinici controllati. Quella ricerca ha portato a una serie di strategie che gli individui possono utilizzare per interrompere o ridurre il loro consumo. Questi metodi sono descritti in Quasi alcolici: Il mio (o il mio amato) sta bevendo un problema ? Significativo è che si sono dimostrati efficaci non solo per gli uomini e le donne che dipendono dall'alcol, ma anche per quelli con problemi di alcolismo meno gravi.

L'attuale tendenza verso una politica aziendale meno severa, una programmazione di prevenzione meno attiva e una maggiore tolleranza al consumo di alcol possono molto probabilmente mettere a rischio un maggior numero di dipendenti per spostarsi nella zona quasi alcolica. Non possono essere alcolisti; allo stesso tempo un numero significativo di essi può progredire ulteriormente nella zona quasi alcolica nel tempo. Ironia della sorte, gli stessi tipi di politiche aziendali descritte sopra possono facilitare questo movimento. Anche se il loro bere potrebbe causare problemi, la maggior parte non creerà la connessione tra questi problemi e le loro abitudini di consumo.

Sulla base di quanto sopra, sembrerebbe che la tradizionale credenza – che ci debba essere un chiaro confine tra affari e piacere – sia la migliore politica aziendale. E nonostante lo spot Busch Super Bowl, "le cose buone non succedono necessariamente a chi non aspetta".

Per ulteriori informazioni visita www.TheAlmostEffect.com

Solutions Collecting From Web of "Bere sul posto di lavoro: Cool Perk o Pendenza scivolosa?"