Bere, droghe e la transizione all'università

Le storie dei campus universitari statunitensi possono essere spaventose. Bere fuori controllo, decisioni pericolose in stato di ebbrezza e abuso di droghe sono fin troppo comuni nelle università. I college e le università hanno faticato per affrontare con successo questi problemi. Hanno offerto programmi di sensibilizzazione, hotline per gli studenti che necessitano di supporto e vari livelli di repressioni e conseguenze. Mentre è facile incolpare i sistemi greci e la cultura del campus, posso dirti che c'è di più nella storia.

Negli ultimi 8 anni in cui abbiamo lavorato a programmi di anni sabbatici, abbiamo preso in considerazione le sfide del bere e della droga per studenti di 17-19 anni. Abbiamo la prospettiva unica di vedere le dinamiche sociali per gli studenti nella transizione del college perché i nostri programmi sono composti da coorti di 15-18 studenti. Acquisiamo una prospettiva più profonda sulle loro lotte personali con le decisioni relative all'alcol e alle droghe perché i nostri leader di programma fungono da mentori, inseriti nella loro vita quotidiana per un massimo di sette mesi. E, poiché i nostri programmi sono basati fuori dal campus, possiamo vedere tutto questo separatamente dalla comunità universitaria spesso incolpata.

Ecco le tre osservazioni dominanti che abbiamo fatto:

Le 3 identità di "bevitore" – Ci sono i non bevitori, l'infermiera che avrà uno o due drink da bere o perché stanno facendo scelte salutari, e i Bingers che non smettono di bere finché non sono seriamente ( spesso pericolosamente) ubriaco. Ci riferiamo a questi come "identità" perché gli studenti non sembrano prendere decisioni in un dato giorno su quale saranno, ma scelgono un'identità permanente legata al bere. Inoltre, tendono a sistemarsi socialmente attorno a queste identità. I non bevitori che socializzano lontano dagli altri; gli infermieri frequentano spesso, ma ai margini delle feste; e i Bingers, generalmente visti come i "ragazzi fantastici".

Fama non vergogna nel bere l'Anticio – Sentendo i Binger raccontare storie e osservare i loro pari Binger e Nurser reagire, è chiaro che c'è una fama, piuttosto che vergogna, per beffe ridicole o pericolose in stato di ebbrezza. I Bingers tendono a scambiarsi storie di ubriachezza estrema, atti potenzialmente letali o addirittura imbarazzi sociali in un modo di cercare di avere una storia più estrema di chiunque sia venuto prima. Un parallelo a questo potrebbe essere la pesca di storie o storie di guerra, dove la più grande cattura o la più straziante prova determinano il leader sociale del gruppo.

Miti della droga con prescrizione medica : se un medico prescrive un farmaco, deve essere sicuro. Questa ipotesi sembra essere estremamente comune tra gli studenti. Di conseguenza, gli studenti si scambiano spesso farmaci su prescrizione, a volte per aiutare qualcuno a gestire lo stress, a volte come una vendita. Ciò che è chiaro è che pochi riconoscono il pericolo di potenziali effetti collaterali, reazioni con altri farmaci o dipendenza. Raramente si ha conoscenza del fatto che lo scambio di farmaci da prescrizione è un crimine. Detto questo, una grande percentuale di studenti conosce qualcuno con una dipendenza.

Cosa stiamo facendo per affrontare alcol e droghe

Come educatori e adulti interessati, riteniamo sia essenziale garantire una sicurezza immediata. Vogliamo anche che gli studenti facciano scelte indipendentemente radicate nel rispetto di sé, i loro valori e un vero apprezzamento delle conseguenze. È quello che i genitori vogliono per i loro figli. È ciò che gli amministratori universitari vogliono per i loro studenti. In definitiva, è ciò che gli studenti vogliono per se stessi. Ma la sperimentazione e il collaudo dei confini, in particolare quelli relativi alle relazioni e alle pressioni tra pari, sono comuni e adatti allo sviluppo a questa età. Accoppiato con le sfide di salute mentale tra cui la depressione e l'ansia, alcuni adolescenti sono mal equipaggiati o incapaci di fare scelte sane senza prima affrontare i problemi di fondo.

Quindi, ecco cosa stiamo facendo per prevenire l'abuso di alcol e droghe durante i nostri programmi e negli anni successivi. Considerate le nostre conclusioni sopra, abbiamo progettato un approccio su più fronti:

Insegnare sull'uso e l'abuso – I nostri orientamenti del programma includono una sessione per gli studenti per conoscere l'uso e l'abuso di sostanze. Seguendo la consulenza professionale del nostro consulente psicologico, creiamo lo spazio per gli studenti per condividere apertamente le loro esperienze con le sostanze. Insegniamo la differenza tra uso, abuso e dipendenza. Vengono anche dette le regole e le conseguenze relative all'uso durante il programma. Quando gli studenti violano per primi la politica sul bere, perdono i privilegi e si impegnano in un processo di riflessione critica con un responsabile del programma. Un secondo reato alcolico o un singolo reato di droga si traduce in espulsione perché – come chiariamo agli studenti e ai genitori – i rischi associati a questo comportamento sono troppo alti durante i viaggi all'estero.

Fornire mentori olistici e qualificati – Gli studenti di età compresa tra 17 e 19 anni sono in un momento critico di sviluppo, sia in termini di transizione al college che nella loro crescita in età adulta. Creiamo rapporti di mentorship intenzionali e spazi per il mentoring che non giudica e parte della vita quotidiana degli studenti (nota: "ogni giorno" è usato letteralmente). Una combinazione di elaborazione strutturata e non strutturata con educatori qualificati rappresenta un supporto significativo quando gli studenti modellano la loro identità sociale e adulta, comprese le relazioni passate, presenti e future con le sostanze. È anche un'opportunità per sviluppare abilità per auto-riflessione e auto-cura fondamentali che servono gli studenti durante tutta la loro vita adulta.

Praticare un rapporto sano con l'alcol – Ogni gruppo ha incontri periodici per essere sociale e consentire un drink per coloro che scelgono di partecipare. Mentre alcuni studenti lamentano la limitazione a un drink, alla fine del programma c'è una certa familiarità nella pratica di passare un'ora insieme e di avere solo uno. Ogni evento è seguito immediatamente da una attività di gruppo completa per contrastare eventuali piani o inclinazioni per continuare a bere lontano dal gruppo.

Trattare i farmaci come la responsabilità Essi sono – Gli studenti che portano le sostanze controllate prescritte sono tenuti a portare una cassaforte chiudibile a chiave per immagazzinarli. Ogni mese, incontrano un responsabile del programma per contare le medicine per assicurarsi che ci sia la giusta quantità. Questo processo riduce il rischio di furto di farmaci da parte di altri studenti. Crea anche un sistema di supporto per quegli studenti che gestiscono le loro medicine per la prima volta (piuttosto che i genitori che gestiscono per loro).

Tenere gli studenti responsabili – Abbiamo espulso studenti dai nostri programmi per il mancato rispetto delle regole del programma relative all'alcol e alle droghe. Non è mai un processo facile per coloro che se ne vanno, i loro genitori o il gruppo di programmi che lasciano. Ma, crediamo che uno studente che è disposto a rischiare un viaggio senza pari che vive e apprende in tutto il mondo perché non può o non sceglie di limitare il loro uso di sostanze richiede un intervento serio.

Da ciò che i nostri alunni ci riferiscono, questi passaggi stanno aiutando. Riferiscono che stanno prendendo decisioni sul loro rapporto con le sostanze in modo più attento e critico. Condividono che arrivano nei loro campus universitari attoniti dalla pesante cultura festiva che un tempo erano entusiasti di aderire. Riferiscono anche di aver commesso degli errori, sia durante il nostro programma che in seguito. Ma spesso condividono queste storie nel tentativo di aiutarci a mantenere gli studenti sani e salvi durante il programma e negli anni a venire. Non abbiamo eliminato i rischi relativi all'uso di sostanze e agli abusi durante i nostri programmi, ma vediamo prove del fatto che questi passaggi sono migliori nell'equipaggiare gli studenti a modellare la loro relazione con le sostanze in base ai loro valori e all'amore per se stessi.

I nostri programmi di anno sabbatico affrontano una serie unica di rischi e sfide legate all'uso di sostanze per gli studenti nella transizione al college. Ma, abbiamo anche vantaggi critici rispetto alla realtà nella maggior parte dei campus universitari. Non possiamo immaginare quanto sia difficile affrontare questi problemi in un campus in cui la scena sociale prevede feste 4-5 notti a settimana. La nostra storia dimostra che gli studenti possono essere sostenuti per prendere decisioni salutari legate alla droga e all'alcool. Mostra anche che le culture possono essere create in comunità educative che favoriscono l'auto-riflessione e la crescita personale, nonostante le tendenze evolutive verso l'assunzione di rischi e il soccombere alla pressione dei pari. Non importa quanto sia grande una comunità universitaria, quasi il 25% della popolazione studentesca è nuova ogni anno. Questa è un'enorme opportunità di cambiamento.

Solutions Collecting From Web of "Bere, droghe e la transizione all'università"